mercoledì 31 ottobre 2012

Guitars Speak secondo anno: Guitar Recital di Adriano Del Sal




Questa sera ore 21 su Radio Voce della Speranza

Adriano Del Sal è un giovane chitarrista classico friulano che ha già ben dimostrato il suo valore e il suo talento vincendo numerosi concorsi e suonando in numerosi concerti in Italia e all'estero. Il cd che ascolteremo su Guitars Speak è un eccellente esempio della sua abilità, lo sentiremo ascoltare musiche di Francisco Tarrega, Fernando Sor, Federico Moreno Torroba, Joaquin Rodrigo e Ennio Morricone. Un recital semplicemente eccezionale.

This evening  9 PM on Radio Voce della Speranza

Adriano Del Sal is a young classical guitarist from Friuli that already has well proved his worth and talent winning numerous competitions and performing in numerous concerts in Italy and abroad. The CD we will listen on Guitars Speak is an excellent example of his ability, we will listen to himplaying the music by Francisco Tarrega, Fernando Sor, Federico Moreno Torroba, Joaquin Rodrigo and Ennio Morricone. A simply outstanding recital .


martedì 30 ottobre 2012

Review of diecidicembre by diecidicembre, Acustronica [AT015




Do you love psychedelic music? Could you live without the "summer '68” Pink Floyd’s period?" Do you relax only if you listen to the frippertronics by Robert Fripp? Do you believe that drones are the real essence of music?
And if besides all this you love the guitar too this release of the Acustronica netlabel it does for you.
diecidicembre is a good guitarist, perhaps not particularly innovative but surely he has clear ideas. he uses his guitar as a brush adding and removing cloths of music, layers of reverberating and sparkling sounds that slowly dilate and move themselves in the space.
Difficulty to maintain a focused attention. After some moments the music caught us to oscillate in the listening following the sounds that move around and slowly changes, transform themselves, migrate and return.
Perhaps nothing new under to the sun, but sometimes it is beautiful to lose ourself a sea of sparkling reverberations.

lunedì 29 ottobre 2012

Recensione di diecidicembre di diecidicembre, Acustronica [AT015]




Amate la musica psichedelica? Non potete fare a meno dei Pink Floyd periodo “summer ‘68”? Vi rilassate solo ascoltando i frippertronics di Robert Fripp? Credete che l’essenza stessa della musica siano i drones?
Se oltre a tutto questo amate la chitarra questa release della netlabel Acustronica fa per voi.
diecidicembre è un buon chitarrista, forse non particolarmente innovativo ma sicuramente è uno che ha le idee chiare. Usa la sua chitarra come un pennello aggiungendo e togliendo teli di musica, layers di suoni riverberanti e scintillanti che lentamente si dilatano e si spostano nello spazio.
Difficile mantenere una attenzione focalizzata. Dopo un po’ ci si sorprende ad oscillare nell’ascolto seguendo più i suoni che si spostano qua e la, cambiano lentamente, si trasformano, migrano, tornano.
Forse nulla di nuovo sotto al sole, ma ogni tanto è bello perdersi in un mare di riverberi scintillanti.

Scaricate liberamente il disco da sito di Acustronicahttp://www.acustronica.com/albums/84-diecidicembre.html

domenica 28 ottobre 2012

Guitars Speak secondo anno: Guitar Recital di Adriano Del Sal




Mercoledì sera ore 21 su Radio Voce della Speranza

Adriano Del Sal è un giovane chitarrista classico friulano che ha già ben dimostrato il suo valore e il suo talento vincendo numerosi concorsi e suonando in numerosi concerti in Italia e all'estero. Il cd che ascolteremo su Guitars Speak è un eccellente esempio della sua abilità, lo sentiremo ascoltare musiche di Francisco Tarrega, Fernando Sor, Federico Moreno Torroba, Joaquin Rodrigo e Ennio Morricone. Un recital semplicemente eccezionale.


Wednesday evening  9 PM on Radio Voce della Speranza

Adriano Del Sal is a young classical guitarist from Friuli that already has well proved his worth and talent winning numerous competitions and performing in numerous concerts in Italy and abroad. The CD we will listen on Guitars Speak is an excellent example of his ability, we will listen to himplaying the music by Francisco Tarrega, Fernando Sor, Federico Moreno Torroba, Joaquin Rodrigo and Ennio Morricone. A simply outstanding recital .


venerdì 26 ottobre 2012

Camino Contro Corrente 2012 "Rose & Rosignoli" Camino al Tagliamento (Udine) 31.X-4.XI.2012 --> 1.XII.2012
















Review of Rossiniane, Pot Pourri di Claudio Maccari- Paolo Pugliese, Brilliant 2007


