giovedì 28 febbraio 2013

Ensemble Phoenix Basel in concert

Ensemble Phoenix Basel                                                    logo phoenix  
phoenix
PERSEPOLIS

Freitag, 1. März 2013, Dampfzentrale Bern
Samstag, 2. März 2013, IGNM Zürich, Kunstraum Walcheturm
Sonntag, 3. / Montag, 4. März 2013, Gare du Nord Basel

Iannis Xenakis (1922-2001): "Thalleïn" für Ensemble (1984)
Jannik Giger (*1985): "CLASH" (2012/13, UA) 
Thomas Bruttger (*1954): "Klang-Momente" für Ensemble (2009-2011)
---  
Iannis Xenakis: "Persepolis" für Tonband (1971)

Jürg Henneberger: Leitung
Christoph Bösch: Flöte 
Toshiko Sakakibara: Klarinette
Petar Hristov: Oboe 
Lucas Rössner: Fagott
Heiner Krause: Horn
Jochen Weiss: Trompete
Michael Büttler: Posaune  
Samuel Wettstein: Klavier/Keyboard
Daniel Buess: Schlagzeug 
Daniel Stalder: Schlagzeug  Friedemann Treiber: Violine
Wojciech Garbowski: Violine
Jessica Rona: Viola 
Beat Schneider: Violoncello  Aleksander Gabrys: Kontrabass
Thomas Peter: Elektronik
  
Thalleïn gehört zu den elektrisierendsten Ensemblestücken von Iannis Xenakis, und zwar aufgrund der Vielzahl klanglicher Ideen, die sich eher spielerisch als "berechnet" aufreihen. Das hat auch damit zu tun, dass Xenakis in diesem für die 14 Instrumente der London Sinfonietta komponierten Stück auf eine formale Grundidee zu verzichten scheint, die dann mit höchster mathematischer - und emotionaler - Präzision, ja fast Gewalt umzusetzen wäre. Hier wirkt vielmehr das Prinzip, das Xenakis mit dem Titel des Stücks enthüllt: Thalleïn, nämlich Knospen oder Hervorspriessen. Damit ist sowohl ein Form- wie auch ein Klangprinzip bezeichnet, dem man sich hörend auch überlassen kann, ohne auf die in Xenakis' Musik so prägende "Algorithmik der Ideen" übermässig zu achten.
Thomas BruttgersKlang-Momente setzen sich aus 9 Stücken für 8 Instrumentalisten zu einem etwas mehr als halbstündigen Panorama zusammen, gebildet aus unzähligen kleinen Klang- und Spielmomenten. Es entstand in den letzten zwei Jahren für das Freiburger Ensemble Aventure, wobei die Charaktere der momentan neun Teile fortlaufend hinzukamen und möglicherweise noch keine abgeschlossene Form angenommen haben.
Mit dem Auftrag an den jungen Basler Komponisten Jannik Giger programmiert das Ensemble Phoenix auch ein Überraschungsmoment in das Xenakis-Konzert. Ungewöhnlich ist dabei weniger, dass der Musiker sich in mehreren Genres und Medien (Film, Installation, elektronische Musik etc) betätigt, sondern eher, dass er sich darin noch der strengen Formsuche klassischen Komponierens unterwirft und einen entsprechenden - oder widersprechenden! - Kompositionsauftrag annimmt.
Zu den avantgardistischen, multimedialen Gesamtvisionen gehört Iannis Xenakis Persepolis, oder genauer Polytope de Persépolis, das im August 1971 in den iranischen Persepolis-Ruinen am Shiraz-Festival mit riesigem Aufwand produziert wurde. Wie in allen Polytopes von Xenakis (Polytope de Cluny, Polytope de Montréal) stellt sich die Frage nach dem realen oder historischen Ort ebenso unvermeidlich wie jene nach der Vereinigung von projektierten, inszenierten und imaginierte Räumen von Licht und Klang. Vor diesen Fragen bleibt aber offen, ob und wie sich die Polytopes an anderen Orten und in anderen Kontexten noch angemessen aufführen lassen.
Das einstündige Nachtkonzert, das sich dem Abendprogramm anschliesst, wird ohne Zweifel aufweisen, dass sich das 8-kanalige Tape-Stück mehr als vierzig Jahre nach der Uraufführung und tausende Kilometer von der iranischen Wüste entfernt vielleicht historisch, aber kein bisschen alt anhört.
  
22. 2. 2013: Ensemble Phoenix Basel-Trio 

ARS NOVA, SWR, Ravensburg (D), Waaghaus, Schwörsaal, 20.00 Uhr  

Jürg Henneberger: Klavier 
Christoph Bösch: Flöte
Daniel Buess: Schlagzeug

Manos Tsangaris (*1956)
Drei Orte
für Flöte, Klavier, Schlagzeug und mobile Lautsprecher (1998)

Earle Brown (1926-2002)
Hodograph I
für Flöte, Klavier/Celesta und Schlagzeug (1959)

Georg Katzer (*1935)
Odd and Even
Trio für Flöten, Schlagzeug und Klavier (2003)

Samir Odeh-Tamimi (*1970)
Li-Umm-Kámel
für Flöte/Piccolo, Klavier und Schlagzeug (2004)

Morton Feldman (1926 - 1987):
Why Patterns? (Instruments IV)
für Flöte, Klavier und Glockenspiel (1978)   


Vorschau:

24. 03.2013 London, Southbank (London Ear Festival)
25. 03.2013 Cambridge, St. John's College (promoted by Kettles Yard)
Moosbrugger, Pritchard, Kyburz, Furrer-Münch 


