venerdì 31 agosto 2012

Hurla Janus festeggia John Cage a Milano, il 5 Settembre, in Triennale!


17.00 - 18.00
Guida all’Ascolto “Empty Words”- Elio Marchesini

18.00 - 18.45
Dialogo tra Inkyung Hwang, autrice del "Lungo treno di John Cage” e Michele Porzio, autore della “Metafisica del Silenzio, John Cage” 

18.45 - 19.30
Concerto per pianoforte preparato, Christian Schmitz

20.00 - 22.00
Concerto e Performances a cura di HurlaJanus Ensemble (Elio Marchesini, Sandro Mussida, Alessandra Novaga), elettronica a cura di Giorgio Sancristoforo (Agon).
· Imaginary Landscape IV (1951) *
· Sonata for Clarinet (1933) - Stefano Cardo
· Telephones and Birds (Buskers) (1977) Hurla Janus
· Suite For Toy Piano (1948) - Lorena Portalupi
· Variations VI (1966) - Giorgio Sancristoforo
· The Wonderful Widow Of Eighteen Springs (1942) - Olivia Salvadori e Sandro Mussida
· Dream (1948) - Alessandra Novaga
· Composed Improvisation For Snare Drum Alone (1987) - Elio Marchesini
· Living Room Music (1940) - Hurla Janus + Stefano Cardo
· 4'33'' (1952) Inkyung Hwang e Christian Schmitz

* Elio Marchesini, Sandro Mussida, Alessandra Novaga, Olivia Salvadori, Stefano Cardo, Lorena Portalupi, Inkyung Hwang, Christian Schmitz, Matteo Codignola, Elena Russo Arman, Letizia Muratori

http://www.triennale.it/en/triennale-design-museum/mostre-e-attivita/1291-happy-birthday-cento-candele-per-john-cage

Review of Bruno Maderna, Liriche - Y Despues - Concerti, Stradivarius 2002


Maderna

Italian Translation

"This city is so beautiful and I know I will succumb to its charm,and I will become lazy" Corto Maltese.

Continuity in art is the enemy of opportunity, the man is not a perfect creature and in his dialectic with spasmodic search for perfection, which is an inexhaustible source of new creative energies, he must always be careful to balance this way, calcolate his energy’s drops, try to develop them as functional leaps inside a well-calibrated unity. This is the reason why artists that leave few signs of themself walks with an enigmatic aura around them, expecially when those signals are something special.
If a man who was born in Chioggia, closer to Venice and decided to end its human and artistic parable dying in Darmstadt, symbol of avantgarde and experimentation in the Fifties, where you coul meet Boulez, Pousseur, Berio, Nono, Stockhausen, Cage, Messiaen and instrumentalists as Gazzelloni, Tudor, Caskel, this man must have been something really special himself and must have given something special to those who have been lucky enough to get closet to him. Maderna had arrived in Darmstadt in 1951 in the wake of his great fame of orchestra’s conductor, fame that accompanied him throughout his career and would, some times, obscured and even placed in suborder his composer’s status.
In a few time he had been able to gain the trust of Dr. Strinecke, the organizer of those days of music, who invited him all the years and gave him the task of founding the famous Kammer-Ensemble.
Since he was a child, Maderna got the uncomfortable role of enfánt prodige, his aptitude for music was obvious, and in the absence of a protective family, he risked to become a circus phenomenon.
Thanks to the patronage of Mrs. Manfredi, a rich woman of culture, Maderna got the opportunties to make studies adequate to support his talent and, after the Conservative drawbench (Milan, Venice, Rome) to meet Malipiero and Scherchen , to study with them in the forties (despite the discomfort of a war parentheses lived in first person: the war of Russia, the Resistance, the prisoner’s camp).
During the post-war years Maderna consolidated a fruitful relationship with Luigi Nono Luciano Berio, with whom he founded in 1955 the Studio di Fonologia della Rai in Milan.
His image and his work, overwhelmed in the eighties by the mounting tide of neotonalism and neoromanticism, are far away from been relocated in their rightful place. Darmstadt and his school shall be questionable symbols, but not all his works are aprioristic condemnable and it’s undoubtedly true that the musicological research that has made some substantial step about him and his compositional modules, but what really matters about an author is how much of his music you can listen to.
So we can only welcome this recording of the italian Stradivarius label which represented a little-known but very interesting repertoire: there are the Verlaine’s Lirics , the Concerto for piano and the Concerto for oboe No.2 performed by Symphony Orchestra "G. Verdi" of Milan conducted by Maestro Sandro Gorli and his only work for guitar: Y Después for 10 strings guitar, dedicated to the guitarist Narciso Yepes and here performed by the excellent Elena Càsoli, and on this track I focus my attention because the Blog’s nature.
As I said, Y Después remains his only work devoted to guitar solo, a journey through Narciso Yepes, the ten strings guitar, Spain, Andalusia, the poem by Garcia Lorca, to meet the strength of primordial cante jondo. Y Después sings the streets of the Andalusian’s music, the gypsy people, here Maderna meets the gestures of flamenco’s guitar, the rasgueodos, her quick and aggressive notes, accents and rhythms, but above all he finds a pure monodic, original sound.
Using the grave strings non like simple fixed notes, but like the other six strings of the guitar, Maderna builds on the keyboard of this instrument complex arrangements and harmonies, dark sounds and clusters ever heard from a guitar. Maderna’s music is not easy listening, it shows special and original sounds that may appear like alien and unknown things, but they could awaken more then a conscience, lazy is the listener of our times and we know that at the end, as concluded by a melancholy Corto Maltese on background of the beautiful San Marco Square "Venice should be my end".