P1010342

Italian Translation

Mauro Giuliani is one of the most important composers and point of reference for the classical guitar repertoire, composer and performer born in Bisceglie, near Bari, in 1781 and died in Naples in 1829, was active mainly in Vienna, where he had contacts with musicians of his contemporaries as Hummel, Haydn, Beethoven. The friendship that bound him to Rossini is well attested, in fact, with the Rossiniane opp. 119-124, six musics explicitly inspired and reflecting on guitar the themes of the works of famous composer from Pesaro. This kind of composition also reflects a widespread practice in early nineteenth century bourgeois: to play in the "lounge" dimension music then in vogue. The intent was to able to stimulate, imitatine through allusions and quotations, the fashion music heard in the major theaters of Vienna and Paris, the curiosity of a bourgeoisie that took part in the musical life of that time. So a kind of amateur flavor, the one by the Rossiane which should not be confused with the music of poor quality. In this work of three compact discs Masters Claudio Maccari and Paolo Pugliese are able to recreate that good cocktaill between the harmonies of Rossini and the virtuosity of Mauro Giuliani that was so successful that even by the appearance of the music from the early nineteenth century.
The photo that shows the two Masters in the CD cover with their faces and eyes smiling in the company of their "vintage" guitars represents the entire satisfaction for an excellent job both in terms of amount of repertoire for both the interesting and philological care with which the recordings were made. In fact, in the three CDs there are not only teh Rossiniane but also Pout-Pourri opp. 18-26-28-31-42-108, Grand Overture op. 61 and the Gran Sonata Eroica op.150 for a total of over 180 minutes of music at high quality! The quality of recordings is remarkable for the high skill of the musicians, long appreciated specialists in nineteenth-century repertoire, and the attention devoted to philological attempt to perform these pieces as much as possible trying to recreate the atmosphere and the musical context in which they were created and executed. All musics were recorded with the original instruments of the time: the guitars Guadagnin 1819, Pons 1825 and Guadagni 1830 from the collections of the two interpreters, and for the Pons's from the collection of Giovanni Accornero, strictly tuned in the 425 Hz. In the booklet and CD are given the history of these guitars and exact references to Rossini arias, which at times with a distracted listening, may escape the titles of arias and works cited. Recording clean and balanced accurately highlighting all the colors of this music so fascinating.

giovedì 25 ottobre 2012

COLLETTIVO RITUALE 2012 - AUTUNNO CALDO A NORD-EST VENEZIA, PALAZZO PISANI 29-31.10.2012


COLLETTIVO RITUALE 2012 - AUTUNNO CALDO A NORD-EST 
VENEZIA, PALAZZO PISANI 29-31.10.2012 
29-30.10.2012 ore 16-19 - AULE 115-117-118-119 E SCALONE MONUMENTALE 
31.10.2012 ore 11.30 - SALA CONCERTI 
INGRESSO LIBERO 
INFO 041.5225604





Recensione di Anagramma dei Sonic Youth




I Sonic Youth (i chitarristi e cantanti Thurston Moore e Lee Ranaldo, il batterista Steve Shelley e la cantante e bassista Kim Gordon) sono stati tra le band che hanno saputo segnare lo sviluppo del rock alternativo americano come lo conosciamo oggi, riuscendo a raggiungere, oltre che la notorietà mediatica, una reputazione eccellente come musicisti e divi dell'immaginario alternativo. La loro portata rivoluzionaria si nota anche sul piano prettamente tecnico: i Sonic Youth hanno cambiato il modo di concepire la chitarra elettrica, usandola in modo totale, cioè spingendosi oltre il suo utilizzo ortodosso. Allievi zelanti del compositore Glenn Branca, i chitarristi Moore e Ranaldo suonano lo strumento chitarra nella sua interezza, sfruttandone la componente fisica (corpo, manico, elettronica) tanto quanto quella melodica (note, accordi, scale), arrivando a preparare le chitarre, modificarne l'elettronica, percuoterle con oggetti, cimentarsi in drones e feedback, o - nelle parti melodiche - sperimentare accordature atipiche. La stragrande maggioranza delle loro canzoni è costituita da poche note e semplici accordi, ma suonati con accordature inusuali che contribuiscono (anche grazie a un uso preponderante dell'effettistica) a generare quel suono storto, sgangherato e liquefatto che hanno perfezionato nel corso degli anni.
Nel 1997, non paghi del successo ottenuto dai dischi venduti con la Geffen Records, dimostrano tutta la loro passione per l’esplorazione musicale realizzando la loro casa discografica personale e indipendente la Sonic Youth Records e promuovendo il primo cd, un enigmatico mini-cd cartonato, dal titolo Anagramma (SYR 1). Questo lavoro inaugura un progetto tramite cui esaltare vocazioni sperimentali, favorire pulsioni intellettuali e tuffi avanguardistici senza essere limitati dalle pressioni dell'industria discografica. La critica accolse favorevolmente questa nuova produzione vedendola come un riappropriarsi delle origini e di quell'istinto underground primordiale che aveva animato le loro prime uscite discografiche.
Anagramma si presenta in un cartonato che richiama con evidenza la collana di elettronica avvenirista anni '60 della Philips denominata Prospective 21° Siécle, si tratta di quattro improvvisazioni strumentali che vanno dall'atmosfera da zero gravitazionale della miniatura "Tremens" alla lunga title track che offre un riflessivo riepilogo delle sonorità del gruppo. Poi è la volta di oscillazioni di synth, loop di chitarra e rumore bianco in perlustrazione ("Improvisation ajoutée", "Mieux- de corrosion"), a mostrare il lato più disturbante e astratto del nuovo corso.
Nel tempo la SYR ha avuto fortuna, i nostri hanno dimostrato che ancora una volta Sonic Youth è sinonimo di sperimentazione e discrete vendite, impensabili magari per altre realtà musicali, anche accademiche. Ululati di chitarre distorte, arditi effetti di missaggio, ma soprattutto una buona dose di ispirazione che mantiene i contenuti sempre ad alto livello: Anagramma è un ottimo disco e i Sonic Youth hanno dimostrato di saper (iniziare ad)invecchiare con dignità.

mercoledì 24 ottobre 2012

Guitars Speak secondo anno: J.S.. Bach Suites for Guitar di Luigi Attademo




Questa sera ore 21 su Radio Voce della Speranza


Non c’è niente da fare. Prima o poi lo devi affrontare, devi affrontare la sua musica, definire delle trascrizioni/traduzioni, cercarne lo spirito, indagare la massa e la sua struttura sonora. Da Bach non si scappa, a distanza di secoli questo compositore non cessa mai di stupire nè di cessare la sua opera di "attrattore musicale". La sua musica è sicuramente alla portata della chitarra classica di Luigi Attademo, che anche lui ammaliato, ha voluto realizzare questo doppio cd per la Brilliant (casa discografica che ci ha ormai abituato a una discreta e costante attenzione verso il nostro strumento preferito).  
Attademo è un musicista dalla solida preparazione e ne da abbondante dimostrazione mentre si muove con disinvoltura all’interno di Preludi, Sarabande, Bourre e Gavotte, mostrando non solo competenza e perizia, ma anche una piacevole vena melodica.


