lunedì 6 luglio 2015

Recensione di Only Sky di David Torn, ECM, 2015


I dischi di David Torn sono preziosi regali che questo chitarrista dalla carriera monumentale ci elargisce di tanto in tanto. Risaliva al 2007 l'ultimo lavoro pubblicato con la Ecm, l'eccellente Prezens, tanti anni di attesa che sono stati ricompensati cone questo only sky dove Torn si esibisce in solitudine assieme alla sua chitarra, a un oud elettrico e ai suoi preziosi effetti.
La musica di Torn esce dai consueti cliché chitarristici, i suoi brani sono lontani anni luce dalla ripetizione di licks, dall'adesione o meno a uno specifico genere musicale, dall'adozione di scale o particolari combinazioni di accordi: proverei a definire la sua musica come .. atmosferica. La sua musica gode di un impulso proprio, al di fuori del groove, dello swing o di un metro classico. Più che in termini di specifici fattori musicali come tempo e struttura Torn sembra ragionare in termini di spazio, mentre gli altri due fattori vengono utilizzati più come elementi e indizi aggiuntivi. Diversamente da molti altri chitarristi che usano l'elettronica come un mero complemento della loro musica e del loro stile, Torn fa suonare i suoi effetti creando combinazioni
Solo Sky è un album scuro e commovente, l'ennesimo eccellente lavoro di un artista da cui tutti abbiamo già imparato e ascoltato molto ma di cui non siamo ancora stanchi ne sazi.  

Posta un commento