giovedì 30 agosto 2012

Review of Deviations by Dominic Frasca, Cantalupe Music, 2005



Italian Translation

Is it possible that a record of guitar’s music, a record of contemporary music, could be more interesting and fascinating then a record about rock music? The answer is yes if the musician is a guitar player like Dominc Frasca. This recorded, produced in 2005 for the recording label owned by Bang on a Can, this Deviations it is a record that binds your ears to the first listening. But perhaps mine is a partial judgment, this cd in fact draws to full hands into minimalist structures and music and for one like me that adores Steve Reich and Philip Glass it’s decidedly not so difficult to fall in love with these music and their sonorities.
I allow myself to say however that Dominic Frasca is indeed a very good guitarist. The notes on the cd say with pride that all the music are performed without any overdubs or other studio recordings tricks, and it’s difficult to believe it since notes jumps up from all the parts, with some counterpoint interlacements that makes me imagine Dominic to work with four hands ond the frets of his guitar.
The first passage "Dometude" composed by Marc Mellis is simply dragging, Frasca hammers his classical guitar better then what Eddie Van Halen could ever make (Eddie is quoted in the thanks of the cd) but all the tracks are simply great. Dominic signs two passages: Forced Entry and Deviations, while he signs the arrangements of all the remainders track, all composed by Marc Mellis with the exception of Two Pages by Philip Glass, indeed very beautiful.
I am happy to have succeeded in purchasing this cd, it’s out of print from a long time and I have got it only after a patient attended on ebay, but the collector knows how to wait and, as always, at the end he is always well repayed. If you love to listen (and even to play) Electric Counterpoint this cd is for you.

mercoledì 29 agosto 2012

Recensione di Deviations di Dominic Frasca, Cantalupe Music, 2005



English Version

Può un disco di chitarra, un disco di musica contemporanea, avvincere come un disco di musica rock? La risposta è sì se a suonare sono musicisti come Dominc Frasca. Disco uscito nel 2005 per la casa discografica dei Bang on a Can, questo Deviations è un disco che avvince al primo ascolto. Ma forse il mio è un giudizio parziale, questo disco infatti attinge a piene mani alle strutture e alle musiche di stampo minimalista e per uno che come me adora Steve Reich e Philip Glass non è decisamente difficile innamorarsi di queste musiche e delle loro sonorità.
Mi permetto con sicurezza di dire però che Dominic Frasca è un chitarrista davvero molto bravo. Le note del disco dicono con orgoglio che tutte le musiche sono eseguite senza l’intervento di sovraincisioni o altri trucchi da studio di registrazione, ed è difficile credergli dato che si sentono note da tutte le parti, con degli intrecci contrappuntistici che fanno immaginare Dominic lavorare a quattro mani la tastiera della sua chitarra.
Già il primo brano “Dometude” di Marc Mellis è semplicemente trascinante, Frasca martella la tastera della sua chitarra classica meglio di quanto potrebbe fare Eddie Van Halen (citato nei ringraziamenti) ma tutti gli altri brani non sono da meno. Dominic firma due tracce: Forced Entry e Deviations, mentre firma gli arrangiamenti di tutti i restanti brani, tutti composti sempre da Marc Mellis con l’eccezione di Two Pages targato Philip Glass, davvero molto bello.
Sono contento di essere riuscito ad acquistare questo cd, è da tempo esaurito e l’ho rintracciato solo dopo un paziente attesa su ebay, ma il collezionista sa aspettare e, come sempre, alla fine è sempre ben ripagato. Se amate ascoltare (e magari suonare) Electric Counterpoint questo disco fa per voi.

martedì 28 agosto 2012

Review of Uses Wrists Grab by Bone, Cuneiform Records, 2003


Italian Translation

I think the name of the group will be perfectly unknown .. I hope much less the names of the musicians involved in this "power trio": Hugh Hopper, from Soft Machine and an infinite number of solo albums and collaborations, has always been a very original composer and extremely influential bass player, the one that you recognized after having heard a single note. Musician, composer, leader of Doctor Nerve and computer programmer, Nick Didkovsky seems to have so many projects and the possibility to follow that it's not possible to understand how he manages to keep going. John Roulat is the drummer of Forever Einstein by Vrtacek Charles, whose CD Opportunity Crosses The Bridge was produced by Didkovsky himself and according to the booklet notes, the two have played together in a rock band in high school.
Uses Wrist Grab is a perfect record to give the electric guitar's fans the opportunity to listen to a great guitarist at work in a situation that seems designed to highlight his skills, namely: intelligence, variety, maturity, passion and massive doses of real fun. The key is the drums of John Roulat: polyrhythmic, flexible, lively, full of verve, very true.
The opening track, To Laugh Uncleanly At The Nurse - already in the repertoire of Fred Frith Guitar Quartet - is interesting. But the highlights of the album are the number two, Foster Wives, Air Trophy: a nice rock guitar riff setting, with a couple of guitar solos very interesting. Same goes for Chaos, No Pasties, with the guitars of Didkovsky that perfectly complement a gloomy and threatening atmosphere. The other surprises: for example, the version for percussion (overdubbed) of Hopper's Hotel Romeo, the work of software that brings to mind some of the procedures of Doctor Nerve, prepared guitars and overdubbed (and the rhythmic accents) of Overlife, Part 1. The cd comes to an end with the interesting and meditative atmosphere of Little End Or Beginning.
I hope that many will listen to this CD, it's not "hard" (not at all), but that is highly creative.

R.I.P. Hugh Hopper

lunedì 27 agosto 2012

irid. visual concert_ la musica trova la propria immagine


Fondazione-Milano_Sfumato+nome pos.gifmilano civica scuola di musicain collaborazione con miticiregione lombardia
irid.
visual concert_ la musica trova la propria immagine
una serata di musicaprime esecuzionimusica elettronica
video in tempo realevideo mappingperformance, proiezioni
5 settembre 2012 h. 21.00 Auditorium Lattuada
Corso di Porta Vigentina 15/a - Milano 
ingresso libero fino a esaurimento posti

_____________________________________________________________________________


un progetto di Silvia Cignoli e Andrea Tremolada, fra i vincitori del bando MITiCi 2012 
con il sostegno di Milano Civica Scuola di Musica - Fondazione Milano®
_____________________________________________________________________________

MITiCi - Parco dei Talenti Creativi è un progetto di Fondazione Milano® nato nel 2009 grazie al cofinanziamento di Fondazione Cariplo, al sostegno economico della Provincia di Milano e al contributo del programma Lombardia Eccellentedella Regione Lombardia. Scopo dell’iniziativa è offrire ai giovani, nel campo delle arti performative e dei nuovi linguaggi multimediali, l’opportunità di realizzare le proprie opere, di farle conoscere e di confrontarsi nello stesso tempo con l’attuale sistema produttivo attraverso un festival/vetrina annuale in cui vengono presentati video, performance, opere musicali, progetti social, installazioni, spettacoli teatrali, tutto nel segno della creatività e della libertà espressiva.
In questo contesto, e attraverso la formula delle piccole performance e delle interazioni video, nasce irid., visual concert premiato per l'alta componente di sperimentazione musicale.