Recensione

This evening  9 PM on Radio Voce della Speranza


There is nothing to do. Sooner or later you have to deal with him, you have to face his music, dive inside sets  of transcriptions / translations, look for his spirit, investigate the sonic mass and texture. From Bach you can not escape, after centuries this composer never ceases to amaze nor to cease his duty as a great "musical attractor".  His music can definitely deal with theclassical guitar of Luigi Attademo, charmed by this music, wanted to make this double CD for Brilliant (a record label that has become accustomed to a fair and constant attention to our favorite instrument).
Attademo is a musician with a  solid preparation and he gives proof as he moves with ease within Preludes, Sarabande, Gavotte and Bourre, showing not only skill and expertise, but also a pleasant melodic vein.


Review


martedì 23 ottobre 2012

Concerto di Leopoldo Saracino, chitarra



Il prossimo Venerdì 26 Ottobre, ore 21, 
AUDITORIUM del Conservatorio "G. Cantelli" di Novara

Concerto di Leopoldo Saracino, chitarra

VISUAL GUITAR
La musica che si vede, i quadri che si sentono

Simone Fontanelli (1961)
Appunti - 6 pezzi per chitarra 13'
- Tanto per cominciare - Emanuele Luzzati - Pulcinella innamorato
- Il sorriso fra le lacrime - Giovanni Ricciardi, "The last effort of love"
- Arlecchino pensoso - Picasso - Arlecchino pensoso
- ...Che move il sole e le altre stelle - Giotto - Volta stellata della Cappella Scrovegni
- ...Um sorgenfrei zu leben - Tischbein - Goethe nella campagna romana
- What an e-mail can cause - Tivadar Csontváry - Il Cedro solitario

T. Takemitsu (1930-1996) – P. Klee
All in twilight 8'

M. Castelnuovo-Tedesco (1895-1968) - F. Goya
da “24 caprichos de Goya” op. 195
- Nadie se conoce
- Porque fue sensible
¿Quien mas rendido?

Tomas Marco (1942)
da Tarots
- Le Bateleur
- La roue de la fortune
- La lune
-La force

Review of Sor –Coste Complete Works for Guitar Duo Claudio Maccari and Paolo Pugliese, Brilliant Classic, 2009


P1010343

Italian Translation

Past. History. Tradition. How to recover, how to make them live in the present days, placing them in our everyday life? How to Avoid unnecessary and sterile reworkings that are not nothing more than empty and sad masks of something that was and that will never return, and which we can’t know exactly how it was? Philology is a limit or it’s an enrichment for the artist and the listener?

These questions bounce in my mind while I’m listening to the last effort of the Duo Maccari Pugliese. During their interview published about a year ago on the blog the Duo had mentioned the intention to continue a rigorous philological publication of works for guitar duo of the twentieth century, recording the music of Fernando Sor and Napoleon Coste always with the Brilliant. Their promise was fulfilled and now we can listen with pleasure and interest these beautiful musics, interpreted by the Duo with a passion and intelligence with which we have long been accustomed and spoiled. As always, this time nothing has been left to chance, the music has been recorded with care and philological skill playing a “package” of vintage guitars that make your mouth water just the mention: Gaetano II Guadagnini, Italy, 1830, Joseph Pons, France 1825, René Lacote, France 1824, René Lacote, France 1825, René Lacote, France in 1827 with the sole exception of the copy the Louis Panormo produced by the italian luthier Fabio Zontini in 2007, further confirming the increasing success and artistic quality and value that the Italian luthiers are experiencing.

Ah yes .. and the questions? I think I can not give a clear-cut answer to each of them, too poor are my skill and my culture so I could even venture a definition, an opinion. Allow me to mention Luciano Berio: ".. A pianist who says he is a specialist in the classical and romantic repertoire, and plays Beethoven and Chopin without knowing the music of Novencento, it is also off as a pianist who says he is a specialist in contemporary music and plays it with hands and mind that have never been crossed deep by Beethoven and Chopin. "These songs are a common heritage to which we can and must draw, study and learn and from we can start each time drawing, creating new languages that can better define the timing and the society we live in. Don’t listen to this music, nor with nostalgia, nor with regrets for a past that is not coming back but with the ear of someone who wants to listen to the masterpieces of excellent musicians, proud of their art and their own talent. To be savored, to be sipped slowly, to taste ... to be admired!

lunedì 22 ottobre 2012

Marco Cappelli's Italian Surf Academy U.S. mini-tour!