29. 03.2013
Krems Klangraum
Haas, Ferrer-Münch, Moosbrugger, Roth 

Ensemble Phoenix Basel Website
United Phoenix Records
Gare du Nord Basel

Review of Liuto con Forza by Peter Soderberg, Phono Suecia 2010




Italian Translation

Some times ago I had reviewed here on the blog the beautiful cd by Magnus Anderrson "Chitarra con Forza", edited in 1988 by the label Phono Suecia. Now I find myself to review and above all to listen to this "Liuto con Forza" always produced in 2010 for the same record label.
A case? A concurrence? Certainly, twenty-two years are not a day and for a small independent record company they sound like geologic ages, but surely a certain line of affinity is noticed among the two records.
Peter Soderberg is Swedish, class 1957. He has an exceptional curriculum having studied to the Royal College of Music and in the Schola Cantorum Basilensis in the '80. Soderberg is not a "normal" musician formed by classical training, he loves to improvise, to rehandle and to elaborate the music and what could be better then the lute and the Renaissance music to explore these possibilities? From there to explore the contemporary music … well it seems an easy step, so Soderberg begins to frequent this repertoire, to transcribe and thing more important to ask to the composers to consider the possibility to write new pieces for the lute, an instrument “tied up” from centuries to a rigid musical iconography.
So .. when you listen to this cd you have a kind of cultural shock is listened it is had. You hear the sweet notes of the lute and automatically your mind prepares itself to the listening of the ancient music while the ears are reached by the contemporary music. A small short circuit that makes listening even more the interesting and intense. Very beautiful and even more beautiful to see and to listen to these novelties, we need people that dare and try new paths and roads.
Musics by Bengt Hambraeus, Ivo Nilsson, Erik Peters, Lars Ekstrom, Ingvar Karkoff and Kent Olofsson.


mercoledì 27 febbraio 2013

Seminario di Marco Cappelli a Faenza 6 -7 marzo 2013



Guitars Speak secondo anno: Terje Rypdal, Odyssey






Questa sera su Radio Voce della Speranza

Da anni attendavamo la ristampa completa di Odyssey, geniale doppio album uscito negli anni '70 da parte di Terje Rypdal geniale chitarrista e compositore svedese, uno dei nomi più interessanti della nascente scena jazz europea. Il recente cofanetto uscito per la ECM che comprende anche una esecuzione live finalmente premia la pazienza dei suoi numerosi fan e non poteva mancare l'ascolto su Guitars Speak  e sulle onde di Radio Voce della Speranza

This evening  9 PM on Radio Voce della Speranza

For years we waited for the complete reprint of Odyssey, a brilliant double album released in the 70's by Terje Rypdal brilliant Swedish guitarist and composer, one of the most interesting names of the nascent European jazz scene. The recent box set released by ECM, which includes a live performance finally rewards the patience of his many fans and could not miss listening on Guitars Speak on the waves of Radio Voce della Speranza



martedì 26 febbraio 2013

Video: Epiphany Machine for guitar solo - Scott Johnson, composer played by Kevin R. Gallagher



Scott Johnson, composer -http://www.scottjohnsoncomposer.com 
Kevin Gallagher, guitarist - http://www.guitar69.com

Home demo recording from 2004. Written by the brilliant composer, Scott Johnson, Epiphany Machine utilizes electric guitar and delayed harmonizer effect.

28 febbraio Live di Giorgio D'Ambrosio




Giovedì 28 Febbraio in via Veniero 40, zona P.le Lotto, si terrà il Live di presentazione dell'ultimo CD autoprodotto - Acoustic Soul di Giorgio D'Ambrosio

Sul suo sito è possibile ascoltare i brani:

http://giorgiodam1.wix.com/giorgiodambrosio

e vedere una presentazione qui:

http://www.youtube.com/watch?v=hPGCPC5tACw
Il concerto inizia alle 19 e termina alle 21 con l'aperitivo organizzato dal Meeting Caffè; Jazz, Swing e bossanova, arrangiati per chitarra classica e voce..

Marco Cappelli Acoustic Trio in concerto a Mestre 8 marzo



Marco Cappelli Acoustic Trio
in concerto a Mestre 
8 marzo 2013

al Palaplip
Via San Donà 175
Mestre Carpenedo

lunedì 25 febbraio 2013

Marco Cappelli Acoustic Trio Seminario Martedì 26 e Mercoledì 27 Febbraio presso l'Associazione Culturale Totemtanz

Marco Cappelli Acoustic Trio 
Seminario 
Martedì 26 e Mercoledì 27 Febbraio presso l'Associazione Culturale Totemtanz