irid. porta avanti un discorso sulla multimedialità e sull'interazione fra i diversi medium artistici. Lo spettacolo si concentra infatti su due temi cari alle avanguardie: le "sinestesie” artistiche (convergenze dei linguaggi verso il terreno comune della performance, dell'azione scenico-musicale) e il confronto e interazione tra suono tradizionale, sound elettronico e ibridazioni tecnomultimediali.


con
Silvia Cignoli _ chitarre
 
Cinzia Cruder _ flauto e ottavino
Matteo a Marca _ sax 
Roberta de Stefano _ performer
musiche 
Andrea Tremolada _ Rituals I
Giorgio Colombo Taccani _ Antilia
Luca Valli _ La vecchia chitarra del fado dei mari pieni di pericoli
Maria Teresa Treccozzi _ Hydraj 
Tristan Murail _ Tellur 
Francesco Zago _ Brachilogia 2 
Andrea Tremolada _ Intentions
Nadir Vassena _ In Tempore Belli 
Andrea Tremolada _ Nightly (night fragments) 
Fausto Romitelli _ Trash Tv Trance 
Video e proiezioni a cura di
Roberto Mucchiut, Andrea Carlotto, Ezio Taeggi, Andrea Aguzzi, Paolo Botta, Ettore Tripodi

http://www.facebook.com/iridensemble
http://irid.altervista.org/
http://www.fondazionemilano.eu/musica/

Recensione di Uses Wrists Grab di Bone, Cuneiform Records, 2003


Il nome del gruppo penso sarà a tutti perfettamente sconosciuto .. spero molto meno i nomi dei musicisti coinvolti in questo “power trio”: Hugh Hopper, dai Soft Machine a una infinità di album solo e collaborazioni, è sempre stato un compositore originalissimo e un bassista estremamente influente e particolare, il tipo che si riconosce dopo aver sentito una sola nota. Musicista, compositore, leader dei Doctor Nerve e programmatore di computer, Nick Didkovsky sembra avere tanti di quei progetti e di quelle possibilità da seguire che non si capisce come faccia ad andare avanti. John Roulat è il batterista dei Forever Einstein di Charles Vrtacek, il cui CD Opportunity Crosses The Bridge e stato prodotto da Didkovsky e secondo le note di copertina i due hanno suonato insieme in una rock band ai tempi del liceo.
Uses Wrist Grab è un disco perfetto per dare la possibilità agli appassionati di chitarra elettrica per ascoltare un grande chitarrista al lavoro in una situazione che sembra studiata per mettere in risalto le sue doti, ovvero: intelligenza, varietà, maturità, passione e dosi massicce di autentico divertimento. L'elemento chiave è la batteria di John Roulat: poliritmica, flessibile, viva, piena di verve, estremamente vera.
Il brano di apertura, To Laugh Uncleanly At The Nurse - già nel repertorio del Fred Frith Guitar Quartet - è interessante. Ma i pezzi forti del disco sono la numero due, Foster Wives, Trophy Air: un bel riff chitarristico di impostazione rock, con un paio di assolo di chitarra decisamente interessanti. Stesso discorso per Chaos, No Pasties, con le chitarre di Didkovsky che completano perfettamente un 'atmosfera cupa e minacciosa. Altre le soprese: ad esempio la versione per sole percussioni (sovraincise) della hopperiana Hotel Romeo, il lavoro di software che richiama alla mente alcune procedure dei Doctor Nerve, le chitarre preparate e sovraincise (e gli accenti ritmici) di Overlife, Part 1.chiude questo disco decisamente interessante le atmosfere meditative della hopperiana Little End Or Beginning.
Spero davvero che molti recupereranno questo CD, che non è "difficile", ma che è altamente creativo.

R.I.P. Hugh Hopper

domenica 26 agosto 2012

Master class: Nuccio D'angelo e Nicola Martinucci



Al Baluardo Velasco dal 24 al 27 settembre, corso di improvvisazione musicale con il maestro Nuccio D’angelo. 

http://www.4shared.com/office/Ei49ChID/MASTER_CLASS_DANGELO_BALUARDO_.html

Al Baluardo Velasco dal 14 al 21 ottobre, corso perfezionamento vocale con il maestro Nicola Martinucci. Per il bando e le modalità di iscrizione vedere gli allegati.

http://www.4shared.com/office/IdbgNjua/MASTER_CLASS_MARTINUCCI_BALUAR.html

sabato 25 agosto 2012

Gilbert Imperial in concerto domenica 2 settembre


"FORUM GITARRE WIEN 2012"


"FORUM GITARRE WIEN 2012"

26.8 – 1.9.2012
Großer Ehrbahrsaal, Mühlgasse 30, 1040 Wien

KARTENVORVERKAUF:
Musikhaus Georg Haid, Alserstrasse 36, 1090 Wien, 405 34 59
INFO: +43 (0)676 75 75 646
jorgos@vienna.at          http://www.forum-gitarre.at
--------------------------------------------------------------------------------------------------

ABENDKONZERTE

So.  26. 8.        Eröffnungskonzert:
19:30               Zsombor   SIDOO                 Ungarn
                    KALTCHEV Guitar Duo          Bulgarien
Werke von L. v. Beethoven, A. Piazzolla, M. Rokeach, M. De Falla, L. Legnani, F. Martin
                                                            Mo. 27. 8.       David         DYAKOV              Bulgarien
19.30              
Werke von W. Walton, J. S. Bach, M. Giuliani, N. Paganini,

Di. 28. 8.         Kerstin      NEUBAUER         Österreich                 
19.30               Werke von J. S. Bach, N. D’ Angelo, I. Albeniz, M. Giuliani, R. Dyens, L. Brouwer

Mi. 29. 8.        Carlo          MARCHIONE      Italien                                     
19.30               Werke von F. Sor, F. Werthmüller, F. Molino           
                                            Do.30. 8.         Marcin       DYLLA               Polen 
19.30               Werke von F. Schubert, F. Chopin, M. M. PonceM. Lindberg E. Granados

Fr.  31. 8.        Alvaro       PIERRI                  Uruguay
19:30               Werke von D. Scarlatti, F. Zappa, F. Sor, „Guinga“ , A. Barrios, D. Bogdanovic
           
