domenica 30 giugno 2013

Video: Chaque Objet

From "Chaque Objet - Video Works" (DVD, Setola di Maiale, 2012)

PABLO MONTAGNE -- baritone electric guitar, drums 
ADOLFO LA VOLPE - baritone electric guitar
FRANCESCO MASSARO -- clarinet
VITTORIO GALLO -- tenor sax

Concept & video editing: Pablo Montagne & Adolfo La Volpe
Filming: Stefano Persichetti
Recorded and filmed: oct 30-nov 1, 2009






sabato 29 giugno 2013

Stefano Viola - MASTERCLASS DI INTERPRETAZIONE E PERFEZIONAMENTO CHITARRISTICO Sacile (PN) Estate Musicale Sacilese



MASTERCLASS DI INTERPRETAZIONE E PERFEZIONAMENTO CHITARRISTICO
Sacile (PN) Estate Musicale Sacilese
Periodo: 22-27 luglio 2013
Docente:  Stefano Viola
Direzione Artistica e Organizzativa
Tel. 349-5912912
       347-2184731

venerdì 28 giugno 2013

Review of Quah by Jorma Kaukonen, BMG 2003



Jorma is a great man, a legend for rock and the fingerpicking blues. Just remeber one name, only one name and it would be enough for his career: Jefferson Airplane. This would be enough for immortality.
But Jorma is not only Jefferson Airplane. Jorma is an acoustic guitar, he is the fingerpicking, Jorma adores the Reverend Gary Davis, Jorma is one who wants to play and that beyond the hippies, beyond "peace and love" things he wants to make only one thing: play his music.
In 1974, after having left Jefferson, he publishes this records that is his first album, a sparklinggem titled Quah. Jack Casady, other ex member of the Jefferson Airplane, produces it. Quah is a record of other times, practically only voice and guitar and it contains Genesis, one of the most beautiful ballads and others classical as Police dog blues, I'll be alright, Song for the North Star and I Am the Light of This World, always by Rev Gary Davis. This recorf is simply perfect, it has no weakness and it transudes talent, simplicity, honesty and coherence on every groove
My edition is the one reprinted in 2003 with the add-on of 4 unpublished works: Lord Have Mercy (Kaukonen), No Mail Today (Blind Johnny Davis), Midnight In Milpitas (Kaukonen) and Barrier. In this case the unpublished works add few to a cd than is perfect, but they are always appreciated. Historical record, is true, but how much we have to learn 40 years later from it if it is already essential for whoever wants to play the acoustic guitar and the fingerpicking blues. I believe that Quah belongs to the cultural baggage of every guitarist: Jorma shows a marvelous competence and a fluidity, listening to him playing is pure pleasure.

giovedì 27 giugno 2013

FORUM GITARRE WIEN 2013

23rd International Guitar Festival & Competitions
“ F O R U M   G I T A R R E   W I E N   2 0 1 3 ”

25. – 31.08.2013

COURSES - CONCERTS -  COMPETITIONS - WORKSHOPS - EXHIBITION

D. Dyakov, E. Jearakul, D. Kavanagh, T.   Kirchhoff, J. Monno, F. Nanos, A. Olshanskiy,
J. Panetsos, K. Park, A. Pierri, M. Schaeffer, B. Seres, H. Svendová, M. Topchii, OVan Gonnissen
& IMSK String Quartet

18. INTERNATIONAL COMPETITION (for all guitarists born after 29/08/1981)
1. Prize:

Terz - guitar by DANIEL ZUCALI, (4.200.- EUR)
&
                        1 concert at FORUM GITARRE WIEN / Austria
                        1 concert at GUITAR FESTIVAL J. K. MERTZ, BRATISLAVA / Slovakia
                        1 concert at FESTIVAL DER INTERNATIONAL GUITAR ACADEMY BERLIN / Germany
                        1 concert at GUITAR FESTIVAL MIKULOV / Czech Republic
                        1 concert at GUITAR FESTIVAL BALATON / Hungary
                        1 concert at NIKSIC GUITAR FESTIVAL / Montenegro
                        1 concert at GITARREFORUM KREMS / Austria
                        1 concert at INNVIERTLER GITARRESEMINARE / Austria

