lunedì 1 settembre 2014

Intervista a Corrado Pasquotti di Leonardo De Marchi

Dal 12 al 19 ottobre 2014 la splendida cornice dell’isola d’Ischia ospiterà una nuova edizione dei Corsi musicali dell’associazione Ischia Musica. 
L’iniziativa, patrocinata dai comuni di Forio e Lacco Ameno e giunta quest’anno alla sua quinta edizione, avvicina studenti di ogni fascia d’età ad uno studio specializzato della musica. In questo contesto, particolare attenzione è posta al repertorio delle avanguardie storiche e alla più recente sperimentazione musicale, con un’ampia offerta di concerti, masterclass e seminari a tema. 
Accanto alle discipline più consuete relative all’esecuzione strumentale (chitarra, pianoforte, flauto, musica da camera…), Ischia Musica ha rivolto - caso raro in Italia - la sua attenzione all’interazione tra musica e nuove tecnologie: negli anni sono stati offerti, tra gli altri, workshop dedicati alla composizione per strumenti acustici e live electronics (prevalentemente su piattaforma Max MSP), al soundscaping (paesaggio sonoro), alla videoscrittura musicale.
Corrado Pasquotti, docente di Composizione presso il Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia e presidente dell’Associazione Ischia Musica, è ideatore ed anima della manifestazione. Ha deciso di rispondere alle domande di “Chitarra e Dintorni” in un’intervista di cui vi diamo conto.


Caro Corrado, ad ottobre la kermesse di Ischia Musica taglia il traguardo della sua V edizione. Innanzitutto, ci spieghi che cos’è Ischia Musica? Perché proprio Ischia?

L'Associazione Culturale «Ischia Musica» è stata costituita nel  2010 a Forio - Isola d'Ischia.
Le attività e le iniziative di «Ischia Musica» sono rivolte in particolare a studenti, giovani musicisti, addetti al settore musicale storico e interpretativo ed anche agli appassionati.
L'Associazione intende favorire la figura professionale del musicista odierno, nonché gli scambi culturali fra giovani e professionisti dei diversi paesi, attraverso anche  l’apprendimento delle nuove tecnologie e l’utilizzo di attrezzature elettroniche applicate al settore musicale.
I CORSI MUSICALI sono dedicati soprattutto agli studenti del Triennio di I livello, del Biennio di II livello (corsi di Laurea) dei Conservatori Italiani e agli studenti dei Licei Musicali (corsi pre accademici) una fascia di età che va dai 15 ai 28 anni circa.
Ai Corsi possono iscriversi anche studenti privatisti e appassionati di qualsiasi livello conoscitivo musicale i docenti sceglieranno l’insegnamento opportuno a seconda dei vari casi. Non c’è nessun esame o prova di ammissione. Parallelamente ai Corsi si svolgono ogni giorno CONCERTI con allievi e docenti.
Perché Ischia: soprattutto per il piacevole clima autunnale.
I CORSI si svolgono nella seconda settimana di ottobre e ciò può essere appetibile a quanti appassionati di musica desiderano unire una vacanza termale con impegni culturali.

In Italia la cultura e gli enti locali spesso non vanno d’accordo. La relativa longevità delle iniziative che promuovi sembrano suggerire, al contrario, che il territorio ha risposto bene e considera interessanti anche eventi diversi dalla sagra di paese o dai concerti delle tribute band. Qual è il rapporto che Ischia Musica ha con le istituzioni dell’isola? Quali comuni sono coinvolti e a che titolo?

I Corsi si svolgono nelle cittadine di Forio e Lacco Ameno; le rispettive Amministrazioni Comunali offrono a ISCHIA MUSICA oltre al Patrocinio morale l'utilizzo di luoghi importanti quali:
a FORIO la Sala consigliare, il chiostro del Municipio Vecchio, il Torrione;
a LACCO AMENO le sale espositive di Villa Arbusto-Gingerò.
Altre istituzioni come la Fondazione LA COLOMBAIA di Luchino Visconti, la Scuola Media "Santa Caterina da Siena", la Banda Musicale di Forio e l'Arciconfraternita di Santa Maria di Visitapoveri mettono a disposizione di ISCHIA MUSICA le loro rispettive sedi. Inoltre alcune Associazioni Ischitane come VICOLI SARACENI e RADICI ci offrono la loro collaborazione per la promozione dei CONCERTI dei CORSI MUSICALI.

Importante per il successo dell’iniziativa è stato il legame con alcune realtà produttive isolane che hanno dato un grande sostegno, materiale e pubblicitario, agli eventi. Ci parli di questo particolare aspetto? 

Il ruolo del Residence LA ROSA in particolare nella figura di Angelo Impagliazzo è stato per i Corsi il più grande e prezioso sostegno. Tutti i Corsisti e i Docenti sono ospitati alla ROSA e di volta in volta vengono trasferiti nei luoghi di lezione e ai concerti. Il Residence è la Sede ufficiale di ISCHIA MUSICA ed è anche l'aiuto economico maggiore considerando le tariffe del soggiorno applicate ai Soci e ai corsisti.
Da qualche anno con la collaborazione di due famosi ristoranti: IL LIMONETO a Forio e O'PIGNATTELLO a Lacco Ameno organizziamo dei CONCERTI APERITIVO - mezz'ora di musica e un prosecco, quest'anno offerto dal Consorzio di Conegliano Valdobbiadene.
L'iniziativa ha avuto molto successo ed è servita come veicolo informativo per le altre iniziative proposte dall'Associazione.