Sa. 1. 9.           FINALE  17. Internationaler Wettbewerb „FORUM GITARRE WIEN 2012“
18.30
 
NACHMITTAGSKONZERTE (Eintritt frei)

Mo. 27. 8.     Eduard       LEATA                  Rumänien              
15:00                                              

Di.  28. 8.        Doppelkonzert         15:00             Domagoj   PAUKOVIC          Kroatien
                        
Takuya       OKAMOTO           Japan 
 
NOTEN- & INSTRUMENTENAUSSTELLUNG

NOTEN:               Musikverlag Joachim Trekel, Chanterelle Verlag
INSTRUMENTE: Stefan Nitschke, Paolo Coriani, Leszek Gajdzik, Lukas Giefing,
Armin & Mario Gropp, Antonio Manjón, Roland Metzner,
Heinrich Nusko, Daniel Zucali

venerdì 24 agosto 2012

Review of Vignes by Acoustic Guitar Trio, Long Song Records, 2009



Italian Version

Unfortunately this recording is the last possibility to listen to these three musicians playing together: Rod Poole has been murdered in the 2007. This Vignes is the recording of the concert in Los Angeles to the Downtown Playhouse the 26th of July 2003 and in the back of the cd it’s proudly written "This Music Is Improvised." All three musicians risk venturing themselves in the microtonal universe that the British guitarist Rod Poole had obsessively explored, playing on an open tuned instrument played with a violin’s bow. All three the musicians don't belong to a musical tradition, having set aside from a long time concepts as "musical genre." Well yes, Cline is known for being the guitarist of the Wilco, but saying he plays rock music would be a very limitative way to describe his job. McAuley has a more folk sound, but also this category doesn’t belong to him. And Poole apparently lived in a world of his own. "Vignes 1", the first long improvisation, starts in calm way, in a rather conventional way, but then it changes into a hypnotic and strange, dark and bright piece where structure and rhythm are progressively remised for the exploration in pure sound, even if not always recognizable, of the guitar. "Vignes 2" returns to an atonal, but at the same time rhythmic improvisation with waving and dense sequences. "Vignes 3" brings the Acustic Guitar trio on adventurous paths, with Poole playing the bow on his strings. He doesn't play as Jimmy Page or Raoul Björkenheim, but his sound has at times a sharp quality, almost painful, at times beautiful that doesn't certainly leave indifferent.
Even if this music certainly is not for all the tastes, the musical explorations of the trio and the new perspectives offered by their acoustic guitars deserve a circumstantial listening and I am proud that has been produced by the Italian label Long Song Record

giovedì 23 agosto 2012

Recensione di Vignes di Acoustic Guitar Trio, Long Song Records, 2009



Purtroppo questa registrazione resta l’ultima possibilità per ascoltare questi tre musicisti suonare / creare / giocare assieme: Rod Poole è stato assassinato nel 2007. Questo Vignes è la registrazione del concerto tenutosi a Los Angeles presso la Downtown Playhouse il 26 luglio del 2003 e il retro del cd cita orgogliosamente “This Music Is Improvised”. Tutti e tre i musicisti arrischiano avventurandosi in quel universo microtonale che il chitarrista britannico Rod Poole aveva esplorato ossessivamente, suonando su un strumento accordato in open tune e suonato con l’archetto di violino. Tutti e tre i musicisti non fanno parte di una tradizione musicale, avendo da tempo accantonato concetti come “genere musicale”. Beh sì, Cline è noto per la sua appartenenza ai Wilco, ma parlare di musica rock sarebbe un modo molto limitativo per descrivere il suo lavoro. McAuley ha un suono più folk, ma anche a lui questa categoria sta stretta. E Poole apparentemente viveva in un mondo tutto suo. "Vignes 1", la prima lunga improvvisazione, comincia in modo calmo, in un modo piuttosto convenzionale, ma poi si trasforma in un pezzo ipnotico e strano, oscuro e luminoso dove struttura e ritmo vengono progressivamente abbandonate a favore dell’esplorazione nel suono puro, anche se non sempre riconoscibile, della chitarra. "Vignes 2" ritorna a una improvvisazione atonale, ma allo stesso tempo ritmica con sequenze incalzanti e ondivaghe. "Vignes 3" riporta l’Acustig Guitar trio su sentiri avventurosi, con Poole che suona l'arco sulle sue corde. Non suona come Jimmy Page, o Raoul Björkenheim, ma ha una qualità di suono stridente a volte quasi dolorosa, a volte bella che non lascia certamente indifferente. 
Anche se questa musica non è certamente per tutti i gusti, le esplorazioni musicali del trio e le nuove prospettive offerte dalle loro chitarre acustiche meritano un ascolto circostanziato. Da italiano sono orgoglioso che sia stato inciso dall’etichetta Long Song Record.

mercoledì 22 agosto 2012

Chitarra classica in vendita di Mauro Tonolli - Selling classical guitar by Mauro Tonolli





Vendesi chitarra classica di liuteria realizzata da Alan Wilcox nel 1979.  Prezzo: 4500€.

Contattate Mauro Tonolli: tonollimauro85@gmail.com

Selling classical guitar made by the luthier Alan Wilcox in 1979. Price: € 4500.

Contact Mauro Tonolli: tonollimauro85@gmail.com

Chitarra classica in vendita di Giorgio D'Ambrosio - Selling classical guitar by Giorgio D'Ambrosio

Vendesi chitarra classica di liuteria "Fabio Schmidt" appena riverniciata. Ottima da studio ma è anche una buona chitarra da concerto; tavola in abete e fasce e fondo in palissandro indiano. Prezzo: 2100€.

Contattate Giorgio D'Ambrosio: giorgiodam1@hotmail.it

Selling classical guitar made by the luthier Fabio Schmidt recently painted. Excellent for study, but is also good for concert, spruce top and solid Indian rosewood back and sides. Price: € 2100.