10/25 - Trumpets, Montclaire NJ http://www.trumpetsjazz.com/calendar/
10/26 - Littlefield, Brooklyn NY (double bill with Marc Ribot's Ceramic Dog) http://www.littlefieldnyc.com/event/153395/
10/27 - Garfield Artworks, Pittsburgh PA http://www.garfieldartworks.com/
10/28 - Empty Bottle, Chicago IL http://www.emptybottle.com/show/3122894/


Review

Recensione di The tension of strings di Claudio Nuñez [AT017] Acustronica



Claudio Nuñez è un chitarrista argentino, classe 1959, di formazione classica e con studi anche nell'ambito della composizione. Nell'ambito della sua carriera artistica ha attraversato e esplorato diversi generi musicali tra cui jazz, free jazz, avanguardia, musica indiana e tango. In questo "disco" prodotto dalla italianissima netlabel Acustronica si esprime con sette improvvisazioni (o forse è meglio dire sette composizioni istantanee) con la chitarra classica. In questo disco sembra attingere però ai primi lavori, ai primi dischi del chitarrista-compositore brasiliano, capolavori usciti verso la fine degli anni 70 dalla tedesca ECM dai titoli come Dança Das Cabeças e Sol Do Meio Dia. Nuñez sembra voler tornare a quei suoni, a quel modo diretto, molto coinvolgente di suonare la chitarra. Un perfetto crossover tra musica sudamericana popolare, musica classica e anche un modo diverso di suonare con le corde strappate, suonate ad effetto in modo percussivo e rumoristico, con un suono riverberato e efficace. Disco molto bello e complesso, che aspettate a scaricarlo liberamente dal sito della netlabel Acustronica?

domenica 21 ottobre 2012

Guitars Speak secondo anno: J.S.. Bach Suites for Guitar di Luigi Attademo




Mercoledì sera ore 21 su Radio Voce della Speranza


Non c’è niente da fare. Prima o poi lo devi affrontare, devi affrontare la sua musica, definire delle trascrizioni/traduzioni, cercarne lo spirito, indagare la massa e la sua struttura sonora. Da Bach non si scappa, a distanza di secoli questo compositore non cessa mai di stupire nè di cessare la sua opera di "attrattore musicale". La sua musica è sicuramente alla portata della chitarra classica di Luigi Attademo, che anche lui ammaliato, ha voluto realizzare questo doppio cd per la Brilliant (casa discografica che ci ha ormai abituato a una discreta e costante attenzione verso il nostro strumento preferito).  
Attademo è un musicista dalla solida preparazione e ne da abbondante dimostrazione mentre si muove con disinvoltura all’interno di Preludi, Sarabande, Bourre e Gavotte, mostrando non solo competenza e perizia, ma anche una piacevole vena melodica.


Recensione

Wedsneday evening 9 PM on Radio Voce della Speranza


There is nothing to do. Sooner or later you have to deal with him, you have to face his music, dive inside sets  of transcriptions / translations, look for his spirit, investigate the sonic mass and texture. From Bach you can not escape, after centuries this composer never ceases to amaze nor to cease his duty as a great "musical attractor".  His music can definitely deal with theclassical guitar of Luigi Attademo, charmed by this music, wanted to make this double CD for Brilliant (a record label that has become accustomed to a fair and constant attention to our favorite instrument).
Attademo is a musician with a  solid preparation and he gives proof as he moves with ease within Preludes, Sarabande, Gavotte and Bourre, showing not only skill and expertise, but also a pleasant melodic vein.


Review


giovedì 18 ottobre 2012

XXV Convegno Chitarristico - Modena 27 ottobre 2012



Il 27 ottobre 2012 si terrà a Modena il XXV Convegno Chitarristico. L’evento, organizzato sotto gli auspici dell’Accademia Nazionale di Scienze Lettere e Arti a cura del Comitato Scientifico costituito da Giuliano Balestra, Simona Boni, Giovanni Indulti, Enrico Tagliavini, Vincenzo Pocci, sarà ospitato come di consueto nelle eleganti sale dell’antico Palazzo Coccapani-D’Aragona, nel suggestivo cuore storico della città emiliana. Proprio questo Palazzo aveva accolto nel 1933 il primo Convegno Chitarristico ideato da Romolo Ferrari, fautore della rinascita chitarristica italiana, i cui importanti meriti a favore dello strumento sono stati riconosciuti nella pubblicazione del volume Romolo Ferrari e la chitarra in Italia nella prima metà del Novecento (Modena, Mucchi, 2009). Il programma della giornata prevede interventi musicali affiancati a relazioni su temi di ricerca, nell’obiettivo di approfondire e diffondere la conoscenza della storia chitarristica nel suo svolgimento storico, dal Rinascimento a oggi.

Programma

Sede del Convegno: Accademia Nazionale di Scienze Lettere e Arti, Corso Vittorio Emanuele II n. 59, Modena. Ingresso libero.

Per informazioni: info@chitarrainitalia.it

mercoledì 17 ottobre 2012

OnGaku2 L'IMPROVVISAZIONE E LA RICERCA TIMBRICA SULLO STRUMENTO PREPARATO




OnGaku2

L'IMPROVVISAZIONE E LA RICERCA TIMBRICA SULLO STRUMENTO PREPARATO



Sabato 20 ottobre, h. 16.30
Auditorium Santa Margherita, Venezia
  
MusiCaFoscari è lieta di invitarvi all’incontro con il duo OnGaku2 composto da Elia Casu (Elect. & prepared guitar, live electronics) e Paolo Sanna (Prepared drum set, Percussion, Gongs).
Prenderà parte alla lezione-concerto Mauro Sambo (fiati & live electronics).

I nostri ospiti affronteranno argomenti quali: l'improvvisazione libera e organizzata, lo strumento "prepared" e le tecniche non convenzionali, la ricerca timbrica.

OnGaku2 - Le chitarre, elettrica e preparata, e l’elettronica di Elia Casu incontrano le percussioni di Paolo Sanna, anche queste preparate, usando come prassi esecutiva l’improvvisazione per arrivare, come risultato finale, alla composizione istantanea.