2. Prize: 700.- EUR
3. Prize: 350.- EUR

                   1. ESTA PRIZE: 400.- EUR for the best interpretation of contemporary music 
                   2. ESTA PREIS: 400.- EUR für den besten österreichischen Wettbewerbsteilnehmer (ab der 2. Runde)                        
                         
                 Special prizes: 2 credit vouchers each 110,-EUR, sponsored by: HAUS DER MUSIK J. TREKEL, GUITARISSIMO,
                    D´ADDARIO, SAVAREZ & THOMASTIK strings

1. Round: free programme from different styles (10 - 12 min)
2. Round: free programme from different styles (15 - 18 min)
3. Round: free programme from different styles (25 - 30 min)



                                     16. INTERNATIONAL YOUTH COMPETITION  (for guitarists born after 1/1/1996)
                                                                      
                                                     Free programme from different styles (10 -12 min)

                                                                                          1.      Prize: 1 concert performance at “FORUM GITARRE WIEN 2014”
                                                                                                                    200.-  
EUR + YAMAHA Pocketrak Rekorder PR7
                                                                                          2.      Prize: 150.-  EUR + YAMAHA Pocketrak Rekorder PR7
                                                                                          3.      Prize: 100.-  EUR + YAMAHA Pocketrak Rekorder PR7         
                  
                                                                                         

Costs (incl. concert pass):

Courses:  active participants 195.- EUR,   auditors 95.- EUR,   Competition: 120.- EUR,   G-Orchestra 110,- EUR 
REDUCTION: the 20 first participants from eastern & south eastern European countries pay only 120.- EUR for active participation
                      ESTA-members: active participants 120.- EUR, Auditors 80.- EUR

Accommodation (night/person incl. breakfast buffet): two bed room ECO: 25,- EUR, two bed room DELUXE: 29,-EUR, single: 39,- EUR
Hotel reservation can be done only after the payment of the registration fee

Exhibition:
PUBLISHERS:          Haus der Musik Trekel, Guitarissimo.
INSTRUMENTS:      Hans Peter Bamberger, Paolo Coriani, Leszek Gajdzik, Armin & Mario Gropp, Georg Haid, Stefan Nitschke, Hideo Sato, Daniel Zucal


For more information and online registration visit our homepage:
www.forum-gitarre.at

INFO
Jorgos Panetsos
Ob. Weissgerberstrasse 10-12 / 2
1030 Wien - Austria

Masterclass di Lucio Matarazzo - Massa Lubrense (NA)



Dal 15 al 21 luglio a Massalubrense (NA) - bandiera blu 2013 - 6 Km da Sorrento, presso il Convento della Lobra (struttura ricettiva a pochi metri dal meraviglioso mare della costiera) si svolgerà l'edizione 2013 di "Masterclass e concerti alla Marina della Lobra", una full immersion di musica, studio, vacanze e concerti.

I corsi, con i relativi maestri, saranno i seguenti:
Chitarra, Lucio Matarazzo; Fisarmonica, Francesco Gesualdi; Musica da Camera (per tutte le tipologie di strumentisti o cantanti), Pierfrancesco Borrelli e Massimo Testa.
Per chi desidera alloggiare presso il Convento della Lobra (sede del corso visionabile su FB) il costo in convenzione per gli allievi comprensivo di pensione completa (colazione, pranzo e cena) in stanza 2 o 3 letti con bagno per 7 giorni/6 notti dal lunedì alla domenica è di € 240. Massalubrense offre inoltre numerose possibilità di alloggio e soggiorno visionabili facilmente sul web a partire dall'albergo più vicino alla sede del corso (10 metri) che è l'Hotel Piccolo Paradiso.

I costi dei singoli corsi saranno i seguenti: Chitarra € 120, Fisarmonica € 120, Musica da Camera € 100; Sono ammessi un numero limitato di uditori al costo di € 40. Gli allievi dei corsi di Fisarmonica e Chitarra, limitatamente ai posti e alle formazioni disponibili, potranno frequentare gratuitamente il corso di Musica da Camera. Sono previste inoltre € 40 per spese di segreteria, iscrizione e tassa di soggiorno.
Il numero max di iscritti previsto per corso è di 10 allievi effettivi.
Le lezioni cominceranno lunedì 15 pomeriggio e si concluderanno domenica 21 mattina, con la possibilità di effettuare concerti nelle sere dal martedì 16 al sabato 20.
Saranno rilasciati attestati sia per il corso effettuato che per i concerti svolti.