Recensione di Odyssey in Studio & in Concert di Terje Rypdal, ECM 2012-08-09




Cito testualmente dal bel saggio di Alessandro “Unfolk” Monti pubblicato qui sul blog qualche tempo fa: “"Odyssey" (ECM 1975) é il suo capolavoro che chiude idealmente la prima fase della sua carriera discografica. E' un doppio album (vincitore quell'anno anche del premio della critica tedesca) in cui lo spettro della sua musica si arrichisce di nuove possibilità, ma che nella scandalosa e inspiegabile versione digitale (sia su singolo cd che in download) omette il brano più interessante "Rolling Stone", una maratona di un'intera facciata in cui lo stile aperto del chitarrista risplende in tutta la sua bellezza e creatività. Perchè la ristampa in cd abbia escluso quello stupendo brano non ci é dato di sapere (un doppio cd era la cosa più ovvia), ma é certo che acquistare l'album originale (ancora reperibile second-hand) sia l'unica possibilità per avere l'immagine completa del lavoro.”
Finalmente la ECM fa ammenda degli errori del passato facendo uscire un bellissimo cofanetto con tre cd di Odyssey, i primi due sono l’integrale edizione del doppio disco in vinile e il terzo la registrazione inedita di un concerto del 1976 intitolato Unfinished Hightballs suonato assieme allo Swedish Radio Jazz Group.
Non c’è cosa più bella di poter riascoltare le atmosfere dilatate dei freschi mari sonori norvegesi in questa calda estate! Rypdal è un chitarrista finissimo che sa esprimersi benissimo in lunghe fantastiche ballate elettriche come "Darkness Falls", "Over Birkerot", "Adagio", "Better Off Without You", "Ballade" per non parlare della mitica “Rolling Stone” che finalmente possiamo ascoltare in digitale. Sia che usi il distorsore che il pedale del volume Rypdal fa sentire le sue influenze psichedeliche hendrixiane così come l’amore per Coltrane e Albert Ayler, la sua chitarra produce lunghe note dilatate o nervosi fraseggi decisamente lontani dai modelli di chitarra jazz e rock allora in voga (fatta eccezione forse per John Mc Laughling e Allan Holdsworth) proponendo delle soluzioni innovative che però non avranno molto seguito nel jazz ma che saranno invece adattate più avanti da “chitarristi cosmici” come Michael Brook.
Molto bello anche il cd live, efficace testimonianza della intensa attività concertistica svolta dalla Odyssey Band  e delle ambizioni compositive di Rypdal che qui possono appoggiarsi anche sulla Swedish Radio Jazz Group.
Alla fine ce l’abbiamo fatta, abbiamo dovuto aspettare ben 37 anni ma Odyssey finalmente è ascoltabile in tutta la sua bellezza, eccellente il lavoro di remastering così come sono belli il design minimalista del cofanetto e il libretto che lo accompagna con le foto in bianco e nero di Giuseppe Pino e Roberto Masotti. Grazie ECM!

domenica 24 febbraio 2013

Video: Sergi Boal - Cercle (official video)



Official video for "Cercle"

Artist: Sergi Boal
Album: Cercle edited by AlchEmistica and Acustronica netlables
AlchEmistica: http://www.alchemistica.net/releases/...
Acustronica: http://www.acustronica.com/

Sergi Boal: http://www.sergiboal.com/

Video directed and made by Andrea Aguzzi
Photo: Andrea Aguzzi

Guitars Speak secondo anno: Terje Rypdal, Odyssey





Mercoledì sera su Radio Voce della Speranza


Da anni attendavamo la ristampa completa di Odyssey, geniale doppio album uscito negli anni '70 da parte di Terje Rypdal geniale chitarrista e compositore svedese, uno dei nomi più interessanti della nascente scena jazz europea. Il recente cofanetto uscito per la ECM che comprende anche una esecuzione live finalmente premia la pazienza dei suoi numerosi fan e non poteva mancare l'ascolto su Guitars Speak  e sulle onde di Radio Voce della Speranza

Wedsneday evening  9 PM on Radio Voce della Speranza

For years we waited for the complete reprint of Odyssey, a brilliant double album released in the 70's by Terje Rypdal brilliant Swedish guitarist and composer, one of the most interesting names of the nascent European jazz scene. The recent box set released by ECM, which includes a live performance finally rewards the patience of his many fans and could not miss listening on Guitars Speak on the waves of Radio Voce della Speranza



sabato 23 febbraio 2013

Video: Sergi Boal, Fukushima

Intervista a Sergi Boal, quarta e ultima parte



Quali sono i tuoi cinque dischi essenziali, da avere sempre con te .. i cinque dischi classici per l'isola deserta...

Brian Eno ( music for airports)
Radiohead ( ok Computer)
Pearl Jam ( vitalogy)
John coltrane (Blue Train)
Claude Debussy ( un CD special con tutta la sua musica)

Cosa ti piace suonare? Che tipo di musica ascolti di solito?

I play my music. Thats all.
Mi piace ascolare tutte le nuove band, sapere cosa sta tramando il mondo del rock e del pop.
Ascolto musica jazz, Brad Meldauh, Keith Jarrett, Radiohead.
E poi ascolto soprattutto colonne sonore cinematografiche, per esempio Danny Elfman, Phillip Glass, Nino Rota, Michael Giacchimo, Einaudi..

Quali sono i tuoi prossimi progetti? Su cosa stai lavorando? Ti vedremo suonare in Italia?

In Italia... spero presto!
Nuovi progetti....sto cominciando a lavorare a una grande progetto, previsto per la fine del 2013, che coinvolge molti musicisti... e poi c’è anche un progetto di un cd intimista di chitarra solista.
Comunque sia, mi considero in uno stato di work in progress continuo...

Questa è davvero l'ultima domanda .. mi piace molto il suono dell'oud e so che tu suoni questo strumento, antico e bellissimo, come hai iniziato a suonarlo e .. pensi di registrare qualche musica?

Ho registrato una canzone di liuto nel Cd "silence": forse quando mi hai fatto l’intervista non l’avevi ascoltata…. Al momento si può ascoltare nella mia pagina: Http://www.sergiboal.bandcamp.com. Studio liuto da due anni.. nelle mie future composizioni sicuramente includerò anche questo bellissimo strumento.

venerdì 22 febbraio 2013

Video: Sergi Boal, Ice Voice

Intervista a Sergi Boal, terza parte




Come descriveresti la tua musica? Parlaci dell'ultimo tuo lavoro uscito con Acustronica e AlchEmistica?

