giovedì 28 gennaio 2016

Intervista con Harvey Valdes di Andrea Aguzzi


La prima domanda è sempre quella classica: come è nato il tuo amore e interesse per la chitarra e quali strumenti suoni o hai suonato?

Il mio amore per la chitarra è iniziato quando avevo circa 11 anni, con due episodi abbastanza accidentali ma molto forti. Ero solito fare delle gite in bicicletta per tutta la città con i miei amici. Un giorno, cercando di andare all'avventura, siamo arrivati fino alla città vicina, abbiamo visto un negozio di musica e siamo andati a vederlo. La prima cosa che vidi fu una chitarra dipinta con righe bianche e nere, come una zebra, mi è sembrata la cosa più bella che avessi mai visto. Il proprietario del negozio doveva aver notato che la fissavo, così ha preso quella chitarra e ha cominciato a suonare tutti i suoi migliori lick. Ero in soggezione, mi ricordo di essere tornato a casa dopo che e di aver chiesto ai miei genitori una chitarra.
Più tardi quel mese, mi ricordo che di essere andato a fare la spesa con i miei genitori e in quei giorni si poteva comprare le cassette al supermercato. Appetite for Destruction dei Guns and Roses era appena uscito e ho pensato che la copertina fosse davvero cool. Così, l'ho buttato nel carrello della spesa, sono tornato a casa e dopo averlo ascoltato ci sono rimasto agganciato! Le chitarre e l'atteggiamento della musica veramente mi parlavano.
Suono anche oud, basso e batteria.

Qual è stata la tua formazione musicale, con quali insegnanti hai studiato e che impressione hanno lasciato nella tua musica?


Ho iniziato le lezioni in un negozio di musica locale, dove ho studiato per lo più rock e heavy metal. E, come molti degli insegnanti nei negozi di musica locale, il mio primo insegnante di chitarra era in realtà musicistai jazz veramente esperto. Aveva un orecchio incredibile e ha iniziato a suo modo di presentarmi ai suoni più complessi, probabile per tenersi in allenamento lui stesso. Ma, più studiavo e più mi sono innamorato dello strumento, e sono passato dal voler suonare brani rock / metal al volere suonare "nel momento", a voler improvvisare.
Quindi, la mia profonda curiosità per lo strumento mi portò al jazz. E, nel New Jersey, dove sono cresciuto, c'è una grande comunità di musicisti jazz a causa della vicinanza a New York. Ho continuato a studiare con Chris Buono, che è un musicista incredibile esperto in molti stili e educatore con la capacità di comunicare concetti in modo molto chiaro ed esauriente. Chris alla fine mi ha indicato a un'altra grande chitarra, Vic Juris. Vic ha focalizzato la mia attenzione su di essere un musicista completo. Ho continuato i miei studi con Vic dalla mia adolescenza attraverso i miei studi alla New School, dove ho conseguito un BFA in Jazz Performance. Alla New School ho anche avuto il grande privilegio di studiare con Reggie Workman, Andrew Cyrille, Junior Mance, Jamey Haddad, e molti altri. La New School ha una facoltà enorme e incredibilmente di talento che include jazz come musica di musicisti di tutto il mondo. Mentre studiavo lì mi sono anche molto interessato alla musica mediorientale, perché i suoni erano così freschi e intriganti per me. Ho iniziato a suonare l'oud e avuto la grande fortuna di studiare con Simone Shaheen e suo fratello Najeeb Shaheen.
Tutte le grandi persone con cui ho studiato hanno instillato in me l'idea che come musicisti serviamo sempre la musica con la nostra curiosità, umiltà e duro lavoro. Stiamo sempre crescendo.

Com'è nata l'idea del tuo ultimo disco "Roundabout", e perché hai deciso di fare un disco di standard per chitarra solista?