Per quanto riguarda il 
corso di Chitarra tenuto dal Maestro Lucio Matarazzo, esso sarà strutturato in più sezioni che saranno sviluppate lungo tutta la settimana:
1) Elementi di tecnica avanzata, attraverso l'analisi delle principali opere didattiche dell'800, del '900 e contemporanee.
2) Studio del repertorio (con lezioni singole)
3) Preparazione e finalizzazione dello studio per concorsi internazionali di interpretazione
4) Musica di insieme per chitarre (dal duo al quartetto)
5) Orchestra di chitarre: durante il corso sarà costituito il nucleo formativo della nascente "Orchestra di chitarre D.Cimarosa"

Per qualsiasi contatto telefonare ai  numeri 328 7188080 o 377 1477322.

mercoledì 26 giugno 2013

Seminario di Giuseppe Chiaramonte Chitarra classica: Nuovi Principi di tecnica della mano destra

Vi segnaliamo che il Seminario di Giuseppe Chiaramonte
Chitarra classica: Nuovi Principi di tecnica della mano destra 
è stato anticipato di un giorno e si terrà
Mercoledì 10 Luglio 2013 alle ore 15 - presso Accademia della Chitarra di Brescia 
Sala Borrani, Chiostro San Giovanni - Contrada San Giovanni 8 - BRESCIA

Immagine in linea 1

Guitars Speak secondo anno: Haptikon di Elliott Sharp



Questa sera su Radio Voce della Speranza

Elliott Sharp strikes one again. Il guitar geek per eccellenza, compositore, improvvisatore, costruttore di strumenti fa uscire un disco nuovissimo per sola chitarra elettrica dal titolo come sempre astruso: Haptikon. Questa sera lo ascolteremo in anteprima, un vero crossover di generi e di stili, una massa di suoni elettrici che non mancherà di stupire. A maggior soddisfazione perché questo disco è prodotto dalla casa discografica indipendente italiana Long Song Records.

This  evening  9 PM on Radio Voce della Speranza

Elliott Sharp strikes one again. The guitar geek par excellence, composer, improviser, instrument maker brings out a brand new record for solo electric guitar with as always abstruse title: Haptikon. We will listen to it this evening: a true crossover of genres and styles, a mass of electric sounds that never fail to impress. A greater satisfaction because this album is produced by the independent Italianrecord label  Long Song Records.

martedì 25 giugno 2013

Review of Souvenir by Django Reinhardt and Stephane Grappelly plus The Quintet of the Hot Club of France



To listen to this record means to make two time jumps in the past: the first one is for the date with which this cd has been produced, 1988, in practice one of the first reprints on cd produced by London a division of Decca recording label, famous for its clear recordings especially in classical music, by now only a memory in the minds of the vynil records lovers.
The second because all these recordings come by 78 records, recorded between 1936 and the 1946. In practice it is like if they came from Mars, of that epoch we have only memories.
Did the past come back to hunt us? I don't think so, however listening to this quintet headed by Django Reinhardt and Stephane Grappelly is pure pleasure. They have an unbelievable swing and the rare gift of the synthesis: the 78 record only allows only 3 minutes of recording on one side, so to the musicians could not play long improvisations and also the themes had to have developed in rapid and efficient way. A not perfect note was a wasted one and with it the time that occupied, therefore no errors and above all no indecisions, no backup takes.
Did the past come back to hunt us? Maybe yes, because to listen to these musicians is simply unbelievable, they are the testimony of the last shines of an epoch of illusions survived to the Great Depression and that will definitely be deleted in the meat grinder of the Second World war and in the horrors of the Nazism.
Did the past come back to hunt us? If it is I love being persecuted, these music express a freshness and an artistic creativeness out of the time, Django Reinhardt and Stephane Grappelly live in the intensities and in the heights of their music, they are exceptional indeed, their interplay is exceptional and not rarely you can hear them them incite themselves during the execution of the passages.
If you believe that jazz is ended with Duke Ellington, this cd is essential.
If you believe that the jazz NONsia ended with Duke Ellington, this cd is essential.
If don't know what the Jazz is, this cd is essential.

