lunedì 21 giugno 2010

Marco Pavin: Biografia


Marco Pavin nasce a Padova nel 1962.
Inizia a suonare la chitarra all'eta' di 11 anni e presto si indirizza verso lo studio della chitarra classica; si diploma al Conservatorio "Pollini" di Padova nel 1987 e contemporaneamente consegue la laurea in fisica e studia chitarra elettrica e improvvisazione.
Segue corsi di perfezionamento in Italia e Francia con Betho Davezac e David Russell.
Come chitarrista classico si è affermato in diversi concorsi e selezioni nazionali, ottenendo nel 1991 il primo premio al concorso "Città di Genova" nella categoria duo (con flauto) e nel 1992 il primo premio assoluto nella categoria solisti al concorso "Riviera dei fiori" di Alassio.
Dal 1987 svolge attività concertistica come solista di chitarra classica, in formazioni cameristiche (duo di chitarre, duo con flauto, ecc.) e anche con orchestra, ottenendo fin dall'esordio positive valutazioni da parte della stampa.
Da sempre predilige il repertorio contemporaneo di cui è divenuto uno specialista; non a caso nel 1989 entra a far parte del gruppo INTERENSEMBLE con il quale ha importanti esperienze che vanno da Stravinsky alle nuove frontiere della musica d'oggi, inclusa la computer-music.
Come solista e in varie formazioni ha tenuto concerti in tutta Italia, in Francia, Germania, Belgio, Polonia, Cecoslovacchia, Croazia, Grecia, Romania, Egitto e 4 tour negli USA. Ha partecipato a importanti festival internazionali di musica contemporanea ed effettuato registrazioni per la RAI e diverse radio-televisioni estere.
Ha suonato anche in formazioni jazz e fusion (Slang, Renewal Quartet).
Da diversi anni si dedica prevalentemente alla chitarra elettrica e al suo utilizzo nella musica "colta", cercando un punto di incontro con altre realtà come jazz contemporaneo e rock. Nel 1995 suona a Bologna in uno dei primi contesti in cui la chitarra elettrica figura da strumento solista con orchestra, sotto la direzione di Arturo Tamayo e davanti a 3000 persone.
L'improvvisazione, parte fondamentale del suo linguaggio musicale, trova spesso spazio nelle sue programmazioni concertistiche, dove la chitarra elettrica solista si coniuga con una nutrita effettistica, live electronics e anche con l'uso del MIDI e di basi realizzate con il computer.
Con l'Interensemble ha realizzato 7 CD in svariati contesti che vanno dal minimalismo a Astor Piazzolla.
Nel 2001 l'uscita del suo primo CD come solista, "Electric Dream", interamente dedicato alla chitarra elettrica contemporanea e in cui è impegnato anche come compositore. Tra i brani una versione completamente elettrica del noto "Electric Counterpoint" di Steve Reich. Il CD è stato trasmesso radiofonicamente a Londra, in U.S.A. (Oberlin-OHIO) e in Australia (Perth).

Posta un commento