martedì 12 gennaio 2016

Intervista con Hilary Field di Andrea Aguzzi su Blog Chitarra e Dintorni


http://www.hilaryfield.com/

La prima domanda è sempre quella classica: come è nato il tuo amore e interesse per la chitarra e quali strumenti suoni o hai suonato?

Il mio interesse per la chitarra è iniziato quando ero una bambina, perché volevo suonare le canzoni, e ho usato la chitarra come strumento di accompagnamento. Ben presto si è evoluto in musica classica. Mi è piaciuto il suono della chitarra e sono stata contenta della possibilità di suonare più voci in una sola volta. Prima di suonare la chitarra ho studiato violino e suonato il mio dell'orchestra della scuola. Ho deciso come un adolescente che lo strumento che ero veramente dedicato a era la chitarra classica.

Qual è stata la tua formazione musicale, con la quale gli insegnanti hanno studiato e che impressione hanno lasciato nella vostra musica?

Ho studiato con Jerry Willard e Pasquale Bianculli come ero cresciuto a New York, e poi ho continuato a studiare con entrambi presso Stony Brook University. Entrambi questi insegnanti mi hanno instillato l'amore per la musica e mi ha insegnato a sentire la musica all'interno delle note. Ho anche studiato con Oscar Ghiglia nei programmi estivi. Oscar mi ha insegnato a prestare attenzione a ogni sfumatura e dinamica, in modo che la musica raccontasse una storia. A Seattle, Washington, ho studiato con Kevin Callahan, che ha ispirato e mi ha motivato a raggiungere il meglio delle mie capacità. Lui mi ha incoraggiato a essere creativa e a improvvisare e comporre, e mi ha offerto una grande quantità di orientamento e di sostegno. Ha prodotto e realizzato il mio primo CD, "Music of Spain and Latin America."

Premiers non è il tuo primo disco, non si è di nuovo su la registrazione di musica, ma questo è il primo tentativo con la musica contemporanea, come è nata l'idea di questo disco e come si fa a scegliere i compositori ed i loro punteggi?

Mio marito, Andrew Ratshin, ha avuto l'idea iniziale per il mio album "Premieres". La chitarra classica ha un po' il repertorio limitato rispetto alla letteratura per altri strumenti, come il violino. Ha pensato che avrei dovuto fare una registrazione di opere che non sono mai stati registrate prima, da aggiungere alla letteratura perchitarra, e per mostrare la nuova musica che le persone non hanno sentito parlare. Ho pensato che fosse una grande idea, e ho deciso di trovare nuova musica. Alcuni dei compositori del CD (Jorge Morel, Alberto Cumplido, e Douglas Lora) sono miei amici, e quando ho parlato del progetto a loro, ha scritto musica nuova per me o condiviso musica che non era mai stata registrata. Ho contattato gli altri compositori, perché amavo la loro musica, e molto generosamente e gentilmente mi ha offerto la nuova musica per il mio progetto CD. Ho fatto personalmente tutto lavoro a stretto contatto con tutti i compositori, di persona o tramite e-mail, e inviato loro registrazioni di tutto il processo.

Che cosa significa l'improvvisazione per la ricerca musicale? Pensi che sia possibile parlare di improvvisazione per la musica classica o dobbiamo rivolgersi ad altri repertori come il jazz, la musica contemporanea, ecc?

Sono sempre stato molto incuriosita dall'improvvisazione, in qualunque generei. Ciò che consideriamo musica classica era, un tempo, la musica contemporanea, e il compositore aveva attraversato un processo creativo prima che il prodotto finale fosse notato e pubblicato. Molti compositori classici, come Bach, sono ben noti per essere anche improvvisatori. Improvvisare è parte della creazione di musica. E 'anche un modo di lavorare attraverso numerosi sentieri, proprio come uno scrittore può utilizzare il suo flusso di coscienza mettendo le idee su carta, e creare più bozze prima di finalizzare il prodotto. Quando parliamo l'un l'altro improvvisiamo con le parole, e quando scriviamo i nostri pensieri componiamo. Credo che ad un certo livello, tutta la musica composta abbia avuto origine con l'improvvisazione. Con questo in mente, non trovo una grande disparità tra musica improvvisata contemporanea e musica classica composta. Credo che l'improvvisazione sia al centro di tutta la musica. A mio parere, gli interpreti della musica composta hanno ancora il bisogno di sentire il processo creativo del compositore, e raccontare la storia della musica, come se stessero improvvisando sul posto.

Qual è il ruolo del "errore" nella tua visione musicale? Per "errore" Voglio dire una procedura errata, un'irregolarità nel normale funzionamento di un meccanismo, una discontinuità su una superficie altrimenti uniforme che può portare a nuovi sviluppi e sorprese inaspettate ...