lunedì 24 giugno 2013

Pablo Lentini Riva in concerto il 28 giugno Roma

Venerdi 28 giugno 2013 ore 19,00 a ROMA
CONCERTO
per la presentazione del romanzo
“ SINFONIA PER LA CITTA’ CAPOVOLTA
o l’ultimo concerto a Venezia ”

di Pablo Lentini Riva
 edito da Ellin Selae

Immagine in linea 1

Pablo Lentini Riva, chitarra e voce recitante

ENTRATA LIBERA
Immagine in linea 1 
Libreria Libri Necessari 
via degli Zingari, 22/A 
00184 ROMA 
tel 06.6786385 

***
L’arrivo a Venezia del maestro è per Fortuni motivo di passioni contrastanti. Stavolta il suo idolo si presenta deperito, confuso e di umore molesto. In una laguna autunnale, evocata con sensibilità impressionista, il grande violinista svela all’allievo il mistero che ha avvolto gli ultimi due anni della sua vita. Il romanzo è un’ode alla bellezza antica, in cui risuonano le voci di tre generazioni di musicisti. Le atmosfere sono quelle dei quintetti di Fauré.

Una recensione del romanzo:
http://www.focus-in.info/Sinfonia-per-la-citta-capovolta-un
Un'intervista a Pablo Lentini Riva:
http://oubliettemagazine.com/2013/03/17/intervista-di-daniela-orru-a-pablo-lentini-riva-per-il-suo-sinfonia-per-la-citta-capovolta/
             L'intervista a Pablo Lentini Riva sul suo romanzo a Radio3 Suite del 7 giugno:

Recensione di A.A.V.V. El Cimarron Ensemble Duo, Stradivarius, 2013



El Cimarron Ensemble Duo, ovvero Ivan Mancinelli alle percussioni e Christina Schorn alla chitarra classica, nasce nel 1999 all'interno del "EI Cimarron Ensemble", formazione, fondata da Michael Kerstan, Christina Schorn ed Ivan Mancinelli e dedicata alla musica contemporanea ed al teatro musicale. Approdano quest’anno alla Stradivarius con questo cd che sintetizza un lungo periodo di proficue collaborazioni con alcuni compositori contemporanei: Stefano Taglietti, Vito Palumbo, Raffaele Bellafronte, Jack Fortner, Virginia Guastella, Helmut Jasbar e Gianluca Podio. Sette compositori per otto brani davvero ben eseguiti e interpretati.
Il primo brano è Malukka dance di Raffaele Bellafronte. Bellafronte ci aveva già introdotto alla sua visione musicale con il precedente cd Arakathamala del 2011 sempre con la Stradivarius, qui ritroviamo le citazioni orientali in un gioco di movimenti, danze e passioni in cui chitarra e marimba si intrecciano tra loro come i ritmi e le melodie che sostengono.
Seguno due brani  di Helmut Jasbar, Tango Sans Soleil e Dance Step from a Hidden Street. Il primo è un tango ispirato dal documentario Sans Soleil (1983) di Chris Marker, una danza senza il passo determinato che la caratterizza, un movimento fine al movimento e una danza fine alla danza.
Dance Step from a Hidden Street è invece un’omaggio cinematica alla pura gioia di vivere, a quei momenti perfetti che ti spingono a danzare senza una ragione e senza una premeditazione. Il bel libretto che, come sempre, accompagna il cd recita “Come una Gene Kelly che non viene notata nella piccola strada laterale. II pezzo e il tentativo di catturare questo discreto e sfuggevole momento di felice fortuna.”
II brano "Bicinium" di Vito Palumbo per marimba e chitarra è un lavoro dedicato e commissionato direttamente da Ivan Mancinelli e Christina Schorn, brano quindi scritto e pensato per le qualità tecnico/espressive dei due interpreti, alternando momenti di puro virtuosismo a momenti piu espressivi. Bicinium è un "intreccio" tra due strumenti così distanti tra loro, una sorta di dialogo parallelo che porta in avanti una idea formale lineare senza contrasti netti che esalta la sintonia dei due interpreti. on generici.
I giardini di Kafka di Gianluca Podio è sempre per marimba e chitarra. Podio sceglie di esaltare le caratteristiche tecniche dei due strumenti creando delle micro pulsazioni ritmiche all'interno della stessa nota che si snoda all'interno della struttura formale. Pulsazioni ribattute della stessa nota che danno luogo ad un piano sonoro sui quale si innestano altri patterns, che si ripropongono iterativamente sovrapponendosi alle pulsazioni iniziali creando un’atmosfera volutamente rarefatta dove i silenzi diventano "ombre di suono" per i "I giardini di Kafka".
Movimento per chitarra e marimba di Stefano Taglietti, anch’esso dedicato ai due interpreti, è un brano scritto in libero atonalismo con tensioni ritmiche ai limiti della tribalità e distensioni meditative, segmenti e slanci melodici, contrasti che mettono in risalto le sorprendenti caratteristiche di due strumenti.
Virginia Guastella è la compositrice di El Toque, un omaggio alle tecniche esecutive e formali del flamenco. I tratti dello stile performativo andaluso diventano qui materiale fertile per una suggestiva elaborazione timbrica e ritmica condotta in chiave contemporanea.
Chiaroscuro di Jack Fortner è datato, nella sua stesura definitiva, 3 agosto 1997 ed è stato composto per Reinbert Evers. La composizione segue il suo stesso nome: inizia esplorando i registri più alti della chitarra e delle percussioni scendendo progressivamente verso i suoni più gravi possibili.
Volete esplorare nuovi territori e possibilità? Questo disco fa per voi.