Contact Giorgio D'Ambrosio: giorgiodam1@hotmail.it


martedì 21 agosto 2012

Concerto di Sergio Sorrentino



Festival Internazionale della Chitarra di Lagonegro (XXIX Edizione)
Concerto di Sergio Sorrentino
"La Chitarra in Italia - Avanguardia e Tradizione"
Giovedì 23 agosto 2012
ore 21:15
Chiesa del Convento dei Padri Cappuccini - Lauria

musiche di Masetti, Farrauto, Cifariello Ciardi, Casti, Ceccarelli, Berio, Ferrari-Trecate, Piacentini, Maderna, Sorrentino, Corghi (brano fuori programma: 5 Bagatelles di Lin-Ni Liao)

World Premiere di Jazz Motetus (Riccardo Piacentini, dedicato a Sergio Sorrentino)
e di Tang'Jok Guitar di Azio Corghi (Trascrizione per chitarra di Sergio Sorrentino, Edizioni Ricordi)

info@lagonegromusica.it
tel. 3490581950

Review of In the Grass by Marc Ducret e Bobby Previte, enja 1998



Italian Translation

Marc Ducret, guitar, and Bobby Previte, drums, are two among the most interesting, productive and revered musician/composers/improvisors of the contemporary/modern jazz. We have the pleasure to listen to them in duo in a record “In the Grass” characterized by a bloody and vivacious sound.
The opening track, “Fifty is a hundred, a hundred is a thousand...” shows very well the "angolar" and distorted style and the fluid and elastic touch of the electric guitar of Ducret while Previte approaches to the his hard and effective rhythm also the sound of electronic keyboards.
In "Very Handy" Ducret loosens the sound of his guitar through rapid, sudden, torrential solos, while in "Du Du Du" he chooses an head to head against the fanciful polyrhythmic structures of Previte that becomes almost furious in "Walking In The Dust."
So these two musicians bite very hard, In the Grass is a record that shows sweat and passion, Ducret knows how to extract sharp and acute sounds from his electric instruments and Previte decidedly refuses to be left in an angle, you can really feel that these two are having a good time and that they know how to draw the best from their collaboration. Beautiful cd, away from so many intellectualisms but surely well played and without any allowance to easy falls of style. Hard and pure. Exceelnt!
Small note for the guitar fetishists: in this record Ducret also plays a fretless and a baritone guitar, always electric.

lunedì 20 agosto 2012

Recensione di In the Grass di Marc Ducret e Bobby Previte, enja 1998



Marc Ducret, chitarrista, e Bobby Previte, batterista, sono due tra i più interessanti interpreti del jazz contemporaneo. Qui abbiamo il piacere di ascoltarli in duo in un disco dal suono sanguigno e vivace.
Il brano di apertura “Fifty is a hundred, a hundred is a thousand...” mette ben in mostra lo stile “spigoloso” e distorto della chitarra elettrica di Ducret dal tocco fluido e elastico mentre Previte accosta alla sua ritmica inciva e efficace anche il suono di tastiere elettroniche.
In “Very Handy” Ducret scioglie il suono della sua chitarra attraverso rapidi, improvvisi, torrenziali assoli, mentre in “Du Du Du” sceglie un testa a testa contro le fantasiose strutture poliritmiche di Previte che diventano quasi furiose in “Walking In The Dust”. 
Insomma i due ci danno dentro, In the Grass è un disco che sa di sudore e di passione, Ducret sa estrarre suoni taglienti e lancinanti dalla sua elettrica e Previte rifiuta decisamente di farsi mettere in un angolo, si sente che i due si divertono e che sanno trarre il meglio dalla loro collaborazione. Bel disco, lontano da tanti intellettualismi ma sicuramente ben suonato e senza nessuna concessione a facili cadute di stile. Duri e puri. Bravi!
Piccola nota per i feticisti: in questo disco Ducret suona anche una chitarra fretless e una baritone, sempre elettriche.

domenica 19 agosto 2012

AlchEmistica netlabel



AlchEmistica nasce da un’idea, una intuizione di Mario Marino, Micro Salvadori e Lorenzo Isacco, fondatori di Laverna, casa discografica operativa solo su internet e interamente dedicata alla musica elettronica, e Andrea Aguzzi, gestore dei Blog Chitarra e Dintorni Nuove Musiche e Contemporary Guitars Blog,dedicati alla musica per chitarra contemporanea.
L’idea di partenza era quella di replicare il successo di Laverna andando ad operare anche nel campo della musica classica e contemporanea, settori musicali particolarmente interessanti per idee, proposte e contenuti ma che fino ad ora si erano tenuti lontano e ai margini dalla multimedialità, dalle possibilità di diffusione offerte da un mezzo come il world wide web e dalle opportunità di una licenza come la Creative Commons, che diversamente dalla licenza SIAE lascia ai musicisti maggiori margini di possibilità per farsi ascoltare, pur mantenendo sempre la proprietà intellettuale dei propri risultati artistici.
L’obiettivo dichiarato è quello di promuovere idee musicali, modi di ascolto, musicisti innovativi e diffondere il più possibile forme culturali di nicchia, lontane dalla massificazione culturale su cui da tempo i media di stato e i canali commerciali si sono fossilizzati e appiattiti, ben consci del fatto che esiste comunque un pubblico attento e desideroso di ascoltare e di apprezzare una proposta più vasta, ampia e intelligente.
AlchEmistica nasce da queste ambizioni e da questi sogni, riuscirci sarà frutto della nostra e vostra passione e impegno. Buon ascolto. Tutte le musiche di AlchEmistica sono liberamente ascoltabili e scaricabili. Se volete, potete aiutare questo progetto con una vostra donazione.


Adolfo La Volpe, Pablo Montagne: 15 Improvisations



PABLO MONTAGNE – P.Pascale acoustic guitar (with old strings), Adolfo’s little Washburn ADOLFO LA VOLPE – P.Pascale acoustic guitar (with new strings) Recorded by Adolfo La Volpe at Adhil Studio, Ceglie del Campo (Ba), November 3, 2011; Mixed by Adolfo La Volpe & Mimmo Galizia; Front cover drawing: Andrea Montagne Our website: www.chaqueobjet.net Eccoli ancora, questa volta assieme in un duo acustico, Pablo Montagne e Adolfo La Volpe tornano su AlchEmistica con un nuovo lavoro assieme alle loro chitarre. Si sa come vanno queste cose, due amici si incontrano, si conoscono da tempo, hanno suonato tante volte assieme e sanno come far dialogare i loro strumenti. Una semplice visita di amicizia diventa la scusa per scambiare un paio di idee musicali, per lasciar parlare le chitarre, per cesellare 15 improvvisazioni, 15 scampoli di discorsi, 15 dialoghi. Poi la scelta di riascoltarsi, valutare il materiale e decidere di farlo uscire con AlchEmistica. Potevano perdere questa occasione? No assolutamente. Mancava solo la cover, a questo ha provveduto Andrea Montagne e non poteva disegnare meglio due musicisti così