I due musicisti sardi hanno preso a prestito le parole di Giancarlo Schiaffini (ospite di MusiCaFoscari lo scorso aprile) per esprimere la loro idea d’improvvisazione in musica: “L’improvvisazione non si improvvisa”. L’improvvisazione è per loro un processo che ha come elemento costitutivo la novità, che non coincide mai con un’improvvisazione pura, ma è frutto della commistione tra elementi prestabili e elementi imprevisti.

Una ricerca musicale risultato di un costante e lungo studio sistematico concettuale sullo strumento, volto soprattutto allo sviluppo di potenzialità timbriche.
Una formazione, quella di OnGaku2, caratterizzata dalla voglia di fare, sperimentare e ricercare nuovi suoni, nuove forme, nuove idee.
Elia Casu e Paolo Sanna, da sempre interessati ad altre forme d’arte, portano OnGaku2  a collaborare con la danza, il teatro, i video maker e gli artisti visivi in genere, sempre in ambito sperimentale/improvvisativo.
Hanno all’attivo quattro cd: OnGaku2 - TiConZero (2008); KADO, Live@Area Sismica - Improvvisatore Involontario (2010); Dialoghi attraverso fili elettrici (2009); SoloRumore#1 (2010).

Parteciperà attivamente al workshop Mauro Sambo artista polivalente, che con il suo lavoro ha spesso tentato di valicare i confini tra la scultura e la performance, il video e la musica.

A una parte seminariale farà seguito la messa in pratica dei temi trattati. 
Gli studenti-musicisti  e tutti gli interessati a partecipare attivamente al laboratorio sono invitati a portare il loro strumento e a mandare un'e-mail a ll'indirizzo: musicafoscari@unive.it .

Vi aspettiamo numerosi!

Ingresso gratuito.

Info e ascolti:


Per ulteriori informazioni: musicafoscari@unive.it

Guitars Speak secondo anno: Solo Acustic Guitar di M Tabe (Marco Tabellini)



Questa sera ore 21 su Radio Voce della Speranza

Marco Tabellini (in arte MTabe) è un chitarrista elettrico ben conosciuto dai lettori del Blog Chitarra e Dintorni Nuove Musiche per le sue improvvisazioni uscite con la casa discografica indipendente Setola di Maiale e la netlabel AlchEmistica. Come altri maestri dell'improvvisazione in questo suo nuovo cd passa anche lui alla chitarra acustica e la cosa non poteva lasciare tracce sul suo stile già così asciutto e minimale.Rispetto ai suoi lavori elettrici si avverte un maggiore avvicinamento alle idee di John Fahey: M Tabe suona un blues astratto e materico, ritmicamente più ricco e fantasioso e con una maggiore vena melodica.

Recensione

This evening 9 PM on Radio Voce della Speranza

Marco Tabellini (aka MTabe) is an electric guitar player well known to the readers of Blog Chitarra e Dintorni Nuove Musiche for his improvisations produced with independent record label Setola di Maiale and  AlchEmistica netlabel. Like other masters of improvisation in his new cd he decided to play an acoustic guitar and it could not leave traces on his style already so dry and minimal. Compared to his electrical work we can feel a greater closeness to the ideas of John Fahey: M Tabe plays an abstract and material blues, rhythmically richer and with more imaginative and more melodic vein.

Review


martedì 16 ottobre 2012

Il Mondo della Chitarra



Il “Mondo della Chitarra”, tra le principali e ormai consolidate manifestazioni promosse dall’ISSM “Conservatorio Guido Cantelli” di Novara, giunge alla ottava edizione, presentandosi quale appuntamento di sicuro interesse tra le varie iniziative dedicate in Italia a questo strumento musicale ad un tempo popolare e colto, simbolo di modernità e di gioventù. Accoglieremo con gioia gli studenti, provenienti da più parti, interessati ad approfondire le problematiche concernenti il proprio strumento e ad assistere a masterclass e concerti tenuti anche quest’anno da ospiti illustri e di caratura internazionale. Anche gli studiosi e gli appassionati del settore sono i benvenuti in questa rassegna che proporrà, oltre alla significativa presenza di concertisti affermati, anche recital di studenti provenienti dall’ISSM “Conservatorio Guido Cantelli”. Nel ringraziare gli instancabili coordinatori della rassegna M° Guido Fichtner, coadiuvato dal M° Maurizio Grandinetti, e tutto il personale docente e non docente che collabora con entusiasmo affinché le manifestazioni del’ISSM “Conservatorio Guido Cantelli” possano avere il successo meritato, auguro a tutti gli studenti e agli appassionati che frequenteranno il Conservatorio di Novara durante questo “momento” chitarristico, un soggiorno ricco di liete scoperte.

Il Direttore Prof. Renato Meucci

domenica 14 ottobre 2012

Guitars Speak secondo anno: Solo Acustic Guitar di M Tabe (Marco Tabellini)




Mercoledì sera ore 21 su Radio Voce della Speranza

Marco Tabellini (in arte MTabe) è un chitarrista elettrico ben conosciuto dai lettori del Blog Chitarra e Dintorni Nuove Musiche per le sue improvvisazioni uscite con la casa discografica indipendente Setola di Maiale e la netlabel AlchEmistica. Come altri maestri dell'improvvisazione in questo suo nuovo cd passa anche lui alla chitarra acustica e la cosa non poteva lasciare tracce sul suo stile già così asciutto e minimale.Rispetto ai suoi lavori elettrici si avverte un maggiore avvicinamento alle idee di John Fahey: M Tabe suona un blues astratto e materico, ritmicamente più ricco e fantasioso e con una maggiore vena melodica.