domenica 23 giugno 2013

Video: Elliott Sharp Haptikon - Live at Spazio Sunomi 29 04 2013

Guitars Speak secondo anno: Haptikon di Elliott Sharp



Mercoledì sera su Radio Voce della Speranza

Elliott Sharp strikes one again. Il guitar geek per eccellenza, compositore, improvvisatore, costruttore di strumenti fa uscire un disco nuovissimo per sola chitarra elettrica dal titolo come sempre astruso: Haptikon. Mercoledì sera lo ascolteremo in anteprima, un vero crossover di generi e di stili, una massa di suoni elettrici che non mancherà di stupire. A maggior soddisfazione perché questo disco è prodotto dalla casa discografica indipendente italiana Long Song Records.

Wednesday  evening  9 PM on Radio Voce della Speranza

Elliott Sharp strikes one again. The guitar geek par excellence, composer, improviser, instrument maker brings out a brand new record for solo electric guitar with as always abstruse title: Haptikon. We will listen to  it Wednesday evening: a true crossover of genres and styles, a mass of electric sounds that never fail to impress. A greater satisfaction because this album is produced by the independent Italianrecord label  Long Song Records.

mercoledì 19 giugno 2013

Guitars Speak secondo anno: Alfredo Franco Cahier des chansons anciennes nn. 1 e 2





Questa sera su Radio Voce della Speranza

Alfredo Franco è un compositore piemontese dalla fine vena melodica. Ha realizzato per la chitarra classica due cd di sue composizioni usciti per l'etichetta indipendente DotGuitar gestita dal Maestro Lucio Matarazzo, si intitolano Cahier des chansons anciennes nn. 1 e 2, il primo suonato da Marcello Rivelli e il secondo da Ermanno Brignolo. Questa sera li ascoltiamo entrambi, si tratta di musica contemporanea ma decisamente estranea alle correnti di Darmstadt o alla musica dodecafonica.

This evening  9 PM on Radio Voce della Speranza

Alfredo Franco is a composer with a deep melodic vein. He has made two CDs for classical guitar of his compositions with the independent label dotGuitar managed by Maestro Lucio Matarazzo, they are entitled Cahier des chansons anciennes nn. 1 and 2, the first played by Marcello Rivelli and the second by Ermanno Brignolo. This evening we listen to them both, this is contemporary music, but it is definitely different by Darmstadt or twelve-tone music.

martedì 18 giugno 2013

Video: Diego Castro Magas performs No Time at all

Video: Diego Castro Magas performs Berkeley

Review of No Time (at all) by Diego Castro Magas


It seems not a day passes that the guitar showes the deep interest that “she” rises to the contemporary composers. Diego Castro Magas 's CD also shows this interest across the ocean and more specifically in Chile. It's a very interesting disc, this one titled No Time (at all) and it's for several good reasons, above all for the great instrumental skills showed by Diego Castro Magas, excellent guitarist that here demonstrates all his technical expertise, in secundis for the high quality of compositions recorded here that show the important presence of a school for the Chilean contemporary guitar.