I corsi di Ischia Musica attraggono un numero sempre crescente di giovani: quali scelte sono state fatte per avvicinarli all’offerta, formativa e culturale in senso più ampio, delle ultime edizioni?

Naturalmente la qualità dei Docenti è la più importante. Ma negli ultimi anni la promozione dei Corsi nei Licei Musicali (ogni 12 studenti iscritti un insegnante accompagnatore ospitato gratuitamente) e l'aiuto indispensabile del Dott. Luigi Polito Amministratore delegato di IMPERATORE TRAVEL che mette a disposizione un Pullman riservato ai Soci di ISCHIA MUSICA da Udine per Forio e ritorno compreso il traghetto, hanno favorito la crescita degli iscritti negli ultimi anni ai Corsi Musicali.

Hai promosso un forte interesse per la Nuova Musica, sia nella programmazione dei concerti che nella scelta delle materie e dei docenti. 
Ci parli di ciò che ti ha fatto scegliere questo specifico indirizzo? Soprattutto considerando che sono corsi in cui si parla molto a musicisti giovani e giovanissimi, è una scelta forte ed audace: quasi a dire che la Nuova Musica non è solo una cosa per “vecchi”...

Sinceramente penso che la NUOVA MUSICA sia più per i giovani che per i vecchi.
Se la musica è veramente nuova è sempre in continua evoluzione. Non penso che l'avanguardia storica sia la nuova musica lo è stata a suo tempo ma non ora.
Questo è il pensiero dominante che mi ha fatto scegliere questo percorso. Offrire ai giovani la possibilità di fare della musica nuova sia come compositori che interpreti.

Come è strutturata l’offerta dei corsi in ambito di composizione e di nuove tecnologie? Chi sono stati i docenti delle edizioni passate e chi saranno quelli della prossima edizione?

La Musica e le Nuove Tecnologie nei Corsi di quest'anno si articola in due modi:
LAPTOP ENSEMBLE docente Paolo Zavagna del Conservatorio di Venezia
LIVE ELECTRONICS e SOUND DESIGN con un WORKSHOP con il SON Ensemble, coordinato dai Docenti Carmine Emanuele Cella (ricercatore IRCAM Parigi), Lorenzo Pagliei (docente Conservatorio di Vicenza) e Davide Tiso (docente Conservatorio di Venezia).
Comunque anche i corsi di Composizione tenuto da Fabrizio Fanticini (docente Conservatorio di Parma) e Orchestrazione tenuto da Aurelio Samorì (docente Conservatorio di Pesaro) si avvalgono di Nuove tecnologie. E non per ultimo il corso di Videoscrittura tenuto da Giorgio Bussolin docente al Conservatorio di Adria.
Nelle passate edizioni i Corsi di Elettronica sono stati tenuti da: Agostino Di Scipio (2010 e 2011),  Stefano Alessandretti e Giovanni Sparano (2012), Alvise Vidolin (2013).

Com’è strutturata l’offerta dei corsi strumentali? Chi li terrà? L’interesse per i nuovi autori e i nuovi repertori viene coltivato anche nei corsi ad indirizzo strumentale? In che modo?

I corsi strumentali sono strutturati in Masterclass e cioè lezione individuale e collettiva  nello stesso tempo (chi suona viene ascoltato da tutti gli altri).
L'obbligo di fare nuova musica non c'è. Naturalmente la scelta del docente è fondamentale:
quando il Corso di Flauto e tenuto da Federica Lotti, e Clarinetto da Rocco Parisi; specialisti della musica contemporanea, tanto per citarne due, mi sembra che il gioco sia fatto.
La responsabilità e la libertà didattica è sempre e comunque del docente.

Ci saranno corsi che debutteranno nel 2014?

I nuovi corsi in programma quest'anno sono:
FAGOTTO docente Paolo Carlini (Primo fagotto dell'orchestra regionale Toscana);
VIOLINO E QUARTETTO d'ARCHI docente Alessandro Fagiuoli (Quartetto Paul Klee);
VIOLA docente Maurizio Barbetti (concertista);
VIOLONCELLO docente Pietro Serafin (docente al Conservatorio di Trieste);
e per concludere il CORSO GRATUITO per tutti gli ospiti di Ischia:
I FILOSOFI E LA MUSICA: Scontri e incontri, tenuto da Luigi Perissinotto docente all'Università Ca' Foscari di Venezia.

Per concludere, quali prevedi saranno, a medio-lungo termine (dai 5 ai 10 anni) gli sviluppi di Ischia Musica? Progetti particolari? Sogni nel cassetto?

Il sogno nel cassetto: far diventare per la Musica i CORSI di ISCHIA MUSICA il parallelo del Giffoni Film Festival per il Cinema.

Ringraziamo Corrado Pasquotti per la disponibilità nel rispondere alle nostre domande.

Posta un commento