Recensione

Wedsneday evening 9 PM on Radio Voce della Speranza

Marco Tabellini (aka MTabe) is an electric guitar player well known to the readers of Blog Chitarra e Dintorni Nuove Musiche for his improvisations produced with independent record label Setola di Maiale and  AlchEmistica netlabel. Like other masters of improvisation in his new cd he decided to play an acoustic guitar and it could not leave traces on his style already so dry and minimal. Compared to his electrical work we can feel a greater closeness to the ideas of John Fahey: M Tabe plays an abstract and material blues, rhythmically richer and with more imaginative and more melodic vein.

Review


venerdì 12 ottobre 2012

Chitarra Alan Wilcox in vendita da parte del Maestro Nuccio D'Angelo







Il Maestro Nuccio D'Angelo mi ha comunicato la sua intenzione di vendere una chitarra Alan Wilcox del 1978 in cedro e palissandro brasiliano. Diapason cm. 66,5.
Lo strumento è a Firenze. Per ulteriori informazioni contattare Nuccio D'Angelo (unico proprietario) al numero 055 241094.

mercoledì 10 ottobre 2012

Guitars Speak secondo anno: Duo Lumen plays Jan Novàk "Rosarivm" (PAR007 - 2012)




Questa sera ore 21 su Radio Voce della Speranza

Mauro Tonolli e Matteo Rigotti sono i due chitarristi che formano il Duo Lumen. Li ascoltiamo suonare questa sera le musiche del compositore Jan Novàk, si tratta di dieci Divertimenti pubblicati tramite la netlabel Parafonica e liberamente ascoltabili e scaricabili da internet. Questi sui dieci Divertimenti, pubblicati 37 anni fa, ben testimoniano la passione di Novàk per la letteratura classica e il latino con il loro carattere melodico e elegiaco. Il Duo Lumen li interpreta in modo magistrale mettendo in luce tutto il loro cromatismo e la loro vena melodica. Puntata imperdibile per i fan della musica contemporanea dato che si tratta di world premiere recordings.

Recensione
http://parafonicanetlabel.blogspot.it/2012/06/duo-lumen-plays-jan-novak-rosarium.html

This evening 9 PM on Radio Voce della Speranza

Tonolli Mauro and Matteo Rigotti are the two guitarists that form the Duo Lumen. This night we will listen them playing the music of composer Jan Novák, ten Divertimenti published by the netlabel Parafonica and and freely downloadable and listening in internet. These Divertimenti, published 37 years ago, well represent and witness to the passion of Novak for classical literature and Latin with their melodic and elegiac character. The Duo Lumen interprets them in a masterly way by highlighting all their musical colors and their melodic vein. Fans of contemporary music shall not miss this hour with Guitas Speak: all passages are world premiere recordings.

Review
http://parafonicanetlabel.blogspot.it/2012/06/duo-lumen-plays-jan-novak-rosarium.html


martedì 9 ottobre 2012

Paul Beier in concerto Sabato 13 ottobre Bologna




Sabato 13 ottobre, ore 18
Bologna, Oratorio di S. Cecilia, via Zamboni 15

De mon triste desplaisir
Musiche per liuto di Francesco da Milano e John Dowland
Paul Beier – liuto rinascimentale

Francesco da Milano (1487-1543)
Fantasia (N.40)
Fantasia (N.30)

John Dowland (1563-1626)
A Fancy (P.7)
Go from my window (P.64)

Francesco da Milano
Fantasia (N.31)
Fantasia (N.38)

John Dowland
Pavin (P.94)
Forlorn hope fancy (P.2)

Francesco da Milano
De mon triste desplaisir (chanson di Jean Richafort - N.121)
Fantasia demontriste (N.36)

John Dowland
Bonny sweet Robin ().70)
Fantasie (P.1)

Francesco da Milano
Fantasia (N.43)
Fantasia (N.13)

John Dowland
Fantasia (P.5)
Sir John Langton, his Pavin (P.14)

Francesco da Milano
Fantasia (N.32)
Fantasia (N.33)

Irid in concerto domenica 14 MiTiCi in BLOOM


 FONDAZIONE MILANO in collaborazione con Bloom presenta:
MiTiCi in BLOOM

Installazioni, film, performance, teatro e musica +  aperitivo con incursione letteraria
14 OTTOBRE 2012 dalle 17.00 - ingresso libero@ Bloom Via Curiel 39 Mezzago

