mercoledì 15 settembre 2010

Intervista con Scott Johnson, seconda parte


Berlioz disse che comporre per chitarra classica era difficile perché per farlo bisognava essere innanzitutto chitarristi, questa frase è stata spesso usata come una giustificazione per l’esiguità del repertorio di chitarra classica rispetto ad altri strumenti come il pianoforte e il violino. Allo stesso tempo è stata sempre più “messa in crisi” dal crescente interesse che la chitarra (vuoi classica, acustica, elettrica, midi) riscuote nella musica contemporanea. Lei come compositore e chitarrista ritiene quanto ritiene che ci sia di veritiero ancora nella frase di Berlioz?

Berlioz le parole non sono più valide a seguito dell’utilizzodella chitarra elettrica o amplificata in situazioni di ensemble. Ma sono ancora vere per assolo di chitarra classica con trame polifoniche, perché le diteggiature e i giochi di voci della chitarra e sono molto idiomatiche e difficili. Le chitarre acustiche non amplificate non può ancora giocare alla pari nei grandi gruppi misti - le chitarre non hanno un volume sonoro sufficientemente alto. Ma con chitarre elettriche questo non è un problema – semmai è pericoloso il contrario!
Come gli strumenti ad arco che possono pizzicare le corde, la chitarra elettrica oggi è uno strumento con due suoni distinti: utilizzando la distorsione, le chitarre elettriche possono fare una sola linea sonora con lunghe note tenute. Ora è possibile scrivere una parte di chitarra soddisfacente, senza alcuna conoscenza specialedi quella che ci vuole per scrivere una parte per violino, con occasionali double stops o open strings. Ma per i passaggi pienamente armonizzati, la chitarra è ancora uno strumento difficile, come una mano su un pianoforte. Quindi, per la scrittura polifonica, Berlioz ha ancora ragione.

Ho davvero apprezzato il suo disco "John Somebody" .. Penso che sia un disco minimalista che suona con la forza della musica rock, quanto è stato ispirato dalle prime musiche composte da Steve Reich?

La maggior parte delle persone non sono consapevoli del fatto che Steve Reich e io ci siamo influenzati a vicenda, in primo luogo io con lui, e poi viceversa. I suoi primi vocali in loop sono state una delle tre influenze che ho avuto quando ho inventato l'idea di trascrivere i passi e i ritmi del discorso in linee strumentali, cosa che ebbe inizio con " John Somebody " (1979-1982). Le altre mie ispirazioni sono state le trascrizioni di Messiaen delle melodie del canto degli uccelli, e il botta e risposta (call-and-response) tra cantanti e strumentisti del blues di Chicago. Il Blues è stato molto influente per la maggior parte della mia generazione - sono cresciuto in una città universitaria a nord di Chicago, e ha giocato in un bar locale, dove molti di quei musicisti sarebbe venuto a suonare.

Così primi pezzi di Steve hanno influenzato " John Somebody ", e poi " John Somebody " influenzò Steve che adottò le mie idee nella trascrizione in "Different Trains". E 'come rapporto tra Manet e la giovane generazione dei pittori impressionisti: sono stati influenzati dai primi lavori di Manet, e lui nelle sue opere più tarde ha adottato alcune delle loro tecniche. Ciò dimostra come le influenze possano viaggiare in entrambe le direzioni. Ora passo un sacco di tempo ad ascoltare giovani musicisti, e mi auguro che la loro influenza apparirà nel mio lavoro. E 'un segno di vita e di evoluzione.

Ho trascorso i miei primi anni a New York in una scena musicale post-moderna dominata dal minimalismo, e " John Somebody " è stato probabilmente il mio pezzo dal suono più minimalista. La maggior parte del mio lavoro recente ha un tasso veloce di cambiamento e di “contrasto”, con molto poco del senso di sospensione del tempo che si trova nel primo minimalismo (cosa che credo fosse importata, da fonti africane e asiatiche). Ma il minimalismo è stato molto importante per me in quel momento, perché offriva un percorso lontano dal modernismo atonale che ancora dominava la scena nei conservatori.

Minimalismo è stato un momento rivoluzionario nella musica moderna, ma era già ben consolidato quando ho cominciato a scrivere (alla fine degli anni ‘70). E 'stato importante per me trovare qualcosa di più personale, e la mia esperienza con la musica rock mi ha fornito la giusta strada. La mia idea era che nei primi secoli la musica classica europea aveva sempre importato DNA musicali dalle musiche folk che la circondavano, e il rock era la mia musica folk. Così ho usato il mio naturale ambiente culturale per fare una musica con un maggiore senso narrativo del tempo, spostandomi dalla stabilità del minimalismo. Se si ascolta l'opera successiva dei minimalisti della prima generazione, come Philip (Glass), Steve (Reich), e Terry Riley, puoi sentire che hanno anche sentito il bisogno di trovare una soluzione verso una musica meno statica.

Uno dei tuoi lavori, Americans, è stato interpretato da Sentieri Selvaggi e dalla chitarrista italiana Elena Càsoli a Milano, ci vuole parlare di questa esperienza?


Sono stato molto felice per l'eccellente lavoro di Sentieri Selvaggi e il loro direttore d'orchestra Carlo Boccadoro, e spero che lavoreremo insieme in futuro. E sono stato impressionato dal fatto che Elena fosse in grado di fornire una buona interpretazionedi questo pezzo con la tecnica finger-picking. Tutte queste parti di chitarra sono molto basati sulla tecnica rock del plettro, e non ho mai pensato di provare col finger-picking. Anche se, tra i chitarristi rock, Jeff Beck ottiene certamente un suono unico e impressionante suonando con le dita.Il pezzo con cui si sono esibiti, "Americans", è una delle mie composizioni recenti con più influenze. Sono contento che molti ensemble europei comincino ad essere interessati a musica "classica" che accetta influenze popolari così palesi.


continua domani
Posta un commento