sabato 18 settembre 2010

Intervista con Scott Johnson, quinta parte


I suoi prossimi progetti? Quando la vedremo suonare in Italia?

Io sto cominciando un progetto importante basato sulla voce del filosofo americano Daniel Dennett. Io trovo un grande senso di meraviglia nel mondo complesso che la scienza di Darwinian ci rivela, e Dennett ne è un forte fautore nella collettività filosofica.

Per ritornare ad Italia, speditemi un biglietto! Ho lavorato per una masterclass di composizione in Umbria l'estate scorsa, e mi è piaciuto molto. Io verrei piuttosto come compositore che come musicista, ma io sono sempre felice di avere una scusa per visitare questo vostro bel paese. Canterò, ballerò, farò trucchi magici.

L’ultima domanda il Blog viene letto da diversi studenti .. ha qualche buon consiglio da dargli?

Trovatevi un lavoro vero! E non fidatevi nel mio consiglio.

Ci lasciamo con un’ultima domanda .. che in realtà è più una riflessione: Luigi Nono ha dichiarato “Altri pensieri, altri rumori, altre sonorità, altre idee. Quando si ascolta, si cerca spesso di ritrovare se stesso negli altri. Ritrovare i propri meccanismi, sistema, razionalismo, nell’altro. E questo è una violenza del tutto conservatrice.” … ora .. la sperimentazione libera dal peso di dover ricordare?

Se io sto capendo correttamente Nono, io penso che lui stia dicendo che noi spesso ascoltiamo senza sentire quello che l'altro sta pensando, ma solamente sentendo i nostri propri pensieri riflessi.

Sì, la maggior parte delle persone nella maggior parte del tempo ricorda se stessa, vedendo solamente i loro pensieri pre-esistenti nel lavoro di qualcun altro. Quello è parte di ciò che è la cultura: un gruppo di primati sociali in un cerchio, che dicono a loro stessi che tutti sentono nello stesso modo. E spesso è non è un peso - spesso è un conforto. Forse un conforto leggermente pigro, come la maggior parte dei conforti. Ma le persone hanno anche momenti quando loro sono annoiati dai conforti, e vuole delle avventure. Alcune persone vogliono più spesso di altri questo sentimento, e loro sono il pubblico per la musica nuova.

La sperimentazione sarà sempre un interesse per una minoranza. Ma molte persone ancora hanno momenti di curiosità, quando loro hanno bisogno di qualche cosa nuovo, e noi non dovremmo scacciarli via. Offrire la novità è il nostro lavoro nella cultura. Qualche volta noi saremo assunti, qualche volta no. Ma l'evoluzione assicura che la cultura avrà sempre bisogno di sperimentatori. Noi serviamo la stessa funzione all'interno della cultura che la mutazione genetica fornisce in natura: una fonte di variazioni non prevedibili. L'evoluzione non può avvenire senza un pool di variazioni in cui poter scegliere. Noi disegniamo i prototipi.

Scott Johnson, February, 2010
Posta un commento