MiTiCi 
UN PERCORSO PER LA CREATIVITA’
Il Parco dei Talenti Creativi di Fondazione Milano®  - progetto vincitore del bando Lombardia Eccellente - 
ha offerto, nell’ambito delle arti performative e dei nuovi linguaggi, un sistema di sostegno a giovani creativi
nel momento di passaggio dalla formazione 
all’attività professionale. 
Percorsi formativi specifici, un contributo concreto alla produzione artistica,
la creazione di un sistema di relazioni con il settore produttivo e l’appuntameno con il pubblico,
attraverso il 
Festival MiTiCi  sono i suoi punti di forza.
domenica 14 Ottobre alcuni dei progetti di MiTiCi realizzati nel 2011/12 
verranno esposti e presentati al Bloom di Mezzago
INSTALLAZIONI
LA CARNE CHE SIAMO di Agugliaro, Tarabotti, Vistrè
Cosa racconta di noi un piatto di carne? Tradizioni antiche, domeniche in famiglia intorno a un tavolo. Ma racconta anche, nell'ultimo secolo, la storia di un benessere artificiale, che ha imposto enormi sacrifici umani e ambientali per poter essere alla portata di tutti. Una video-installazione per dire che la carne che mangiamo racconta del rapporto con ciò che ci circonda e con noi stessi.
GROWING GREEN - I GIARDINI DELL'IMMAGINARIO di Francesca Dainotto e Serena Cattaneo
è un progetto di ricerca aperto che indaga le possibili forme di relazione tra uomo e vegetazione nello spazio pubblico urbano.
Attraverso immagini e parole Growing Green presenta al Bloom una serie di suggestioni minime, per
stimolare uno sguardo diverso sulla vegetazione delle nostre città. Dall'esplorazione spaziale di "giardini"
esistenti, spazi verdi progettati ed erbe spontanee fuori posto, alla creazione di piccole aree temporanee di
verde pubblico, per vedere con occhi nuovi quello che circonda.
SPILLI | INGESSATURE COLLETTIVE
l'installazione si compone di ingessature, frutto di un atto collettivo di "psicomagia" finalizzato a traslare ed esorcizzare
 il dolore privato in un'azione condivisa e pubblica.
Contemporaneamente sarà proiettato il video della performance durante la quale le sculture sono state create.
TEATRO ore 17.30
IL RIFIUTO DEI RIFIUTI - LA RIVOLTA PACIFISTA DI BUSCATE
 di Nora Picetti 
1991 la Regione Lombardia, in piena emergenza rifiuti, tentò di far costruire a Buscate, un paese della provincia di Milano di appena 5000 abitanti una discarica. La popolazione si mobilitò dando vita ad una strenua battaglia ambientalista di rilevanza nazionale da cui è nata la legge regionale del 18 aprile 1992 sulla raccolta differenziata.
PERFORMANCE ore 18.30
S. M. / IMPIEGO DI ENERGIA VOLTO AD UNO SCOPO DETERMINATO
 di Corbella, Rho, Tarabotti
il tema del lavoro viene indagato attraverso le dinamiche che lo animano.
Il lavoro è fatto di movimenti, è identificato da gesti, è corpo, passi, ritmo, danza.
MUSICA>> VISUAL CONCERT ore 19.30
IRID
 . di Silvia Cignoli e Andrea Tremolada
E' la realizzazione scenica di un potenziale che trascende le note scritte su uno spartito.
E' ciò che la musica chiede all'immaginazione di chi la propone. è sinestesia.
FILM>> CORTOMETRAGGI ore 20.30
SILENZIOSA-MENTE
 di Alessia Travaglini
Animazione 2D: una Alice, in cui il mondo delle meraviglie è rappresentato dai tormenti che la Ragazza dai Capelli Rossi
 vive all'interno di uno spazio popolato da strani personaggi e figure simboliche
che trasfigurano la società attuale e le forme di comunicazione.
THE MORGUE di Daniele Natino
Un giovane ragazzo si risveglia di soprassalto in un obitorio.
L’unica persona con cui riesce a parlare è il custode del posto, che molto compostamente, come se nulla fosse, conversa con il ragazzo che disperatamente gli chiede aiuto. Con molta logica ecalma il custode convincerà il ragazzo del fatto di essere morto e lo accompagnerà fino all’ultimo atto della storia...

* * *
APERITIVO | food&book ore 18.00
APERITIVO CON PRESENTAZIONE DEL LIBRO
 "OGNI SPECIE DI LIBERTA'" 
dall'ultima isola-carcere d'Italia il veterinario Marco Verdone
-insieme ad altre autorevoli voci - pone le basi per un nuovo patto tra uomini e animali.
Ci racconta il miracolo dell'incontro tra detenuti e animali, anime "recluse" ma su quest'isola più libere. 
E ci fa sognare un mondo futuro senza gabbie o prigioni, dove l'uomo scelga di non uccidere più i suoi "compagni di viaggio".

Review of Gongfarmer 36 by Jim McAuley, Long Song Records 2012



Italian Translation

We have already talk about  Jim McAuley on the occasion of my critique of the "Vignes" cd by the Acoustic Guitar Trio. In that occasion I had written baout McAuley: " has a more folk sound, but also this category doesn’t belong to him." Absolutely true and this excellent, excellent cd, I’m not afraid indeed to sincerely review it with enthusiastic terms, confirms the preceding feelings. Jim McAuley belongs to that curious category of musicians to which to move inside the usual “borders” of their instruments … is not enough.
No, McAuley is moves himself among other radical improvisators like Derek Bailey, Fred Frith, Joe Morris and Renè Lussier and acoustic guitarists Takoma school as John Fahey and Robbie Basho, his music, his improvisations are characterized by an unique and extremely personal style that however it is never explanatory: always intense, always lyric McAuley never copies from anybody, even from himself.
This new cd, follows ideal of his first soloist ("Gongfarmer 18.) album is a rich collection of soloist recordings drawn by live shows, home and studio recordings and well, it testifies the ample creative and poetic spirit of this guitarist. We are light years distant by whatever form of musical protagonism disguised as exasperated virtuosities, but if you look for non orthodox techniques, open tunings, a continuous crossing of jazz, blues, folk, classical and contemporary, this cd plays for you.
Very beautiful his version of the "Saltarello" by Vincenzo Galilei. One of the best records of the 2012.

p.s. I ask help to the acoustic guitarists that read my blog: in the notes of the cd is sued a certain J.P. Pickens.. I don't know this guitarist, I confess my ignorance .. please help me, I want to know more about him.