La mia musica scorre. Mi piace pensare alla pioggia. Nel momento di suonare non mi metto limiti; semplicemente suono, improvviso, anche durante le registrazioni... Le 5 canzoni dell’EP " cercle", sono state registrate al primo colpo, e pur avendo una linea di lavoro, in alcuni punti sono improvvisate; ecco perché nelle mie registrazioni ci sono “piccoli errori” che non ho voluto cancellare...
Nei miei concerti faccio lo stesso; neanch’io so quello che suonerò; c’è il rischio che il risultato sia pessimo o meraviglioso. Devo dire che ciò mi affascina.
"Nylonand Turtle" (acustronica) è un album di chitarra contemporanea di composizioni proprie nel quale mostro chi sono... e credo che quest’album definisca molto bene il mio stile....
In "silenci", il mio secondo album, pubblicato da Acustronica, ho composto tutti i pezzi e introduco altri strumenti, come il violoncello, la tromba, e ovviamente la voce. Son canzoni più elaborate, con una linea più definita...sono soddisfatto del risultato perché in ogni canzone cerco di raggiungere l’essenza; ognuna è diversa anche se il mio stile è riconoscibile in ognuna.
Nel mio terzo cd, che viene pubblicato in AlchEmistica e Acustronica, ritorno a una linea più sperimentale, di pura chitarra, con un suono molto ambientale, avvolgente, libero. Sono entusiasta di questo nuovo suono che sono riuscito a raggiungere in questo lavoro.

Ho, a volte, la sensazione che nella nostra epoca la storia della musica scorra senza un particolare interesse per il suo decorso cronologico, nella nostra discoteca-biblioteca musicale il prima e il dopo, il passato e il futuro diventano elementi intercambiabili, questo non può comportare il rischio per un interprete e per un compositore di una visione uniforme? Di una “globalizzazione” musicale? 

È un problema. Ascolto Debussy e poi i Radiohead e poi ancora Chet Baker: da pazzi!
L’arte è evoluzione; senza le basi, senza conoscere le proprie radici, è difficile creare o innovare... C’è una frase che sintetizza quello che voglio dire: per creare, devi dimenticare ciò che hai imparato; prima però devi impararlo!

Luciano Berio ha scritto “la conservazione del passato ha un senso anche negativo, quanto diventa un modo di dimenticare la musica. L’ascoltatore ne ricava un’illusione di continuità che gli permette di selezionare quanto pare confermare quella stessa continuità e di censurare tutto quanto pare disturbarla”, che ruolo possono assumere la musica e i compositori contemporanei in questo contesto? 

L’improvvisazione come fatto a sé stante, non ha senso… il fine ultimo è comunicare, raccontare una storia attraverso la musica. Secondo me, il passato è necessario per creare qualcosa di nuovo.
Paco de lucia, dopo aver studiato il passato, ha creato un nuovo mondo nella chitarra e ha rivoluzionato il Flamenco.
Dobbiamo preservare il passato....ma non imitarlo; ascolto molti gruppi che cercano di imitare gli anni ’40 o ‘60. Credo che ciò non abbia senso, semplicemente ubbidisce a logiche di mercato.


giovedì 21 febbraio 2013

Video: Sergi Boal, Percorso

Intervista a Sergi Boal, seconda parte




Hai suonato e studiato diversi generi musicali, che valore ha l'improvvisazione nella tua ricerca musicale? Pensi sia possibile parlare di improvvisazione anche nella musica classica o ci si deve riferire ad essa solo per altri repertori come il jazz, la musica contemporanea, etc.?

Ad essere onesti, in base alla mia esperienza, il problema della musica classica è stata la sua rigidità.
Attualmente le cose stanno cambiando, soprattutto nelle scuole prívate di musica che stanno introducendo l’improvvisazione nella musica classica; sicuramente se parliamo di improvvisazione, dobbiamo guardare soprattutto alla musica sperimentale o contemporanea, soprattutto alle colonne sonore cinematografiche o di animazione. Secondo me i musicisti jazz fatta eccezione ovviamente per alcuni, improvvisano secondo standard stabiliti e in questo modo il concetto stesso di improvvisazione muore...
Il mio grande idolo è John Coltrane che ha portato il concetto di linguaggio al limite, sperimentando al massimo in ogni nuovo disco e forse proprio per questo un po’ incompreso tutt’oggi...

Ascoltando la tua musica ho notato la tranquillità con cui ti relazioni col tuo strumento, indipendentemente dal repertorio, da cosa e da con chi stai suonando, gli strumenti che suoni mostrando sempre un pieno controllo sia tecnico che emotivo, quanto è importante per te lavorare sulla tecnica per raggiungere questo livello di sicurezza?

Ho studiato moltissima tecnica nei primi 4 anni di scuola di chitarra.
La tecnica è importante per poter dimenticarsene e pensare solo alla musica, non per fare acrobazie. Questo è il mio obbiettivo attualmente: suonare meno note (anche se non lo sembra!) e andare all'essenza...
Dedico soltanto 10 minuti al giorno alla tecnica, per riscaldarmi: il resto del tempo lo dedico a suonare.

