venerdì 11 aprile 2014

Intervista con Nico Soffiato seconda parte



6 . Qual è il ruolo dell' "errore" nella tua visione musicale? Per "errore" intendo una procedura non corretta , un'irregolarità nel normale funzionamento di un meccanismo , una discontinuità su una superficie altrimenti uniforme che può portare a nuovi sviluppi e sorprese inaspettate .

Accolgo con piacere l’errore in un contesto improvvisativo, penso che possa servire come un'opportunità per trovare potenziali imprevisti in una situazione musicale, che può portare l'individuo o un’ensemble ad un grande livello di messa a fuoco. Io non sono molto indulgente quando si verifica un errore in un contesto compositivo o se provoca un cattivo tono / suono, in cui le irregolarità e discontinuità sono croniche. .

7 . Ho, a volte, la sensazione che nella nostra epoca la storia della musica scorre senza un particolare interesse per il suo decorso cronologico , nella nostra discoteca prima e dopo, elementi passati e futuri diventano intercambiabili, ci può essere il rischio di una visione uniforme per un interprete e un compositore ? Il rischio di una "globalizzazione " musicale ?

Penso che ci sia un rischio di globalizzazione musicale , che può essere positivo o negativo . Sto pensando che ora abbiamo accesso a praticamente tutto ciò che è in fase di registrazione o che è stato registrato. Penso che le vecchie generazioni possono ancora utilizzare tutto questo accesso in modo positivo e in qualche modo ancora pensare che è incredibile come possiamo controllare tutto ciò che vogliamo (mi sto mettendo io stesso nella "vecchia" generazione). Io vedo questo come più un problema o una sfida per le giovani generazioni che sono cresciuti con Internet e per loro la musica è sempre stata libera e facilmente accessibile. Penso che sia più difficile per loro di creare un percorso musicale perché c'è il pericolo di essere sopraffatti da l'accesso, dall'enorme quantità di materiale e possibilità.

8 . Parliamo di marketing. Quanto pensi che sia importante per un musicista moderno ? Intendo dire : quanto è determinante essere dei buoni promotori di se stessi e delle proprie opere oggi ?

Penso che sia molto importante, purtroppo troppo importante . Quello che voglio dire è che i musicisti del tipo di musica che faccio io (non-mainstream -jazz, musica creativa, musica improvvisata) , devono essere interpreti e forse anche compositori, naturalmente , ma devono anche essere promotori, agenti, pubblicisti , designer, leader della band , crowdfunders e molto altro. Dico "purtroppo" perché non importa quanto sei grande come musicista, se non siete molto bravi a promuovere noi stessi, nessuno ti ascolterà . Soprattutto qui a New York, dove c'è un sacco di talento , a volte è facile diventare inosservato . Ovviamente ci sono eccezioni su entrambi i lati dello spettro, ma in generale se sei bravo a tutte le competenze di cui sopra, avrai anche abbastanza successo .

9 . Quale tipo di musica (o di cui movimento storico ) pensi che sia più facile per l'ascoltatore non- musicista di apprezzare ? Pensi che godono di pezzi che sono più tecnicamente difficile o semplicemente più " appariscenti " ?

Non sono sicuro, perché mi sono interessato alla musica quando ho cominciato a suonare, ma credo che la risposta più facile sarebbe una musica che ha un bel groove e una bella melodia. Mi piace troppo. Penso che quando un pezzo è tecnicamente difficile può far perdere interesse verso il non- musicista e purtroppo l’ " appariscente " è sempre affascinante . Volendo essere un po' più pessimista, direi che la gente ascolta quello a cui sono esposti (lo stesso vale con TV, libri, film, ecc) e con questo possiamo tornare alla nostra domanda sulla "promozione") .

10 . Ci dici i tuoi cinque dischi essenziali, da avere sempre con se .. i classici cinque dischi per l' isola deserta ...
Glenn Gould , Variazioni Goldberg (1981 )
Bill Frisell , Disfarmer
Paul Motian Trio , Live in Tokyo
Keith Jarrett , Immutabile
The Velvet Underground & Nico

11 .
Quali sono i tuoi cinque spartiti preferiti?
In questo momento sto lavorando su Quintetto in mi bemolle op . 44 di Schumann, secondo movimento. E ' semplicemente incredibile .
Ho anche passato un sacco di tempo sulle Sonate e Partite per violino di Bach e mi piace molto suonarle.
Mi piace il Fakebook di Monk, trascritto da Steve Cardenas , e mi è piaciuto imparare le melodie di Bird nel suo Omnibook .
Sono più di cinque, ma possiamo sceglierne cinque da ciascuno di questi libri .

12 . Con chi ti piacerebbe suonare? Che tipo di musica ascolti di solito ?

Sono molto felice poter suonare con un sacco di grandi musicisti qui a New York e io spero di poter suonare ancora più con loro .
Ascolto ogni tipo di musica , di solito un mix di classica, jazz , rock , reggae , sperimentale. Ultimamente mi sono interessato alla musica elettronica, così sto guardando in quella direzione.

13 . I tuoi prossimi progetti ? Quando potremo vederti suonare in Italia ?
Sto registrando un secondo album con Josh Deutsch , un trombettista con cui ho lavorato per quasi dieci anni . Abbiamo scritto, arrangiato e co- scritto tutto il materiale e abbiamo ancora un paio di tracce da registrare . Con lui ho girato un bel po' , due volte in Italia e una volta nel West Coast e ci piacerebbe tornare in Italia per promuovere questo album, spero l'anno prossimo .


Posta un commento