The CD, self-produced by guitarist directly to CDBaby, begins with a classic guitar contemporary “songs” like the two "Algo" by Italian composer Franco Donatoni and ends with No Time (at all) by Brian Ferneyhough, British composer linked to the "new complexity ", along with music by five composers Chilean Pablo Aranda, Cristian Morales Ossio Alejandro Guarello, Hilda Paredes and Francisco Silva.

The dissolution of the time, a new concept of sound in space, the guitar used in an unconventional way they seem to be the foundation of the music played on this CD, as are the ideas of Walter Benjamin, German philosopher, writer and literary critic, quoted several times in the beautiful booklet that accompanies the disc. A dimension of time travel and space hovers in the notes played by the wonderful guitar of Diego Castro Magas, a record that should not be missed in the club of those who are looking for new and interesting “material “to listen to and why not, to be played.
Small note: this CD is entirely self-produced and sold directly by the interpreter on CDBabe at this link: http://www.cdbaby.com/cd/diegocastromagas
Excellent recording quality, don't miss it!

lunedì 17 giugno 2013

Video: Pat Metheny plays Albim

Video: Pat Metheny plays Tharsis

Recensione di Tap Book of Angels Vol. 20 di Pat Metheny e John Zorn, Tzadik, 2013



Confesso di aver atteso questo disco con una certa impazienza, solleticato come ero dall'idea di sentire collaborare assieme due tra i miei musicisti preferiti in assoluto. E devo dire di essere stato ricompensato della pazienza, ma vediamo di capire un po’ di più il disco di cui stiamo parlando.
Apparentemente, ripeto apparentemente, John Zorn e Pat Metheny non sembrerebbero avere nulla di comune e quindi, sulla carta, questa collaborazione sembre rebbe impossibile. In realtà non è così.
John Zorn è al momento l’”american contemporary maverick”, compositore, improvvisatore , musicista, editore, imprenditore capace di aver realizzato alla soglia dei 60 anni una carriera semplicemente monumentale non solo in termini quantitativi (composizioni, discografia, libri realizzati) ma soprattutto in termini qualitativi per impegno, tenacia, creatività e indipendenza commerciale.
Pat Metheny non è da meno, quasi coetaneo di Zorn ha saputo costruirsi non solo una eccellente carriera ma anche uno dei suoni chitarristici più riconoscibili anche agli orecchi dei non intenditori. I meno informati lo ricordano soprattutto per i dischi realizzati col Pat Metheny Group dove fondeva in maniera equilibrata e accattivante jazz, musica brasiliana e melodica senza mai rinunciare a creatività e qualità. Ma Metheny ha anche un lato “oscuro”. Lavori come Electric Counterpoint di Steve Reich, il free jazz di Song x del 1985 realizzato con Ornette Coleman, il noise ossessivo Zero Tollerance for Silence, The Sign of the Four con Derek Bailey dimostrano come Metheny sia anche una persona che sa intelligentemente cercare nuove strade e percorsi al di fuori del comune e come sia sempre fortemente tentato dalle collaborazioni (vedi i lavori con Charlie Haden, John Scotfield, Nana Vasconcelos).
La notizia quindi che due persone così si tenessero sott’occhio da diversi anni non deve quindi particolarmente stupire, così come non devono stupire le reciproche attestazioni di stima, diciamo che forse il fuoco covava sotto la cenere e si aspettava l’occasione e il momento propizio.
Ed eccoci quindi arrivati a questo disco, ventesimo volume della serie Book of Angels, facenti parti del secondo “canzoniere” Masada, oltre trecento brani composti da Zorn e destinati ad essere interpretati da altri musicisti. I brani di Zorn devono aver esercitato il giusto richiamo su Pat Metheny e così ecco pronto questo Tap per sei brani dalla chiara impronta klezmer.
Metheny e Zorn non si sono sicuramente risparmiando mettendo sul fuoco tanta carne, forse troppa. Metheny si scatena dividendosi tra le sue chitarre, l’orchestrion (una delle sue recenti ossessioni) e tastiere varie, quasi volesse creare un seguito a quel Secret Story uscito più di vent’anni fa. Zorn crea per lui delle musiche dove poter lasciar libero spazio al tocco melodico di Pat mantenendo però la sua impronta di compositore.
Per me che li ascolto da … ormai 25 anni è una rincorsa generale a cogliere rimandi, citazioni, echi di due carriere eccezionali. Pat ce la mette tutta: melodico, distorto fa sentire che razza di chitarrista è e non rinuncia nel far capire tutto il peso della sua esperienza e della sua carriera e Zorn non deve essersi sicuramente tirato indietro.
Possiamo quindi gridare al miracolo? No, direi proprio di no, questo disco non aggiunge nulla di nuovo a quanto già sapevamo su Zorn e Metheny, chi si aspettava qualcosa di epocale, rimarrà sicuramente deluso. Chi invece si aspettava un bel disco ne sarà contento. I due non tradiscono e Tap è un bel disco. Ne consiglio sicuramente l’acquisto, sicuramente.
Speriamo che questo sia solo l’inizio. Speriamo che i due continuino a frequentarsi e che mettano in cantiere qualcosa di veramente innovativo, ho voglio di qualcosa tipo Spy versus Spy, The Big Countdown, piuttosto che Song X, Zero Tollerance for Silence .. insomma qualcosa di davvero nuovo e penso che i due ce la possano fare, non ci resta che aspettare e sperare.
Aggiungo solo i complimenti a Antonio Sanchez, da anni ormai batterista di fiducia di Pat, che come sempre conferma la sua bravura districandosi abilmente con precisione e pulizia esecutiva tra i poliritmi e i tempi dispari Zorniani.

