lunedì 14 novembre 2011

Recensione di Jeff Beck's Guitar Shop



Caro Mr. Beck, le scrivo così, su due piedi. Questa sera sono andato dal mio negoziante di fiducia e nel suo angolo dell'usato ho trovato questo suo "Jeff Beck's Guitar Shop" del 1989. Che disco Mr. Beck, lo conoscevo già e lo conoscevo bene: la mia copia in vinile, comprata nel 1989, sembra la faccia della luna, una luna in vinile a 33 giri, tanto l'ho fatta girare sul piatto, tanto l'ho ascoltata, persino la cassetta su cui avevo riversato l'album era diventata inascoltabile.
La verità è che lei è un grande Mr.Beck, quanti anni ha? 65? Al diavolo, sembra che lei non li senta neanche, che lei si sia fatto fare un ritratto dallo stesso pittore di Dorian Gray, diciamoci la verità lei ha fatto piazza pulita attorno a lei. No, non faccia quella faccia, è tutto vero, chi erano i guitar heroes della sua epoca? Lei, Jimmy Page, Eric Clapton, Pete Townsend ... e tanti altri che non ce l'hanno fatta, che sono diventati immortali innanzi tempo .. e quanti sono ancora in attività? Andiamo chi ce l'ha fatta ad invecchiare adesso è un pensionato di lusso .. tra Ibiza e la Toscana .. e lei invece sempre lì, sempre sulla breccia, pronto a prendere una chitarra, una qualsiasi, anche scordata, dal manico storto magari e cavarci fuori una musica capace di ribaltare un masso.
Ma come diavolo fa Mr. Beck? Lei non è un virtuoso nel senso convenzionale. So che è capace di starsene una settimana senza suonare, senza esercitarsi e poi se ne parte per un tour .. e che invece di studiare lo strumento preferisce dedicarsi a riparare le auto d'epoca, poi prende in mano una sei corde e butta tutti giù dal palco. A ogni tour, a ogni disco, tutti i chitarristi corrono a imparare, a vedere che si è inventato stavolta, a cosa è stato capace di tirare fuori dal cilindro ... ma come fa? Mistero.
Ma torniamo a questo disco, mica lo sapevo che era uscito, ero andato a casa di un amico e mi aveva fatto ascoltare Blow by Blow e il mio cervello era andato in orbita, puff ... volato, giuro, abbiamo passato il pomeriggio a farlo girare sul piatto, a imparare a memoria pezzi come Scatterbrain, 'Cause we ended as lovers ... e quando sono uscito sono entrato nel mio negozio di dischi per comprarlo. Subito e in fretta anche. Non l'avevano e così ho comprato questo, così sulla fiducia. Grand disco, mai pentito della scelta. Poi l'ho comprato Blow by Blow .. e anche Wired ma che disco questo, così stassera finalmente lo faccio girare sul cd e lo "suono" a memoria, li so a perfezione i brani, sono vecchi amici, mi stupisco solo un attimo perchè .. li ricordavo col fruscio e le imperfezioni del vinile, ma la musica e la sua chitarra sempre lì, a ricordare cos'è un guitar hero e perchè lo è! E che copertina .. bellissima! Adesso che ho il cd col vinile ci faccio un quadro.... 39 minuti e una manciata di secondi da urlo, con una chitarra che vince la forza di gravità e diventa una bandiera, un suono, la perfetta testimonianza che il rock non morirà mai e che lei è uno dei suoi più grandi profeti. Lunga vita Mr. Beck! Continui ad invecchiare così, non c'è fretta, lei l'immortalità se l'è già guadagnata ... continui a suonare, la prego.
Posta un commento