L'idea di fare rotonda è venuto dal mio interesse per la musica strumentale solista - in gran parte musica per pianoforte. Negli ultimi anni ho ascoltato un sacco di assolo di pianoforte da grandi musicisti come Cecil Taylor, Matthew Shipp, Connie Crothers, Jackie Byard, Ran Blake e Bill Evans. Quello che mi piace assolutamente di più di questi musicisti è il loro approccio voracemente espansivo nel suonare il loro strumento.
Ognuno di questi musicisti, e altri che amo, prendono un sacco di rischi e di oppurtunità e hanno tutti delle "voci" molto particolari. Essi hanno ispirato il mio approccio per "Roundabout".
In termini di scelta di standard, ho un sacco di rispetto per l'integrità compositiva di questi brani così datatai. Ma, io non sono interessato a suonarli con un approccio tradizionale, o di genere, o anche prevedibilite. Volevo rendere un approccio personale e un po 'pianistico a questi standard decostruendo, ricomponendo, e liberandomi dalle aspettative che questo genere di musiche prevede.


Che cosa significa l'improvvisazione per la tua ricerca musicale? Pensi che sia possibile parlare di improvvisazione per la musica classica o dobbiamo rivolgergi ad altri repertori come il jazz, la musica contemporanea, ecc?

Per me, l'improvvisazione è tutto. Essa influenza il mio modo di suonare, comporre, e anche di insegnare. Sento che tutto nella musica è interattivo - sia tra me e le mie idee, io e gli altri musicisti, o io e le idee musicali che un altro compositore condivide con me.
La questione dell'improvvisazione nella musica classica è interessante perché ho avuto esperienze di ascolto di musica classica che sembra improvvisata. Ad esempio, recentemente ho ascoltato la musica di Béla Bartók per pianoforte suonata da Noel Lee e mi sembrava come un disco di Cecil Taylor. Anche se suonava improvvisato, non lo è,
il che è sorprendente, in realtà.
D'altro lato, gli autori classici usano lo sviluppo del motivo come dispositivo compositivo. E molti improvvisatori jazz utilizzano motivi come un modo per sviluppare la musica improvvisata.
In definitiva, io non sono un musicista classico quindi non mi sento di poter parlare su come il potenziale dell'improvvisazione può essere utilizzato nel mondo classico. Ma, io so che questi mondi musicali si influenzano l'un l'altro.

Qual è il ruolo del "errore" nella tua visione musicale? Per "errore" Voglio dire una procedura errata, un'irregolarità nel normale funzionamento di un meccanismo, una discontinuità su una superficie altrimenti uniforme che può portare a nuovi sviluppi e sorprese inaspettate ...

Sono sempre di fronte ai miei propri limiti al tentativo di trovare opportunità di crescita all'interno di un errore e di un fallimento. Un errore è una scoperta, una apertura a qualcosa che non sapevo prima. Mi dice dove c'è un potenziale di crescita, come posso sentire le cose in modo diverso, o come posso cambiare il mio approccio.
Ci consigli i tuoi cinque dischi essenziali, da avere sempre con te .. i classici cinque dischi per l'isola deserta ...

Onestamente, non ho cinque record essenziali. Sarebbe un elenco molto lungo di molti dischi importanti che mi hanno influenzato. E, se fossi su un'isola deserta, penso che vorrei ascoltare la musica nella mia testa e cercare di capire come fare uno strumento per poter suonare!

Quali sono i tuoi cinque spartiti preferiti?

Io in realtà non penso agli spartiti così tanto. Voglio dire, ho studiato e analizzato tanti spartiti, ma come per la domanda dei cinque dischi essenziali, non ne ho preferiti. 

Con chi ti piacerebbe suonare? Che tipo di musica ascolti di solito?

Sono sempre alla ricerca di continue collaborazioni con molti dei miei amici musicisti e di nuove collaborazioni.
Per quanto riguarda l'ascolto, io sono oltre la mappa. Il mondo è un posto grandissimo e c'è musica in ogni angolo, voglio sentirla tutta.

I tuoi prossimi progetti? Quando ci vedremo suonare in Italia?

Ho un album in trio che uscirà nell' inverno / primavera del 2016. Si tratta di una raccolta di brani originali che ho scritto per chitarra, batteria e violino. I suoni sono molto diversi da quelli di Roundabout . E 'piuttosto aggressivo e incisivo. Unisce l'improvvisazione a delle sezioni composte.
Spero di visitare l'Italia, un giorno, ci sono tante cose che vorrei vedere.
Grazie, Andrea!


Posta un commento