Nella definizione di errore, vorrei riflettere sull'idea di rischio. I rischi musicali sono necessari per la crescita, e aiutano il musicista a scoprire nuove possibilità. Spesso dico ai miei studenti di provare tutti i tipi di suoni sui loro strumenti, anche i suoni che a loro non piacciono, in modo che imparino su tutte le loro scelte. A volte, quando gli studenti aggiungono nuove dimensioni alla musica, come i cambiamenti dinamici, faranno errori nelle note che precedentemente hanno suonato in modo impeccabile. Questo è un buon sviluppo, perché significa che si stanno allontanando dal gioco automatico e stanno rivelando la loro interpretazione della musica oltre che le dita. Le note impeccabile torneranno più tardi, ma con più profondità e sentimento.

Ho, a volte, la sensazione che nella nostra epoca la storia della musica scorre senza un particolare interesse per il suo decorso cronologico, nella nostra discoteca prima e dopo, passato e futuro diventano elementi intercambiabili, può essere questo un rischio di una visione uniforme per un interprete e un compositore? Il rischio di una "globalizzazione" musicale?

Io personalmente non credo che ci sia un rischio di una monocultura musicale omogenea per gli interpreti e compositori. Penso che diverse influenze musicali aggiungano elementi ricchi e preziosi al repertorio. Tutta la musica nel corso della storia è stata influenzata dal passato, per l'integrazione culturale, e dall'ambiente artistico e naturale. Dall'influenza di Johann Jakob Froberger sulla suite di tastiera barocche, che è stato portato ad un altissimo livello nell'arte di J.S. Bach e dai futuri compositori europei, dall'aggiunta di sincope nella musica classica del 20esimo secolo da parte di Scott Joplin , dall'integrazione di Heitor Villa Lobos delle composizioni classiche con musica Choro dalle strade del Brasile, la grande musica è sempre stata fluida e flessibile. Io credo che queste varie fusione di idee servano ad arricchire la musica in tutto il mondo. Influenze musicali e idee si muovono molto più velocemente nel ventunesimo secolo, e non vedo l'ora di sentire ulteriori sviluppi sulle future composizioni musicali e nelle interpretazioni.


Parliamo di marketing. Quanto pensi che sia importante per un musicista moderno? Voglio dire: quanto è determinante essere dei buoni promotori di se stessi e delle proprie opere nella musica di oggi?

Marketing e promozione è molto importante, in modo che il pubblico di essere a conoscenza della musica. Il passaparola, le recensioni delle pubblicazioni, i passaggi in radio e i servizi di streaming, contribuiscono tutti a raggiungere più persone che potrebbero essere interessati ad ascoltare la musica sul disco o in performance dal vivo. Ci sono anche tanti modi per le persone di provare a ascoltare la musica se è disponibile sui siti dei social media e nei punti di distribuzione on-line.

Ci dici quali sono i tuoi cinque dischi essenziali, da avere sempre con te ... i classici cinque dischi per l'isola deserta ...

Berta Rojas: Terruño
Yo Yo Ma: The 6 Unaccompanied Cello Suites
Mitsuko Uchida: Mozart Piano Sonatas
Trio Brasileiro: Simples Assim
Jorge Morel: Suite Del Sur

Quali sono i tuoi cinque spartiti preferiti?

Ludwig Van Beethoven: Sinfonia n ° 7
Leos Janácek: Idyll for String Orchestra
Felix Mendelssohn: String Ottetto op. 20
Claude Debussy: Prélude à l'après-midi d'un faune
J.S. Bach Quattro Lute Suites

Con chi ti piacerebbe suonare? Che tipo di musica ascolti di solito?

In realtà piace suonare la musica di persone che si specializzano nei generi diversi dal classico. Ho avuto l'opportunità di studiare musica brasiliana Choro con Douglas Lora, che è un maestro di musica classica e brasiliana. Quando suono con Douglas e dei suoi colleghi, sono in grado di sentire il vero ritmo e colori della musica, e mi porta più vicino alla cultura e lo spirito della musica.
Ascolto un'ampia varietà di musiche, tra cui tutti gli stili di musica classica, world music, teatro, e cantautori contemporanei.

I tuoi prossimi progetti? Quando ci vedremo suonare in Italia?

I miei piani per i progetti futuri includono più anteprime mondiali, composizioni originali e musiche di compositrici. Non ho alcun concerto previsto per l'Italia nel prossimo futuro, ma sarei felice di accettare un invito a suonare in questo bel paese!
Posta un commento