domenica 16 giugno 2013

Testimonianze per Ruggero Chiesa su Il Corriere Musicale



Bell'articolo sul Maestro Ruggiero Chiesa scritto da Patrizia Luppi su Il Corriere Musicale. 

Contributi di Elena Casoli, Paolo Cherici, Emanuele Segre e Frédéric Zigante


Guitars Speak secondo anno: Alfredo Franco Cahier des chansons anciennes nn. 1 e 2





Mercoledì sera su Radio Voce della Speranza

Alfredo Franco è un compositore piemontese dalla fine vena melodica. Ha realizzato per la chitarra classica due cd di sue composizioni usciti per l'etichetta indipendente DotGuitar gestita dal Maestro Lucio Matarazzo, si intitolano Cahier des chansons anciennes nn. 1 e 2, il primo suonato da Marcello Rivelli e il secondo da Ermanno Brignolo. Mercoledì sera li ascoltiamo entrambi, si tratta di musica contemporanea ma decisamente estranea alle correnti di Darmstadt o alla musica dodecafonica.

Wednesday  evening  9 PM on Radio Voce della Speranza

Alfredo Franco is a composer with a deep melodic vein. He has made two CDs for classical guitar of his compositions with the independent label dotGuitar managed by Maestro Lucio Matarazzo, they are entitled Cahier des chansons anciennes nn. 1 and 2, the first played by Marcello Rivelli and the second by Ermanno Brignolo. Wednesday we listen to them both, this is contemporary music, but it is definitely different by Darmstadt or twelve-tone music.

venerdì 14 giugno 2013

Video: Seth Josel plays Peter Ablinger: Exercitium 1-6 (1997)

Review of Peter Ablinger 33-127 by Seth Josel, Mode Records, 2009


The last discographic work for Seth Josel and Mode Records, printed some months ago is really a curious record from different points of view: first, the truly unusual number of tracks present, ninety-five! Secondly, this is a record where the guitar plays a very unusual role, either solo or in an ensemble, but rather as an interface in the exploration of sound by Peter Ablinger between reality and perception of reality, between the rational division of sound and "noise". In each of the 95 pieces that make up this cd you compare these two aspects in turn: gentle sounds from a simple musical scale played by Josel’s guitar contrasted with moments of pure noise produced by crossing the sounds of everyday urban life with sounds coming from an increasingly skewed and twisted guitar. The comparison is a few seconds of clear and precise sounds as irregulary opposed to spectral turbulent and chaotic rhythm and sounds. It 's the "Rauschen", the vision of sound, the noise by Ablinger: an idea almost monochromatic, without any possible symbolism, where the repetition, monotony, the error and density create and generate a new idea of space, near and in some ways contrary to the ideas of Brian Eno. Just a trick: put the CD in loop an let it run, after a while music will spread through the room like a perfume, like a smell and you will remark here to grasp a piece of clean sound, beyond a few seconds of noise and discovered that it never plays twice in the same way ... .. Somewhere in heaven, Derek Bailey listens and smiles.