Tu hai lavorato con diverse netlabels, come AlchEmistica e Acustronica, entrambe italiane, perchè hai scelto le netlabels per promuovere la tua musica? Che ne pensi della crisi del mercato discografico, con la transizione al download digitale in mp3 e a questo nuovo scenario?

Posso riassumere dicendo che il futuro è la musica gratuita.
È meraviglioso comprare un CD o un LP ben fatto, con un packaging interessante, ma sono sicuro che il pubblico comprerà solo quei pochi CD che hanno su di lui un valore emozionale...
Rispetto alla crisi discografica, secondo me non è una crisi. È grazie alla cosiddetta crisi e alla nascita di case discografiche on line (nel mio caso, Acustronica, AlchEmistica, No Source), che il pubblico di tutto il mondo può ascoltare la mia mia musica! Prima ricevevo solo dei “No” perché la mia musica non è commerciale, è molto particolare.
Grazie a internet, alle piattaforme di musica gratuita, alle netlabels, a youtube, ai creative commons, ho avuto l’opportunità di mostrare la mia arte, iniziare a fare concerti e ricevere un po’ di critiche qua e là. Mi riempie di soddisfazione che uno sconosciuto dall’altra parte del mondo mi abbia ascoltato e mi faccia i complimenti. Ê chiaro che mi piacerebbe poter guadagnare con la musica e riuscire a dedicarmici completamente. Ma questa è un’altra storia… Immaginazione al potere!
Ritornando alle Netlabels, credo che rappresentino un gran valore aggiunto perché fanno da filtro di qualità nel marasma della musica su internet. E questo filtro è necessario.

mercoledì 20 febbraio 2013

Recensione di Sergi Boal - "Silenci" (self released) su NetMusic Life




"EL SILENCI ÉS L'ORIGEN 
L'ABSÈNCIA DE SONS
EL SILENCI ÉS LA UTOPIA
QUE EL SOROLL NO ENS IMPEDEIXI ESCOLTAR EL SILENCI"


Torna Sergi Boal, chitarrista spagnolo (Barcellona) che ho potuto apprezzare alcuni mesi fa con lo splendido "Nylon & Turtle", rilasciato dall’accoppiataAcustronica e No Source.

La musica di "Silenci" sa incantare e creare una deliziosa atmosfera negli ambienti in cui espande il proprio suono. Può essere l'abitacolo di un auto nelle ultime ore della notte, la buia stanza notturna vista nell’ottica di un paio di cuffie o una sala da pranzo in attesa di essere addobbata per le festività natalizie. Sergi Boal sa trasmettere calore e poesia, intimità e naturalezza. Musica che dona benessere a mente e corpo. A volte sfiora atteggiamenti lo-fi, quando lievi distorsioni di volumi in rosso graffiano il suono.

Guitars Speak secondo anno: Manuel Mota




Questa sera su Radio Voce della Speranza

Manuel Mota è un chitarrista portoghese, compositore ma soprattutto improvvisatore, da molti indicato come il degno erede di Derek Bailey. Il suo modo di suonare ricorda il modo di dipingere di certi monaci zen, una pennellata qua, un segno là, li vedi dipingere e non capisci cosa stiano facendo .. poi all'improvviso il dipinto si materializza davanti ai tuoi occhi, lasciandoti a bocca aperta. Manuel Mota suona la sua chitarra nello stesso modo rigoroso ma allo stesso tempo creativo.

This evening  9 PM on Radio Voce della Speranza

Manuel Mota is a Portuguese guitarist, composer but above all improviser, by many people indicated as the worthy heir to Derek Bailey. His style of playing reminiscent of the way to paint of some Zen monks, a brushstroke here, a sign there, you see them paint and do not understand what they're doing .. then suddenly the painting materializes before your eyes, leaving you speechless. Manuel Mota plays his guitar in the same rigorous yet creative way ..



martedì 19 febbraio 2013

Video: Sergi Boal, Frontera

Intervista a Sergi Boal, prima parte




Ciao Sergi, benvenuto nel Blog Chitarra e Dintorni ... come è iniziato il tuo amore e interesse per la chitarra e con che strumenti suoni o hai suonato?

Ho cominciato ad ascoltare musica ai 13-14 anni; quando ero più piccolo, non mi interessava. Mi ricordo che una volta a Natale mi hanno regalato una chitarra e mi sono arrabbiato perché non sapevo che farne. Da bambino volevo fare l’oceanografo perché mi piacevano gli animali ma di musica non volevo saperne! Qualche mese dopo, ho visto un concerto in TV che si chiamava “Leggende della chitarra di Siviglia” dove apparivano Joe Satriani, Steve Vai e altri. È stata una vera e propria rivelazione! Certo però, assomiglio di più a Nick Drake che a Joe Satriani...
Suono la chitarra classica e spagnola e il liuto arabo. Mi piacerebbe continuare la mia formazione imparando a suonare altri strumenti, soprattutto a percussione.

Qual'è la tua formazione musicale, con che insegnanti hai suonato e che impronta hanno lasciato nella tua musica? Qual'è il tuo background musicale?

Ho studiato chitarra classica con il chitarrista colombiano Juan Mario Cellar per 8 anni. Grazie al mio maestro ho cominciato a familiarizzarmi con i ritmi sudamericani, soprattutto con quelli del brasiliano Baden Powell, che tuttora sono presenti nella mia musica.
Ho studiato anche chitarra flamenca, ma gran parte di quello che so, l’ho imparato da autodidatta, ascoltando i grandi chitarristi ( Hendrix, Jimmy Page, Paco de Lucia..)
Dei miei professori mi restano soprattutto i loro saggi consigli; mi hanno insegnato ad aver pazienza (la chitarra è uno strumento ribelle), e soprattutto molta costanza.