McGuffin Electric – Guitar Improvisation Project




Rieccoci con un nuovo Guitar Improvisation Project! La settima uscita per le chitarre che improvvisano è firmata da Matteo Fiorini, in arte McGuffin Electric, che firma una release dove la sua chitarra vola attraverso otto improvvisazioni rarefatte, dilatate, quasi baileyiane nella loro forma– assenza di forma. È jazz? È avanguardia? È contemporanea? È una nuova possibilità? È solo confondere le acque? È così grave pensare e provare che la composizione deve abbandonare certe sue posizioni e scendere a valle? McGuffin Electric è uno dei tanti figli del suo tempo che cerca di esprimere le sue idee, la sua creatività con una sei corde elettrica. AlchEmistica è fiera di presentare questo nuovo lavoro e di allargare così ancora di più la schiera del Guitar Improvisation Project! Grazie Matteo!



Bach Guitar Duo: Obstinatum - [Chaconnes & Passacalles]


ascolta e scarica liberamente

A partire dalla loro ingresso sulla scena della scrittura musicale nel primo Seicento ciaccona e passacaglia valgono come cifra della musica strumentale barocca: entrambe si dispongono come sontuose figurazioni, sempre cangianti, costruite su una formula ritmico armonica ricorrente. Come un emblema ciaccona e passacaglia sono fatte per essere esposte alla visione/all'ascolto, per destare la massima attenzione dell'osservatore: ma come ogni emblema le due forme invitano anche ad una lettura esperta, ad una una decifrazione che si estenda oltre la semplicità di un primo sguardo. Le formule retoriche che scandiscono i diversi momenti di ciaccona e passacaglia sono segnate da strategie di scrittura che destano la meraviglia dell'ascoltatore tanto in un modo diretto e immediato (per il loro effetto musicale puro: al primo ascolto) quanto in modo mediato e indiretto (per il loro valore di codice destinato ad un'ascoltatore che riconosca, da esperto, la grammatica di quello che accade – ad esempio leggendo l'apparizione di un passo che procede per seste parallele come affectus tristitiae). Come per ogni emblema barocco dunque, il gioco fra diretto e indiretto, fruizione percettiva e intellettiva, si alimenta continuamente come in un interminabile rimando di specchi in cui il piacere dei sensi e il gioco della riflessione si innescano vicendevolmente. L'antologia di passacaglie e ciaccone presentata dal Bach Guitar Duo permette di comprendere il fascino di queste forme per come sono state praticate tra Seicento e Settecento nella letteratura dei paesi di lingua tedesca. è allora utile inquadrare brevemente cosa ciaccona e passacaglia sono in questa letteratura e in cosa consiste la loro preziosità specifica che permette di distinguerle da una semplice serie di variazioni sul tema dato – come nel caso di un passamezzo del tipo contenuto nel Tratado de Glosas di Ortiz (Roma, 1535) – o dalle loro versioni omonime, precedenti e successive (come la la Passacaglia per orchestra di Anton Webern, ultimata nella Vienna del 1908).....


Sergio Sorrentino - Guitar Improvisation Project



Di ritorno dopo il suo “Impro - Interferenza sull' Inno Nazionale” uscito il 17 marzo su AlchEmistica, Sergio Sorrentino partecipa al Guitar Improvvisation Project con un lavoro sofisticato e articolato in ben otto tracce che lo vedono suonare sia la chitarra elettrica che la classica. Sergio firma quindi la nostra sesta uscita per improvvisazioni chitarristiche dimostrando come questa forma musicale stia lentamente ma irresistibilmente conquistando ormai anche ambiti che finora le erano alieni come la musica classica e la contemporanea. Musica cinematica, fluida, coinvolgente e allo stesso tempo interessante, innovativa proiettata nel presente ma con un forte legame col passato come dimostra l'” Hommage à Maderna”. A noi resta il grande piacere di continuare nel nostro lavoro di proposta e di presentazione di musiche e di musicisti innovativi, a voi la possibilità di ascoltarli mentre ci presentano il loro mondo, fatto di note, di silenzi, di atmosfere. Grazie Sergio.
Sergio Sorrentino - Guitar Improvvisation Project
 1) Prologo
 2) Dots
 3) Alchemistica
 4) Bells in a foggy landscape
 5) Hommage à Maderna
 6) Solo with rain
 7) Touch
 8) Epilogo

 Recorded in Italy by Luigi Pisanti Music Zone (tracks 1-8), Andrea Ferraris (tracks 3-4-6),Sergio Scusello (tracks 2-5-7). Mastering by Andrew McKenna Lee, Brooklyn, New York City (tracks 1-8).


Sergio Sorrentino - Impro - Interferenza sull' Inno Nazionale



17 marzo 2011. 150° Anniversario dell'Unità d'Italia. Fin troppe polemiche. Fin troppi discorsi. Fin troppa retorica. Poi il suono, il Suono di una chitarra elettrica e di un drone elettroacustico. La musica. L'inno di Mameli. Sergio Sorrentino ci regala, regala a tutti noi un momento, un pensiero, un suono che è meditazione, emozione, innovazione. Perchè al di là della politica, al di là della polemica, al di là della memoria e anche al di là degli uomini esiste e esisterà sempre la musica, un Suono che è oltre, che va oltre, che può pulire, innovare, rinnovare e segnare un nuovo percorso. I tempi che viviamo ci mostrano ogni giorno che abbiamo bisogno di nuove idee, di innovare e di migliorare, di salire sulle spalle dei nostri padri e di guardare lontano. La chitarra elettrica di Sergio Sorrentino reinterpreta l'Inno Nazionale rivestendolo di una veste nuova, mostrandolo in una luce nuova. Da parte nostra, da parte di AlchEmistica i nostri ringraziamenti per aver scelto la nostra netlabel per diffondere questa idea, questo pensiero, questa nuova forma.