lunedì 8 ottobre 2012



Questo Venerdì e Sabato ad ALA (TN) - Palazzo Azzolini:
“NETLABEL CONCERT SESSION” ore 21 Venerdì
Enrico e Francesca Coniglio (Laverna e Galaverna Netlabel, Venezia), Massimo Croce (Ozky e Sound Netlabel, Ferrara), 
Elisa Luu (La bèl Netlab
el, Biella/Roma), Nunun (Acustronica Netlanel, Perugia)

“ALA SOCIAL NET” ore 16 Sabato - Ala - Palazzo Azzolini
Netlabel, blog, editoria web, internet: come la rete e i social media hanno trasformato la produzione e la diffusione musicale in Italia; esperienze ed idee a confronto. Con:
- Andrea Aguzzi (Alchemistica Netlabel e Blogger – Chitarra e dintorni, Venezia), 
- Adriano Bossola (La bèl Netlabel, Biella/Roma),
- Giampaolo Campus (Parafonica Netlabel, Brentonico TN), 
- Enrico Coniglio (Laverna e Galaverna Netlabel, Venezia), 
- Massimo Croce (Ozky e Sound Netlabel, Ferrara), 
- Massimo Discepoli (Acustronica Netlabel, Perugia), 
- Claudio Gallo (Bad Panda Records Netlabel, Roma), 
- Cosimo Lupo (Lupoeditore, Lecce), 
- Giampiero Nadali (tecnologo social web e esperto di marketing, Verona), 

Introduce e coordina Fabio De Santi (giornalista de L’Adige e responsabile del blog “Indiemusic”)

Parafonisti del Baldo (Parafonica Netlabel, Brentonico TN)
presentano
“AM BLAM STAP” Sabato ore 21 Ala - Palazzo Azzolini
Concerto vitivinicolo con meditazione per coro, oggetti sonori, attrezzi agricoli, campionatore, zither, chitarra, flauto, campane di cristallo e voci narranti”
Con:
Coro Anthea, Giampaolo Campus (zither, oggetti sonori), Sergio Camedda (campionatore, oggetti sonori), Mauro Tonolli (chitarra), Chiara Cescatti (flauto), Massimiliano Peri (campane di cristallo, oggetti sonori), Francesca Velardita (voce narrante), Quinto Canali (direzione coro e voce narrante)

Link:

Recensione di Gongfarmer 36 di Jim McAuley, Long Song Records 2012




Abbiamo già parlato di Jim McAuley in occasione della recensione del cd “Vignes” dell’Acoustic Guitar Trio. Allora avevo scritto di McAuley: “ha un suono più folk, ma anche a lui questa categoria sta stretta”. Nulla di più vero e questo eccellente, davvero eccellente cd, non ho paura di parlarne in termini sinceramente entusiastici, conferma le sensazioni precedenti. Jim McAuley appartiene a quella curiosa categoria di musicisti a cui non basta muoversi all’interno delle coordinate note del loro strumento. No, McAuley si pone a cavallo tra altri improvvisatori radicali come Derek Bailey, Fred Frith, Joe Morris e Renè Lussier e chitarristi acustici scuola Takoma come John Fahey e Robbie Basho, le sue musiche, le sue improvvisazioni si caratterizzano per uno stile unico e estremamente personale che però non è mai didascalico: sempre intenso, sempre lirico McAuley non copia mai da nessuno, neanche da se stesso.
Questo nuovo cd, seguito ideale del suo primo album da solista (“Gongfarmer 18″) è una ricca collezione di registrazioni da solista tratta da spettacoli live, registrazioni in studio e casalinghe e ben testimonia l’ampio spettro creativo e poetico di questo chitarrista. Siamo lontani anni luce da qualunque forma di protagonismo musicale mascherato da virtuosismi esasperati, ma se cercate tecniche non ortodosse, accordature aperte, una commistione continua di elementi jazz, blues, folk, elementi classici e contemporanei, questo disco fa per voi.
Molto bella la sua versione del “Saltarello” di Vincenzo Galilei. Uno dei dischi migliori del 2012.

domenica 7 ottobre 2012

Ensemble Phoenix Basel in concert

Ensemble Phoenix Basel                                                    logo phoenix  
phoenix
"7 Silben" Kammermusiktheaterstück von Francesc Prat (UA)  

Eine Erfahrung über das Leben im Tod

Gare du Nord eröffnet die Spielzeit 2012/13 mit einem Auftragswerk von Francesc PratDie Kammeroper basiert auf der Geschichte eines Mannes, der am Tag vor seinem Freitod ein Interview gibt. Mit Prats konzentrierter Musik und Dichtung des spanischen Barock weitet sich der Stoff zu einem kleinen Welttheater. 

Donerstag, 18.10.2012 Premiere
Do 18.10.-Mo 22.10., je 20.00 Uhr
Do 18.10./Fr 19.10., jeweils 19.00 Einführung mit Albrecht Puhlmann

Jürg Henneberger: musikalische Leitung
Markus Bothe: Regie
Martin Müller: Bühne/Licht
Regina Lorenz: Kostüme
Albrecht Puhlmann: Dramaturgie
Mit: 
Hanspeter Blochwitz: Tenor
Michael Wolf: Schauspiel
Musiker des Ensemble Phoenix Basel:
Jürg Henneberger: Klavier
Toshiko Sakakibara: Klarinette
Beat Schneider: Cello

Daniel Buess: Schlagzeug 

Preise: 35.-/25.-

Gare du Nord Website 
Ensemble Phoenix Basel Website 
Ensemble Phoenix Basel Myspace-Site 
United Phoenix Records  
Gare du Nord Basel