Parliamo di marketing. Quanto pensi sia importante per un musicista nei nostri tempi? Voglio dire: quanto è importante essere un buon promoter di se stessi e della propria musica oggigiorno?

Il marketing è praticamente tutto! (molto spesso è più importante della musica stessa ma per fortuna non sempre!)
Il marketing è stato importantissimo anche in passato, non solo adesso. Quando andiamo a un concerto, non vogliamo ascoltare soltanto la musica ma guardiamo il pakaging, il personaggio, quello che ci trasmette: in alcuni casi c’è qualcosa di vero sotto la maschera, in altri no...
Chi va a un concerto dei Coldplay, nel 70% dei casi non conosce le loro canzoni. Va a vedere lo spettacolo per poter dire di esserci stato. Puro marketing. 
Tornando alla domanda, essere manager di se stessi è stancante. Credo che i musicisti debbano creare e basta; il fatto di essere indipendenti e di auto-prodursi  non è incompatibile con la presenza di un manager che si occupi del loro marketing. Finora ho sempre fatto tutto da solo ma non mi dispiacerebbe che ci fosse qualcuno al mio fianco che si occupasse di certe cose, il marketing appunto.

lunedì 18 febbraio 2013

Recensione di Nylon and Turtle di Sergi Boal, Acustronica




Se questa release di Acustronica fosse uscita in vinile o su cd sarebbe rimasta incollata al ‘piatto’ per diverse settimane, essendo distribuita unicamente in formato digitale mi devo accontentare di ascoltarla a ripetizione sul mio lettore mp3.
Sergi Boal è un chitarrista barcellonese, classe 1977, qui al suo debutto discografico, con alla base evidenti seri studi di chitarra classica e un chiaro gusto per l’improvvisazione. Due cose che mette bene a frutto in questo suo Nylon and Turtle uscito per la italiana Acustronica netlabel, etichetta on line di cui sto esplorando con sempre maggiore convinzione e piacere il nutrito catalogo che distribuisce dal suo sito: http://www.acustronica.com.
Ascoltare questo disco mi ha fatto tornare in mente un misconosciuto chitarrista brasiliano dal nome di Bola Sete. Un chitarrista semplicemente eccezionale che negli anni ’60 aveva inciso una manciata di album, alcuni ristampati piuttosto di recente tra cui il suo eccezionale Ocean Memories. Come Sete, Sergi Boal riesce a coniugare un gusto bellissimo per l’improvvisazione libera e torrenziale che caratterizzava la musica di John Fahey e Robbie Basho, con il jazz, la bossa nova e la musica classica, realizzando un disco eccezionale.
Se Sergi Boal legge questa recensione vorrei proporgli una produzione per la nostra netlabel AlchEmistica, lo aspettiamo a braccia aperte

http://www.acustronica.com/artists/104-nylonturtle.html

Sergi Boal: biografia




Sergi Boal è un chitarrista barcellonese (1977). La sua musica, basata su composizioni di chitarra proprie, raggiunge sonorità assolutamente originali e innovative che poco hanno a che fare con i suoni della chitarra classica a cui siamo abituati. La musica e l’interpretazione del Boal non possono perciò incasellarsi in nessun genere, perché il Boal ha creato uno stile proprio e originale.
Nonostante la sua sia una formazione classica, da sempre si è interessato a tutti i tipi di musica, dal Rock al jazz passando per il flamenco, la bossa e quant’altro. È dopo un concerto del suo pianista jazz preferito Brad Meldauh che Sergi sente la necesità di suonare e comporre la sua musica. Questo primo CD strumentale ,” Nylon and Turtle” è stato pubblicato dalla casa discografica italiana Acustronica e ha ricevuto grandi applausi di pubblico e critica.
Il secondo album “Silenci” registrato recentemente, può essere già ascoltato su:Http://sergiboal.bandcamp.com. ed è stato pubblicato a febbraio 2013 presso la stessa casa discografica.

domenica 17 febbraio 2013

"Cercle" by Sergi Boal new release for AlchEmistica and Acustronica netlabels




Sergi Boal, Spanish guitarist from Barcelona, achieves this new EP for solo guitar with netlabels AlchEmistica and Acustronica. For AlchEmistica is a new opportunity to let people known and to promote innovative music outside of the usual boundaries and banal musical genres. Cercle is thought, creative music played by an  innovative and eclectic musician. We invite you to listen to these five songs NUVOL, Angel Blau, Cercle, Nils and Sense Tu .. res ... we are very proud of this new release.

Free listen and download here

Guitars Speak secondo anno: Manuel Mota




Mercoledì sera su Radio Voce della Speranza


Manuel Mota è un chitarrista portoghese, compositore ma soprattutto improvvisatore, da molti indicato come il degno erede di Derek Bailey. Il suo modo di suonare ricorda il modo di dipingere di certi monaci zen, una pennellata qua, un segno là, li vedi dipingere e non capisci cosa stiano facendo .. poi all'improvviso il dipinto si materializza davanti ai tuoi occhi, lasciandoti a bocca aperta. Manuel Mota suona la sua chitarra nello stesso modo rigoroso ma allo stesso tempo creativo.