M Tabe - Guitar Improvisation Project



Marco Tabellini, in arte M Tabe, sembra avere il dono della tempestività: riesce infatti a siglare la decima realise con AlchEmistica, il quinto Guitar Improvisation Project e a festeggiare contemporaneamente il primo anno di attività della nostra netlabel. Decisamente non male! Lo fa con un Guitar Improvisation Project con sette tracce dai nomi e dai gusti orientali, discreti. Con una musica che lascia parlare il suono, lascia spazio alle risonanze evanescenti della chitarra, e utilizza alcuni elementi ricorrenti per disegnare degli spazi, dei momenti di oblio, di quieta apparente staticità. Inutile soffermarsi a parlare di musica tonale o atonale, di pieni o di vuoti, piuttosto parliamo di spontaneità. Questa sembra essere la parola d'ordine, l'elemento chiave non per definire ma per entrare all'interno di questo mondo musicale, alla fine così semplice e allo stesso tempo complesso.

Lucia D'Errico - Guitar Improvisation Project



Lunedì 31 gennaio 2011 è partita Impronta Musicale, iniziativa che si propone di promuovere giovani chitarristi/e diplomandi e/o neodiplomati particolarmente interessati al repertorio contemporaneo. Appena partita già offre elementi di grande qualità. Lucia D’Errico, aderendo a tale iniziativa, si propone agli appassionati che seguono AlchEmistica, con il quarto capitolo del progetto Guitar Improvisation. Lucia propone due improvvisazioni realizzati il primo con chitarra elettrica ed il secondo con chitarra classica e MacGuffin. Un insieme di suoni poco chitarristici e più figli dell’evolversi della tecnologia per l’uomo e per la musica: un immergersi in un universo che lega il ricordo ancestrale amniotico con i suoni tecnologici e futuribili. Il concetto di tecnologia, di meccanismi, di meccanicità si riflette anche nel secondo brano, suonato con strumenti più classici, ma che incalza con un ritmo ostinato di decostruzione progressiva di una proiezione di una sorta di disco music ancestrale. Ineccepibile e divertente, intenso ed ispirato: un lavoro maturo, un lampo dell’improvviso.. Anche in questo quarto appuntamento, Guitar Improvisation Project rimarca tratti di innovazione e di suoni fuori dal comune sentire. Non resta che premere il tasto sinistro sopra “download mp3 release + images” e nuotare con Lucia.

Silvia Cignoli: Secondary Colours Inspire Me More Than Primary One





Settima realise per AlchEmistica! La nostra piccola netlabel sta poco a poco raccogliendo nuovi consensi e collaborazioni. E' la volta di Silvia Cignoli, giovane chitarrista classica votata alla musica contemporanea. Il suo “disco” per AlchEmistica “secondary colours inspire me more than primary ones” , titolo che riflette il suo interesse per la pittura e per le arti figurative. Silvia riesce in questa realise a unire tra loro due repertori diversi e apparentemente inconciliabili, quello classico espresso dal brano "Il Trovatore" di J. K. Mertz e quello contemporaneo composto dai tre brani di Simone Fontanelli, Francesco Zago e Andrea Tremolada, che AlchEmistica ha il piacere e l'onore di presentare in anteprima assoluta grazie alla liberatoria concessa dagli autori e dall'interprete in via assolutamente esclusiva nei confronti della S.I.A.E. Un gesto di grande generosità e di grande impegno artistico: “secondary colours inspire me more than primary ones” ci ricorda a ogni nota che la musica, quella suonata con passione, intelligenza e creatività non ha bisogno di essere divisa in generi. Il resto è solo merce

Adolfo La Volpe: Il Nome Delle Cose




Il 2010 non si è ancora concluso e AlchEmistica a sei mesi dalla sua partenza firma la sua quarta uscita a nome Adolfo La Volpe. Il risultato è un disco per chitarra acustica e oggetti, registrato senza overdubbing e mixato dallo stesso Adolfo tra maggio 2008 e giugno 2009, caratterizzato da una forte impronta sperimentale e da una quasi urgenza di esplorare nuovi territori. Suoni atonali, noise puro, cadenze folk, folate improvvisative, strutture architettoniche gotiche, echi di teatro, tutto viene frullato, metabolizzato e risputato in un magma sonoro, in una rielaborazione stilistica fortemente personale. Non si tratta di pure improvvisazioni estemporanee, ma del risultato di un processo di maturazione, di una consequenziale evoluzione stilistica, di una fotografia creativa, di un attimo concentrato e congelato: un tirare le somme di ciò che musicalmente si è e si è diventati nel tempo. Il titolo stesso del lavoro “Il Nome Delle Cose” e il fatto che le dodici tracce che compongono questo lavoro non riportino alcun nome ma siano indicate con semplici numeri è allo stesso tempo espressione di un senso di indeterminatezza, di cambiamento in corso e del sense of humor che come leggete anima il curriculum di questo chitarrista che siamo felici di avere tra noi.


Pablo Montagne: The Sharp Edge




AlchEmistica è davvero felice di presentare il primo lavoro sulla lunga distanza realizzato per la nostra netlabel dal chitarrista pugliese Pablo Montagne. Il suo titolo “The Sharp Edge” non lascia alcun dubbio sulla musica che andrete liberamente ad ascoltare e scaricare: è tagliente, spigolosa, viva, carica di energia pulsante e liberatoria. Pablo fa sfoggio di tutto il suo virtuosismo dimostrandosi completamente a suo agio nella selva di chitarre che lo circondano sul palco e con le quali dialoga in continuazione passando dalla chitarra classica a quella acustica a quella elettrica alla baritone charleston, kazoo, percussioni, pick-up, voce....etc.... in un flusso incessante di suoni e di musiche nuove, frizzanti, che posso lasciare sconcertati ma sicuramente non indifferenti. Come leggerete dalla sua biografia Pablo Montagne è un musicista e un compositore dalle idee interessanti e coinvolgenti e dalla ampia visione musicale e artistica, nonché un chitarrista davvero fuori dal comune. Questo “disco” che esce sempre sotto la licenza Creative Commons è stato interamente registrato dal vivo, in presa diretta e senza nessun lavoro di overdubbing o di correzione successivi il 30 aprile 2010 nella Chiesa di S.S. Pietro e Paolo a Monopoli, all'interno della "VII esposizione biennale di liuteria chitarristica". Questa è la musica di Pablo Montagne: sincera, viva, forte e .. anarchicamente intelligente e intransigente, proprio come lui. Siamo fieri di averlo con noi.