giovedì 13 giugno 2013

Video: Seth Josel plays Karlheinz Essl's "Sequitur VIII" for electric guitar and live-electronics

The Marvelous Aphorisms of Gavin Bryars: The early Years, Ulrich Krueger and Seth Josel with various artist, Mode Records 2007

The Marvelious Aphorisms of G Bryars

The word aphorism (literally "distinction" or "definition", from the Greek: φορισμός, aphorismós ap-horizein "from-to bound") denotes an original thought, spoken or written in a laconic and easily memorable form.. Wikipedia

Listening to this CD it soon becomes clear that Gavin Bryars, Seth josel and Ulrich Krieger have certainly no shortage of British sense of humor, here we have four compositions, made between 1970 and 1971, on various guitars and ensemble, all of them showing sometimes a little extravagant solutions. The first track, The Squirrel and the Ricketty-Racketty Bridge was originally written for Derek Bailey and included in his Solo Guitar Volume 1, 1971 and subsequently recorded for Oscure Brian Eno in 1978 with enforcing of Bryars, Eno and Fred Frith . The piece is for one guitarist and two guitars or multiples of this and here is performed with electric guitars by Seth josel. He plays an extremely clean version, different from the most rough Bailey’s version, but perhaps putting more in evidence the implacable counterpoint.
"1, 2, 1-2-3-4" of 1971 was also released in an earlier version on Obscure. This is in my opinion the best piece of CDs, about 33 minutes of music on interpolation of the Beatles songs. I am not a fan of the group of Liverpool but I liked a lot this piece! Imagine the presence of two electric guitars with hendrix attitude and acid vision like Jerry Garcia instead of Jerry Harrison and you will find yourself immersed in a colorful and intense trip, familiarity with the pieces will push you now to sing now to ask where you are finished, and the fun is assured.

Premiere recordings for both "Made in Hong Kong" and for Pre-Mediaeval Metrics, the first is piece for a toys for children that provides a number of conditions including that toys have to be given spontaneously by the children and only after that the musician has tell them the specific use that he want to do. The title recalls how the former British colony was in the past (certainly for my generation) the equivalent of what is now the “made in China”. The fourth piece of the CD is based on a couple of sentences arranged in four columns to eight pages, each sentence is composed of four symbols, the instrumentation is also free and each instrument can perform only one sound, all based on rhythm derived from the of poems in Latin. Fifteen minutes of sound almost austere, repetitive, to the limit of the obseessive.

I think this is a good record, the repertoire is not easy listening but accurately identifies a particular historical moment particularly fruitful for the English experimental music, the recording is excellent and the booklet accompanying the CD is very beautiful and with excellent photos. The musicians? No less than brilliant. For those who were looking to point out that the Mode Records is distributed in Italy by Stradivarius indipendent label.

mercoledì 12 giugno 2013

Video: $100 Guitar Project, Rhys Chatham's turn...

Guitars Speak secondo anno: The $100 Guitar Project



Questa sera su Radio Voce della Speranza

Questa sera ascolteremo un progetto straordinario. Due anni fa il compositore/chitarrista/matematico/esperto di software Nick Didkovky ha comprato una chitarra elettrica usata per 100 dollari e l'ha fatta girare tra chitarristi ... spiriti a lui affini, sperimentatori della cara vecchia New York invitandoli a registrare un brano per una possibile compilation. Il risultato è andato oltre le più rose previsioni realizzando un doppio cd per la Bridge Record di David Starobin e coinvolgendo oltre 60 musicisti in una gara di generosità e creatività davvero senza eguali. Un esempio per tutti noi.

This evening  9 PM on Radio Voce della Speranza

Tonight we will hear an extraordinary project. Two years ago the composer / guitarist / mathematician / software expert Nick Didkovky bought a used electric guitar for $ 100 and made the turn between guitarists ... spirits similar to him, investigators of the good old New York inviting them to record a song for a possible compilation. The result was beyond immagination making a double CD for the Bridge Record of David Starobin and involving more than 60 musicians in a competition of generosity and creativity that is unrivaled. An example for all of us.

You might be interested to:

Review of Afiadacampos by Elliott Sharp and Scott Fields, Neos Jazz 2010
Recensione di NewDance di David Starobin, Bridge Records 1998
- Review of Uses Wrists Grab by Bone, Cuneiform Records, 2003