Wedsneday evening  9 PM on Radio Voce della Speranza

Manuel Mota is a Portuguese guitarist, composer but above all improviser, by many people indicated as the worthy heir to Derek Bailey. His style of playing reminiscent of the way to paint of some Zen monks, a brushstroke here, a sign there, you see them paint and do not understand what they're doing .. then suddenly the painting materializes before your eyes, leaving you speechless. Manuel Mota plays his guitar in the same rigorous yet creative way ..




"Cercle" di Sergi Boal nuova release per AlchEmistica




Il chitarrista barcellonese Sergi Boal realizza questo nuovo Ep per chitarra sola con le netlabels AlchEmistica e Acustronica. Per AlchEmistica è una nuova occasione per promuovere e rendere nota musica innovativa al di fuori dei soliti confini e dei banali generi musicali. Cercle è un disco meditato, creativo suonato da un musicista innovativo e eclettico. Vi invitiamo all'ascolto di questi cinque brani Nùvol, Angel Blau, Cercle, Nils e Sense Tu .. res ... ne siamo orgogliosi.






Ascolta e scarica gratuitamente Cercle

giovedì 14 febbraio 2013

Video: Peter Söderberg Karlheinz Stockhausen - Tierkreis (Lute Version), I-VI



Tierkreis, for 12 music boxes or ensemble (1974-1975)

I. Aquarius 
II. Pisces 
III. Aries 
IV. Taurus 
V. Gemini 
VI. Cancer 
VII. Leo 
VIII. Virgo 
IX. Libra 
X. Scorpio 
XI. Sagittarius 
XII. Capricorn 

Peter Söderberg & Sven Åberg, lutes

Karlheinz Stockhausen's Tierkreis (Zodiac) is excerpted from his 1975 work Musik im Bauch (Music in the Breast) for six percussionists and music boxes. Musik im Bauch is a musical "fairy tale" with stage action and minimal plot; its nostalgic naivete recalls the theater piece Herbstmusik (1974). In Tierkreis, the twelve signs of the zodiac are represented by melodies (or, more precisely, complex musical formulae expressed in several voices with specified tempos) on one of twelve music boxes. For the instrumental version of the work, Stockhausen made transcriptions of the music box melodies; a characteristic scoring includes clarinet, flute, trumpet, and piano, though any number of similar combinations is allowed. 

In the instrumental version(s) of the work, timbral effects, dynamics, and other parameters become part of the larger formula of each zodiac sign's music. The music itself is unexpectedly melodic, tonally centered, and even "pretty" in ways that are unexpected given the composer's earlier music. Stockhausen carefully considered the characteristics of each sign and each month of the year, as well as the personalities of people he knew were born under a particular sign, in composing this work. Tierkreis presages very directly the work with musical and character archetypes Stockhausen eventually undertook in his opera cycle Licht. 

martedì 12 febbraio 2013

Video: Antonio Rugolo plays Mauro Giuliani - Rossiniana n. 5 op.123

Video: Frederic Zigante plays Bach BWV997 Prelude

Sabato 16 febbraio ORE 21,30 MUSICA LIVE “CORDE VELLUTATE 2013” Massimo DI GAETANO – Chitarra Giulio NENNA - Chitarra



Circolo virtuoso Il nome della Rosa
Giulianova Alta, Via Gramsci 46/a

Info Line 338/9727534

Sabato 16 febbraio ORE 21,30
MUSICA LIVE
“CORDE VELLUTATE 2013”
Massimo DI GAETANO – Chitarra
Giulio NENNA - Chitarra

Giulio NENNA
Nato nel 1998 a Giulianova (TE), inizia lo studio della chitarra classica all’età di 11 anni sotto la guida del M° Andrea Carbone. Dal 2010 frequenta il corso di chitarra classica presso l’ Istituto Superiore di studi musicali “G. Braga” sotto la guida del M° Massimo Di Gaetano. Ha partecipato a masterclass di rinomati maestri quali Marco Salcito, Marco Del Greco e Bruno Battisti D’Amario, ed ai seminari estivi di “Julia Jazz”. Da subito si cimenta in concorsi di esecuzione, riportando il primo premio al VIII Concorso Nazionale di Musica “Capitanata 2011” (Foggia) ed al concorso “Le ali della musica” (L’Aquila) dove si aggiudica una borsa di studio ed il Premio “N. Rota” come miglior interprete di un brano del Novecento. Chitarrista eclettico ed aperto a vari orizzonti musicali, si cimenta anche nello studio e nella pratica della chitarra elettrica. Suona una chitarra del maestro liutaio Luigi Sabbatini (2011).


PROGRAMMA

Nikita Koshkin (1956)

Marche des chevaliers

Heitor Villa Lobos (1887-1959)

Studio n° 8 in do diesis minore

Preludio n° 2 in mi maggiore

Isaac Albeniz (1860-1909)

Asturias

Francisco Tarrega (1852-1909)