Angelo Mirante - Guitar Improvisation Project



E’ Angelo Mirante a siglare il Guitar Improvisation Project di AlchEmistica. Angelo raccoglie quindi il testimone da parte di Arturo Tallini e di Eugenio Becherucci consegnando in licenza Creative Commons due improvvisazioni create con la sua chitarra classica.
Un sottile gioco di equilibri tesi tra le sei corde del suo strumento regolano queste improvvisazioni. Angelo Mirante sembra dedicare una totale attenzione alla tavolozza di colori musicali che la sua chitarra riesce a generare giocando coi silenzi lasciando i suoni uscire dal suo strumento con studiata precisione e perizia.
Impossibile trovare un tratto in comune con le due precedenti uscite su Guitar Improvisation Project pur essendo Angelo Mirante stato allievo di Becherucci. Impossibile tracciare dei paralleli con altre forme improvvisative legate al jazz o a altre contemporaneità. Il Guitar Improvisation Project continua a confermare unicità e individualità di linguaggi e non potrebbe, forse, essere diverso. Là fuori, specialmente per chi viene dal Conservatorio c’è un intero mondo da (ri)scoprire.


Eugenio Becherucci - Guitar Improvisation Project



“Improvisation enjoys the curious distinction of being both the most widely practised of all musical activities and the least acknowledged and understood. While it is today present in almost every area of music, there is an almost absence of information about it.” Derek Bailey, Improvisation Its nature and Practice in Music. Continua l’idea della net label AlchEmistica dedicata al mondo dell’improvvisazione con il programma “Guitar Improvisation Project (GIT)” con l’obiettivo di mettere in risalto una prassi sempre più in uso da parte di chitarristi devoti alla musica contemporanea ma di chiara estrazione accademica: quella della libera improvvisazione. Come ricordava Derek Bailey, grande maestro della musica improvvisata e autore del bellissimo libro “Improvisation Its nature and Practice in Music”, a cui questo progetto è giustamente dedicato, grande è la carenza di informazioni e di documentazioni sull’improvvisazione, AlchEmistica con questo progetto vuole cercare almeno in parte di iniziare a colmare questa lacuna: tutte le musiche sono registrate con la licenza Creative Commons che ne permette il download e lo scambio gratuito esclusivamente per fini culturali e NON commerciali, ma allo stesso tempo lasciando ai musicisti la proprietà delle musiche stesse che possono ritirare, registrare con licenza SIAE e fare uscire presso una casa discografica tradizionale in qualunque istante. Il Maestro Eugenio Becherucci ha voluto anche lui partecipare a questa iniziativa registrando con la licenza Creative Commons tre improvvisazioni con la sua chitarra classica. Dai titoli particolari e allusivi: “on_e”, “take_without_overdub” e “the_harmonics_rite” questi tre brani costituiscono la seconda uscita per la netlabel AlchEmistica, la “sorella” della netlablel Laverna, dedicata al mondo della musica classica e contemporanea che realizza uscite discografiche con licenza Creative Commons.

Arturo Tallini - Guitar Improvisation Project



“Improvisation enjoys the curious distinction of being both the most widely practised of all musical activities and the least acknowledged and understood. While it is today present in almost every area of music, there is an almost absence of information about it.” Derek Bailey, Improvisation Its nature and Practice in Music. L'idea di improvvisazione risale agli albori della musica ed è praticamente certo che la pratica improvvisativa, nella tradizione occidentale, fosse massicciamente presente (e forse costituisse la parte dominante dell'esecuzione musicale) nell'epoca che va dalle origini alla codifica gregoriana della musica sacra. Anche nei secoli seguenti la pratica improvvisativa fu sempre presente: ad esempio, certe forme musicali classiche sono basate sull'improvvisazione, come i preludi, le toccate, le fantasie (la Fantasia e fuga in sol minore - BWV 542) o la fuga a 3 che apre l'Offerta musicale (BWV 1079) di Johann Sebastian Bach sono probabilmente improvvisazioni trascritte successivamente su spartito. La grande battuta d’arresto avviene dal 1800 in poi quando nella musica colta occidentale l'improvvisazione comincia ad essere considerata secondaria rispetto alla fedeltà dell'interpretazione di quanto scritto nelle partiture. Addirittura il giornalista e saggista inglese David Toop segnala maliziosamente questa coincidenza con la nascita dell'editoria musicale e la diffusione di massa presso la nascente borghesia mercantile e industriale dell'educazione musicale come fenomeno culturale distintivo. La musica contemporanea, l'avanguardia si sono riavvicinati progressivamente a questo concetto musicale, che nel frattempo non aveva conosciuto crisi negli ambiti della musica popolare e nel jazz, per cui ora anche negli ambienti accademici si sente sempre più parlare di improvvisazione e nei Conservatori italiani cominciano a istituirsi cattedre appositamente dedicate. E’ in questo clima, in questa nuova rinascita che la net label AlchEmistica lancia l'ambizioso programma “Guitar Improvisation Project (GIT)” con l'obiettivo di mettere in risalto una prassi sempre più in uso da parte di chitarristi devoti alla musica contemporanea ma di chiara estrazione accademica: quella della libera improvvisazione. Come ricordava Derek Bailey, grande maestro della musica improvvisata e autore del bellissimo libro “Improvisation Its nature and Practice in Music”, a cui questo progetto è giustamente dedicato, grande è la carenza di informazioni e di documentazioni sull'improvvisazione, AlchEmistica con questo progetto vuole cercare almeno in parte di iniziare a colmare questa lacuna: tutte le musiche sono registrate con la licenza Creative Commons che ne permette il download e lo scambio gratuito esclusivamente per fini culturali e NON commerciali, ma allo stesso tempo lasciando ai musicisti la proprietà delle musiche stesse che possono ritirare, registrare con licenza SIAE e fare uscire presso una casa discografica tradizionale in qualunque istante. 
 Il Maestro Arturo Tallini ha voluto coraggiosamente accettare questa nuova sfida e iniziare con noi questo progetto concedendo ad AlchEmistica la possibilità di pubblicare tre sue improvvisazioni registrate nel corso del suo concerto tenutosi a Mestre presso il Centro Culturale Candiani il 26 marzo 2010.