martedì 14 settembre 2010

Intervista con Scott Johnson, prima parte


La prima domanda è sempre quella classica: come è nato il suo amore e interesse per la chitarra e con quali strumenti suona o ha suonato?

Il mio vero amore per la musica è la composizione, ma il mio primo flirt fu suonare la chitarra nei gruppi rock fin da adolescente. Ben presto ho imparato di più da un insegnante di armonia jazz vecchio stile, e poi mi sono interessato alla musica classica. La solo musica per chitarra classica da cui mi sentivo attratto sono state le suite liuto di Bach, e non sono mai diventato un abile esecutore classico - il suono della chitarra elettrica è stato il mio mondo. La chitarra è ancora l'unico strumento che suono, anche se ho sempre composto sulla tastiera. Ma la tastiera è solo uno strumento di scrittura per me.


Qual’è la sua formazione musicale, con quali insegnanti ha studiato e che influenza hanno esercitato nella sua musica?

Anche se ho studiato teoria musicale in generale all'università, io sono autodidatta come compositore. Ciò ha vantaggi e svantaggi, ma nel complesso sono contento del risultato. Raccogliere informazioni è più difficile quando fai tutto da te, e tu devi essere molto auto-motivato. Ma da quando non ho più sentito il bisogno di compiacere la mia insegnante, sono stato in grado di far prendere alla mia musica una direzione inusuale.

Come è iniziato il suo interesse per il repertorio contemporaneo, e quali sono le correnti stilistiche in cui lei si riconosce di più?

Come molte persone, il mio interesse per la musica classica moderna ha avuto inizio con Stravinsky. Poi ho scoperto Varese, la linea modernista europea da Webern a Stockhausen, e avanguardisti Americani da Cage a Riley al jazz d'avanguardia. Ma io non sono cresciuto con la musica classica “tradizionale”, così non ho mai dovuto ribellarsi contro di essa. Non ho mai avuto nulla contro le triadi.

Dopo aver studiato musica e arti visive al college, ho avuto una crisi musicale. Alle mie orecchie piacevano le chitarre elettriche e altri suoni della musica popolare americana, ma alla mia mente creativa piacevano le capacità e le possibilità espressive della tradizione classica. Temevo che il mio istinto musicale non sarebbe mai stato il benvenuto nel mondo dei compositori, così ho deciso di smettere con la musica, e di trasferirmi a New York per diventare un artista visivo. Lì ho trovato un nuovo mondo musicale legato al mondo dell'arte visiva - il "downtown mix” dei minimalisti, appassionati di Cage, improvvisatori, e le rock band sperimentali che a quell’epoca impazzavano per Soho e l'East Village. Questo mi ha incoraggiato a tornare alla musica, e a seguire il mio cammino, senza appartenere a uno stile esistente.

Berio nel suo saggio “Un ricordo al futuro” ha scritto: “.. Un pianista che si dichiara specialista del repertorio classico e romantico, e suona Beethoven e Chopin senza conoscere la musica del Novecento, è altrettanto spento di un pianista che si dichiara specialista di musica contemporanea e la suona con mani e mente che non sono stati mai attraversati in profondità da Beethoven e Chopin.” Lei suona un repertorio contemporaneo … si riconosce in queste parole?

Sì e no. E 'vero che il repertorio moderno proviene dal passato classico e romantico passato, anche quando sembra molto diverso. Anche un lavoro hardcore del XX secolo, che respinge con fermezza l’emotività romantica non può essere completamente compreso senza capire a cosa sia contrario.

Ma l'affermazione di Berio è rivolto al mondo introspettivo del modernismo del XX secolo, che era molto interessato al lato scientifico e storico della musica. C'è un altro aspetto della musica che manca nella maggior parte dei modernismo contemporaneo - ma non è mancato nei periodi precedenti. I fondatori della tradizione classica europea prendevano in prestito gratuitamente dagli stili di vita popolare che li circondavano, trasformando semplici inizi in risultati complessi. Dal XX secolo, molti compositori si concentrarono solo sui compositori del passato come fonte di ispirazione o di argomento, scegliendo di ignorare l'ambiente culturale contemporaneo. Credo che questo sia un grave errore. I grandi compositori del passato erano sempre alla ricerca intorno a loro, usando stili di vita vernacolare come punto di partenza per generale ulteriore musica complessa.

Così Berio è corretta nella direzione in cui lui va. Ma lui non va abbastanza lontano. Un pianista che capisce solo classico, romantico e stili modernisti continua a non capire la nostra età. Questo musicista sta ignorando le musiche vitali che possono essere gli elementi fondamentali della nostra espressione. Il pianista ideale di Berio parla solo latino, non italiano o in inglese o cinese.


continua domani..
Posta un commento