Capricho arabe



Massimo DI GAETANO
Nato a Teramo nel 1982, si è diplomato col massimo dei voti presso l'ISSM "G. Braga”, e nello stesso istituto consegue il biennio di II livello in discipline musicali ad indirizzo didattico ed il biennio II livello in musica da camera. Partecipa a concorsi internazionali, conseguendo il secondo premio (con primo non assegnato) al concorso internazionale di Moncalieri, alla Rotary Cup di Giulianova, ed il primo premio assoluto al Concorso Internazionale “Paolo Barrasso” di Caramanico Terme. Con il Frevo Guitar Trio è risultato finalista alla selezione concertisti “Paganini” di Parma, primo premio assoluto con debutto al Teatro “Vittoria” al concorso “A. Segovia” di Ortona, ed il terzo premio al concorso “Rospigliosi” di Lamporecchio. Ha seguito masterclass di Giampaolo Bandini, Maurizio Colonna, Carlo Marchione. Ha suonato per importanti istituzioni concertistiche come il Festival Internazionale della chitarra di Cassino, La Società della Musica e del Teatro “Primo Riccitelli”, Teatro Ex Aurum di Pescara, il 49° Festival di Nuova Consonanza, il Roma Guitar Festival, il festival “Roma in scena - Musica e follia nelle sei corde” presso Palazzo Braschi. Il vivo interesse per la musica contemporanea lo ha portato a seguire studi di composizione. Si è perfezionato sotto la guida dei M° Bruno Battisti D’Amario, Marco Salcito, Massimo Delle Cese. Svolge attività concertistica come solista, in complessi da camera e con il (MU)Sick Project, originale formazione di chitarra e percussioni, con il quale ha recentemente pubblicato un disco di musica d’avanguardia e improvvisazione (“Atelier”, Fonoarte 2010). E’ membro dell’Ensemble Metadiapason, specializzato nella musica d’avanguardia e aleatoria, con il quale ha tenuto una serie di concerti a Shanghai presso il padiglione italiano dell’EXPO 2010 e presso la Tonji University. Particolarmente versato sul fronte della musica contemporanea, il suo repertorio include, tra gli altri, opere di Maderna, Bussotti, Cage, Zorn. E’ docente di chitarra nei corsi pre-accademici presso l’ISSM “G. Braga” di Teramo.

PROGRAMMA

Domenico Scarlatti (1685-1757)

Sonata K 208

Maurice Ohana (1913-1992)

Tiento

Agustin Barrios Mangoré (1885-1944)

La catedral (Preludio "saudade", Andante religioso, Allegro solemne)

Sergio Sorrentino (1983)

Aforismi I e II

Gaspar Sanz (1640-1710)

Suite española (Españoletas, Gallarda y Villano, Danza de las hachas, Rujero y Paradetas, Zarabanda al ayre español, Passacalle de la cavalleria de Napoles, Folias, La Miñona de Cataluña, Canarios)

Seminari interpretazione chitarristica Zigante Castellaneta (TA)









Le date del primo seminario del corso sono il 9  e 10 Marzo
Di seguito i costi dei singoli seminari e di tutto il corso annuale (con incontri a marzo, giugno e settembre, date da stabilirsi insieme con gli iscritti al corso annuale)

Corso Annuale Zigante (Iscrizione + 350 Euro)  (3 incontri da 2 lezioni ciascuno Tot. 6 lezioni)

Corso Annuale Zigante/Rugolo (iscrizione + 470€)  (6 lezioni con Zigante e 6 Rugolo Tot. 12 lezioni)Corso Annuale Rugolo (iscrizione + 130€)  (3 incontri da 2 lezioni ciascuno Tot. 6 lezioni)

Costo del singolo seminario Zigante (iscrizione+120€) (2 lezioni)
Costo del singolo seminario Zigante/Rugolo (iscrizione+170€) (4 lezioni)
L' iscrizione è possibile effettuarla inviando un bonifico all' Associazione organizzatrice:
A chi fosse interessato invierò  i dati bancari dell' associazione dove versare 50€ di iscrizione; 
I corsi si tengono a Castellaneta (TA) c/o La Civica Scuola di Musica Arcangelo Corelli Corso Vittorio Emanuele 119

lunedì 11 febbraio 2013

Video: Peter Söderberg Akantus, Amando E Desiando "Falalala"

Recensione di Liuto con Forza di Peter Soderberg, Phono Suecia 2010




Qualche tempo fa avevo recensito qui sul blog il bel cd di Magnus Anderrson “Chitarra con forza”, uscito nel 1988 per la Phono Suecia. Ora mi ritrovo a parlare e soprattutto ad ascoltare questo “Liuto con Forza” uscito nel 2010 sempre per la stessa etichetta discografica.
Un caso? Una coincidenza? Certo, ventidue anni non sono pochi e in termini discografici per una piccola casa discografica indipendente sono come ere geologiche, ma sicuramente si nota una certa linea di affinità tra i due dischi.
Peter Soderberg è svedese, classe 1957. Ha un curriculum eccezionale avendo studiato alla Royal College of Music e nella Schola Cantorum Basilensis negli anni ’80. Soderberg non è un “normale” musicista di formazione classica, ama improvvisare, ama rimaneggiare le musiche e rielaborale e cosa di meglio del liuto e della musica rinascimentale per esplorare queste possibilità? Da lì ad esplorare la musica contemporanea il passo è breve e Soderberg inizia a frequentare questo repertorio, a trascrivere e cosa più importante a chiedere ai compositori di prendere in considerazione la possibilità di scrivere nuovi pezzi per il liuto, un strumento da secoli legato a una rigida iconografia musicale.
Così quando si ascolta questo cd si ha una specie di shock culturale. Senti le dolci note del liuto e automaticamente la tua mente si prepara all’ascolto della musica antica mentre le orecchie vengono raggiunte dalla musica contemporanea. Un piccolo corto circuito che rende l’ascolto ancora più interessante e intenso. Molto bello e ancora più bello vedere e ascoltare queste novità, abbiamo bisogno di gente che osa e prova nuovi sentieri e strade.
Musiche di Bengt Hambraeus, Ivo Nilsson, Erik Peters, Lars Ekstrom, Ingvar Karkoff e Kent Olofsson.