venerdì 8 febbraio 2013

MIROSLAV VITOUS - MAURIZIO BRUNOD DUO

CONCERTS D'HIVER 2013

Cari amici,
abbiamo il piacere di invitarvi al primo
appuntamento di CONCERTS D'HIVER 2013

Domenica 10 febbraio - ore 20,45
Salone ducale del Municipio di Aosta


MIROSLAV VITOUS - MAURIZIO BRUNOD DUO

Maurizio Brunod: chitarra acustica, elettrica e live sampling
Miroslav Vitous: contrabbasso


Maurizio Brunod è uno dei chitarristi più apprezzati di questi ultimi anni. Presente nelle classifiche top jazz tra i migliori chitarristi nazionali, tra i trenta dischi che può vantare ne ha realizzato uno anche al mitico Rainbow Studio di Oslo nel 2009. Ha collaborato, tra gli altri, con John Surman, Tim Berne, Alexander Balanescu, Enten Eller e Javier Girotto.
In questo progetto incontra un mito della nostra epoca, Miroslav Vitous, tra i piu virtuosi contrabbassisti al mondo, che ha fondato con Joe Zawinul e Wayne Shorter i Weather Report, e suonato con Miles Davis, Chic Corea, Jan Garbarek, Pat Metheny. Musica senza confini, dal grande interplay e pathos. Il duo nel marzo 2012 ha inaugurato con grande successo di pubblico e critica il 32° Eurojazz festival di Ivrea (Open jazz festival) e registrato alcune tracce che usciranno nel prossimo cd “Duets” di Brunod.
Terzo classificato per il 2011 e quinto per il 2010 – unico piemontese - tra i migliori chitarristi italiani del prestigioso referendum indetto dalla nota rivista nazionale “Musica Jazz” che invita oltre sessanta critici a valutare il jazz nazionale, è sicuramente tra i più noti chitarristi del panorama jazzistico italiano. Collabora con molti importanti musicisti italiani ed internazionali dell'area jazz-ricerca e latina. Ha registrato trenta dischi, cinque dei quali per sola chitarra, progetto che lo contraddistingue da anni e ha partecipato a numerosi festival di tutta Europa, Russia, Africa. Suona chitarra classica e acustica, elettrica e live sampling.

Miroslav Vitous inizia lo studio del violino all'età di sei anni, pianoforte a dieci anni, e contrabbasso a quattordici. Successivamente studia al conservatorio di Praga, e vince un concorso internazionale a Vienna, ottenendo una borsa di studio per la Berklee College Of Music di Boston.
Il virtuosismo di Vitous nell'ambito del contrabbasso ha spinto molti critici ad affiancarlo a bassisti del calibro di Scott LaFaro, Dave Holland, Niels-Henning Ørsted Pedersen e Christian McBride. Un esempio rappresentativo del talento di Vitous al contrabbasso è il disco Now He Sings, Now He Sobs (1968), con Chick Corea al pianoforte e Roy Haynes alla batteria, disco che presenta forte senso ritmico, innovative linee di walking bass ed un intenso uso dell'improvvisazione.
Il suo primo disco solista, Infinite Search (1969), rieditato ultimamente, presenta nella formazione musicisti chiave per quello che sarà successivamente il movimento jazz fusion: il chitarrista John McLaughlin, il pianista Herbie Hancock, il batterista Jack DeJohnette, e il sassofonista Joe Henderson, già nota icona del jazz.
È stato uno dei membri fondatori del gruppo Weather Report, ha lavorato con Jan Hammer, Freddie Hubbard, Miles Davis, Chick Corea, Wayne Shorter, Joe Zawinul e Jan Garbarek. Dal 1988 è ritornato in Europa per concentrarsi sulla composizione, senza però smettere di esibirsi in concerti e festival. 
Posta un commento